Termini informatici

Spazio di discussione su prestiti e forestierismi

Moderatore: Cruscanti

Avatara utente
Incarcato
Interventi: 900
Iscritto in data: lun, 08 nov 2004 12:29

Intervento di Incarcato »

Giulia Tonelli dixit:
Invece lo strapotere culturale ed economico delle nazioni di lingua inglese, unito alla scarsissima conoscenza della lingua inglese in Italia, ammantano le parole inglesi di un'aura cool che le fa risultare vincenti in ogni confronto con le parole italiane.
Non e' l'inglese che sta uccidendo l'italiano: semmai sono l'ignoranza e la provincialita' dei parlanti italiani, che stanno uccidendo l'italiano.
La conoscenza o l'ignoranza dell'inglese non è il fattore discriminante: nei paesi nordici l'inglese si studia di piú e meglio, ma l'invasione se la devono sorbire anche loro.

Avatara utente
bubu7
Interventi: 1454
Iscritto in data: gio, 01 dic 2005 14:53
Località: Roma
Info contatto:

Intervento di bubu7 »

Collaborazionista anglofilo mi sembra un’ottima definizione per il De Mauro. :)
Non c’è dubbio che Giorgio Pagano stia portando una ventata di aria fresca nel forum.
Ho paura però che il Pagano possa essere sospettato di essere un infiltrato del partito degli anglofili che vuole spingere i Cruscanti, a causa di questi coloriti interventi, a passare tutti sotto le bandiere di Sua Maestà. :D

Avatara utente
Federico
Interventi: 3008
Iscritto in data: mer, 19 ott 2005 16:04
Località: Milano

Intervento di Federico »

Il punto è, Giorgio Pagano, che la conoscenza è neutra, anzi di per sé può solo essere positiva, anche se i suoi usi possono essere negativi: conoscere l'inglese (per proprio interesse o per forza) non può essere di per sé cosa negativa, né tantomeno causa di sudditanza e sottomissione alla cultura anglosassone...
Non si può negare che attualmente l'unica lingua possibile per la comunicazione internazionale è l'inglese, e non si può fare a meno della comunicazione internazionale nel nostro mondo attuale. Sillogistica conclusione, bisogna imparare l'inglese.
Ma imparare l'inglese non significa necessariamente, non può significare, disimparare l'italiano. Non significa di per sé nemmeno accordare una qualunque superiorità (culturale, economica, politica...) agli anglofoni, ma solo constatare un fatto, un "accidente storico" (che poi questo poggi su una superiorità economica e militare è un altro discorso: e si possono criticare queste basi).

Avatara utente
Marco1971
Moderatore
Interventi: 9607
Iscritto in data: gio, 04 nov 2004 12:37

Intervento di Marco1971 »

Federico ha scritto:Ma imparare l'inglese non significa necessariamente, non può significare, disimparare l'italiano.
Sottoscrivo. Io, iniziatore della questione del morbus anglicus in questa piazza, adoro l’inglese (precisando: l’inglese britannico), lingua che parlo e scrivo quasi come terza lingua materna, e proprio da questa conoscenza mi deriva il rifiuto, nell’italiano, di quei corpi estranei. Studiare sia l’inglese sia l’italiano (di cui troppi italiani hanno una conoscenza solo epidermica) permette di acuire la propria coscienza linguistica e fornisce un argine naturale al dilagare degli xenismi.
Ultima modifica di Marco1971 in data lun, 29 mag 2006 18:18, modificato 1 volta in totale.

Avatara utente
Giorgio Pagano
Interventi: 30
Iscritto in data: gio, 13 apr 2006 20:14

Io credo che le cose vadano diversamente.

Intervento di Giorgio Pagano »

Federico ha scritto:Il punto è, Giorgio Pagano, che la conoscenza è neutra, anzi di per sé può solo essere positiva, anche se i suoi usi possono essere negativi: conoscere l'inglese (per proprio interesse o per forza) non può essere di per sé cosa negativa, né tantomeno causa di sudditanza e sottomissione alla cultura anglosassone...
Non si può negare che attualmente l'unica lingua possibile per la comunicazione internazionale è l'inglese, e non si può fare a meno della comunicazione internazionale nel nostro mondo attuale. Sillogistica conclusione, bisogna imparare l'inglese.
Ma imparare l'inglese non significa necessariamente, non può significare, disimparare l'italiano. Non significa di per sé nemmeno accordare una qualunque superiorità (culturale, economica, politica...) agli anglofoni, ma solo constatare un fatto, un "accidente storico" (che poi questo poggi su una superiorità economica e militare è un altro discorso: e si possono criticare queste basi).
1) Io non penso che la conoscenza sia neutra. Le cose che conosco sono fatte a immagine di chi le ha create.
2) Credo che il popolo europeo abbia tutte le possibilità ed interesse di salvezza per le proprie lingue d'affermare la democrazia linguistica. Le pari opportunità di fronte alla lingua federale (in Europa) o internazionale (nel mondo). Io credo che ciò si raggiunga solo sostenendo una lingua semplice e non etnica come l'Esperanto.
3) Apprendere sempre meglio l'inglese significa disimparare l'italiano poichè una lingua rappresenta anche un sistema di potere in atto. Se in ciascun paese d'Europa si dice dovete apprendere il francese e l'inglese, il danese e l'inglese, il tedesco e l'inglese... cosa si capisce?
Si capisce che la cosa più importante è sapere l'inglese e non la tua lingua.
Ecco perché l'inglese (dico l'inglese oggi ma la cosa non cambierebbe se fosse qualsiasi altra lingua etnica - il francese o il cinese - nel ruolo di lingua unica.

Uri Burton
Interventi: 235
Iscritto in data: mar, 28 dic 2004 6:54

II GUERRA MONDIALE: GIORNALE RADIO

Intervento di Uri Burton »

Sono un po' tardo, caro Giorgio Pagano, ma almeno capisco che l'inglese non le piace. Le parole di Mario Appelius, invece, le piacciono, sì?
Uri Burton

Avatara utente
giulia tonelli
Interventi: 370
Iscritto in data: mar, 12 lug 2005 10:51
Località: Stoccolma

La perfida albione

Intervento di giulia tonelli »

hahahaha
occhio Uri, che si piglia del "venduto collaborazionista" anche lei... :)

Avatara utente
arianna
Interventi: 234
Iscritto in data: lun, 06 dic 2004 15:08

Intervento di arianna »

Giorgio Pagano ha scritto:
3) Apprendere sempre meglio l'inglese significa disimparare l'italiano poichè una lingua rappresenta anche un sistema di potere in atto. Se in ciascun paese d'Europa si dice dovete apprendere il francese e l'inglese, il danese e l'inglese, il tedesco e l'inglese... cosa si capisce?
Si capisce che la cosa più importante è sapere l'inglese e non la tua lingua.
Ecco perché l'inglese (dico l'inglese oggi ma la cosa non cambierebbe se fosse qualsiasi altra lingua etnica - il francese o il cinese - nel ruolo di lingua unica.
Non condivido affatto e sono d'accordo con quanto scritto da Federico e Marco.

Prendo me stessa come esempio: da cinque anni abito all'estero e ho imparato il francese e continuo a studiarlo tutt'ora (una lingua non si finisce mai d'impararla, AMMA).
Ma non per questo ho messo da parte la mia lingua materna: continuo a leggere e scrivere in italiano, a parlare e pensare in italiano e a occuparmi della sua salute.
E il fatto che studio e parlo un'altra lingua non mi porta a introdurre francesismi nel mio italiano!
Al contrario, è un arricchimento perché talora incontro termini in francese di cui non conosco il corrispettivo termine italiano e allora me lo vo a cercare...

E ho l'intenzione di imparare una terza lingua: lo spagnolo (fuori tema :wink: ).
Felice chi con ali vigorose
le spalle alla noia e ai vasti affanni
che opprimono col peso la nebbiosa vita
si eleva verso campi sereni e luminosi!
___________

Arianna

Avatara utente
Giorgio Pagano
Interventi: 30
Iscritto in data: gio, 13 apr 2006 20:14

Pensiamo all'italiano

Intervento di Giorgio Pagano »

Pensiamo all'italiano e a come promuoverlo e difenderlo piuttosto che a difendere l'inglese che non ha certo bisogno di noi per essere difeso.

Avatara utente
Marco1971
Moderatore
Interventi: 9607
Iscritto in data: gio, 04 nov 2004 12:37

Re: Pensiamo all'italiano

Intervento di Marco1971 »

Giorgio Pagano ha scritto:Pensiamo all'italiano e a come promuoverlo e difenderlo piuttosto che a difendere l'inglese che non ha certo bisogno di noi per essere difeso.
Ma nessuno ha detto che bisogna difendere l’inglese; s’è detto solo che una migliore conoscenza dell’inglese da parte degl’italiani aiuterebbe appunto a evitare che si diffondino gli anglicismi nella lingua comune.

Avatara utente
Giorgio Pagano
Interventi: 30
Iscritto in data: gio, 13 apr 2006 20:14

Re: Pensiamo all'italiano

Intervento di Giorgio Pagano »

Marco1971 ha scritto:
Giorgio Pagano ha scritto:Pensiamo all'italiano e a come promuoverlo e difenderlo piuttosto che a difendere l'inglese che non ha certo bisogno di noi per essere difeso.
Ma nessuno ha detto che bisogna difendere l’inglese; s’è detto solo che una migliore conoscenza dell’inglese da parte degl’italiani aiuterebbe appunto a evitare che si diffondino gli anglicismi nella lingua comune.
Si appunto! Ma io sono superarcisicuro che una sempre migliore e popolarmente vasta conoscenza dell'inglese distruggerebbe prima l'italiano.
La cosa divertente è che posso portarvi articoli dell'Economist, del Guardian, dell'Indipendent che affermano esattamente questo.
Il termine "linguicida" riferito all'inglese non l'ho inventato io è dell'Indipendent di un paio d'anni fa.
Qualcuno si è letto della Tove Skutnabb-Kangas le quasi 800 pagine di "Linguistic genocide in Education? E "English-only Europe" di Robert Phillipson?
Però appunto questi argomenti sono più per un forum del tipo "Come l'inglese può distruggere la biodiversità linguistica europea e mondiale".

Avatara utente
Marco1971
Moderatore
Interventi: 9607
Iscritto in data: gio, 04 nov 2004 12:37

Re: Pensiamo all'italiano

Intervento di Marco1971 »

Giorgio Pagano ha scritto:Ma io sono superarcisicuro che una sempre migliore e popolarmente vasta conoscenza dell'inglese distruggerebbe prima l'italiano.
Io invece sono sicuro che questo non avverrebbe, se, appunto, studiando bene l’inglese, si diventasse consapevoli di quello che le parole significano; credo che sorgerebbe piú spontanea la traduzione. E proprio con lo studio del vocabolario ci si renderebbe conto di quanto poco senso abbia dire mouse per topolino, per esempio.
Giorgio Pagano ha scritto:La cosa divertente è che posso portarvi articoli dell'Economist, del Guardian, dell'Indipendent che affermano esattamente questo.
Sarebbe interessante poterli leggere. Ha qualche collegamento da fornirci, o ce ne può scandire uno o due?

Avatara utente
Giorgio Pagano
Interventi: 30
Iscritto in data: gio, 13 apr 2006 20:14

Re: Pensiamo all'italiano

Intervento di Giorgio Pagano »

Marco1971 ha scritto:
Giorgio Pagano ha scritto:Ma io sono superarcisicuro che una sempre migliore e popolarmente vasta conoscenza dell'inglese distruggerebbe prima l'italiano.
Io invece sono sicuro che questo non avverrebbe, se, appunto, studiando bene l’inglese, si diventasse consapevoli di quello che le parole significano; credo che sorgerebbe piú spontanea la traduzione. E proprio con lo studio del vocabolario ci si renderebbe conto di quanto poco senso abbia dire mouse per topolino, per esempio.
Scusa e noi che ci stiamo a fare? Noi facciamo risparmiare agli italiani anni di studio e tanti danari fornendo loro un servizio di appropriazione nella loro lingua della realtà denominata in inglese.
Poi chi se lo vuole studiare l'inglese se lo studia ma non è OBBLIGATO a farlo è LIBERO di farlo.

Avatara utente
Marco1971
Moderatore
Interventi: 9607
Iscritto in data: gio, 04 nov 2004 12:37

Re: Pensiamo all'italiano

Intervento di Marco1971 »

Giorgio Pagano ha scritto:Poi chi se lo vuole studiare l'inglese se lo studia ma non è OBBLIGATO a farlo è LIBERO di farlo.
Nessuno è obbligato, anche se per certe professioni la conoscenza dell’inglese è praticamente indispensabile: pensi, ad esempio, alla fisica; se non si sa l’inglese, non si capiscono le conferenze né gli articoli pubblicati, ecc.

Comunque a me interesserebbe poter leggere parte degli articoli che menziona nel suo penultimo messaggio (le ricordo che qui, se non diversamente stabilito di comune accordo fra un utente e l’altro, ci si dà del lei ;)).

Avatara utente
Giorgio Pagano
Interventi: 30
Iscritto in data: gio, 13 apr 2006 20:14

Re: Pensiamo all'italiano

Intervento di Giorgio Pagano »

Marco1971 ha scritto:
Giorgio Pagano ha scritto:Poi chi se lo vuole studiare l'inglese se lo studia ma non è OBBLIGATO a farlo è LIBERO di farlo.
Le rammento che dopo la riforma Moratti l'inglese in Italia è obbligatorio fin dalla prima elementare.

PS
L'unica abitudine che ho preso dall'inglese è quella di dare del "You" a tutti ma lei mi ha rimproverato. Bene così perderò l'ultimo vizio rimastomi dall'inglese!

Intervieni

Chi c’è in linea

Utenti presenti in questa sezione: Nessuno e 1 ospite