«Smartphone»

Spazio di discussione su prestiti e forestierismi

Moderatore: Cruscanti

Carnby
Interventi: 3543
Iscritto in data: ven, 25 nov 2005 19:53
Località: Empolese-Valdelsa

Intervento di Carnby » mar, 16 dic 2014 21:49

Ferdinand Bardamu ha scritto:Gli è che telefonino o cellulare sono iperonimi: van bene tanto per gli arcaici telefoni-telecomando, che permettevano solo di chiamare e mandare messaggini
Mi ricordo che i telefononi anni '90, spesso tanto pesanti da poter essere considerati oggetti contundenti o armi improprie (in alcuni casi potevano funzionare con batterie tipo stilo!), non riuscivano a mandare messaggi perché usavano il sistema TACS. Il servizio di messaggistica comparve solo con l'arrivo del GSM.
Scilens ha scritto:Forse lo metteranno anche allo sciacquone.
Lei ci scherza... :wink:

valerio_vanni
Interventi: 921
Iscritto in data: ven, 19 ott 2012 20:40
Località: Marradi (FI)

Intervento di valerio_vanni » mar, 16 dic 2014 22:05

Carnby ha scritto:Mi ricordo che i telefononi anni '90, spesso tanto pesanti da poter essere considerati oggetti contundenti o armi improprie
Ma anche i primi GSM: ricordo il Motorola 8700, chiamato scherzosamente "Otto chili e sette" ;-)

Avatara utente
Scilens
Interventi: 1097
Iscritto in data: dom, 28 ott 2012 16:31

Intervento di Scilens » mar, 16 dic 2014 22:39

Carnby ha scritto:
Scilens ha scritto:Forse lo metteranno anche allo sciacquone.
Lei ci scherza... :wink:
Noooo... Lo sciacquone con radio e orologio... e magari la regolazione del riscaldamento e sistema antintrusione! E internet? E le telecamere a infrarossi?

Il primo telefono fu un filippi (si può dire Philips?) da un chilo e due, senza pile (due, per finire una giornata), con antenna a serramanico. 700.000 lire, di terza mano (allora c'era la moda, oggi invece...:), rigorosamente Tacs e rigorosamente alfanumerico su ben due righe, con 5 W d'uscita, più o meno 20 km di portata. Altro che i ciottoli d'oggi che non si sa per dove prenderli perché ogni pressione produce qualcosa d'inatteso e che se passa un gabbiano s'abbuiano.
Saluto gli amici, mi sono dimesso. Non posso tollerare le contraffazioni.

fiorentino90
Interventi: 263
Iscritto in data: lun, 09 apr 2012 1:22

Re: «Smartphone»

Intervento di fiorentino90 » sab, 18 apr 2015 12:53

Giovabis ha scritto:Il mio ragazzo ha appena ricevuto uno smartphone, quindi mi sono subito fiondato sulla Lista dei Traducenti di Cruscate, ma non ho trovato nessuna versione italiana del termine.

Non ci sono ancora proposte?
Io dico semplicemente cellulare perché quasi tutti al giorno d'oggi hanno uno smartphone. Se voglio specificare che si tratta d'un cellulare di vecchia generazione, dico appunto che si tratta d'un cellulare normale.

Carnby
Interventi: 3543
Iscritto in data: ven, 25 nov 2005 19:53
Località: Empolese-Valdelsa

Intervento di Carnby » lun, 20 apr 2015 14:45

Scilens ha scritto:Il primo telefono fu un filippi (si può dire Philips?)
Qui si diceva Pilis(se). :D
fiorentino90 ha scritto:Io dico semplicemente cellulare perché quasi tutti al giorno d'oggi hanno uno smartphone.
Ho scoperto che anche il mio vecchio Nokia N95 era uno smartphone dato che aveva il sistema operativo Symbian e qualche applicazioncina. Oggi parlo semplicemente di cellulari, aggiungendo semmai di ultima generazione; da evitare soprattutto il fastidiosissimo (e diffusissimo) tacc(e), da sostituire assolutamente con tattile, schermo tattile, a tocco ecc.

sempervirens
Interventi: 599
Iscritto in data: gio, 23 apr 2015 15:14

Re: «Smartphone»

Intervento di sempervirens » sab, 25 apr 2015 16:04

Giovabis ha scritto:Il mio ragazzo ha appena ricevuto uno smartphone, quindi mi sono subito fiondato sulla Lista dei Traducenti di Cruscate, ma non ho trovato nessuna versione italiana del termine.

Non ci sono ancora proposte?
La mia proposta è multifonino. Mi sembra abbastanza trasparente. Riunisce il concetto di multifunzione del congegno elettronico e la praticità dello stesso.

L'italiano
Interventi: 6
Iscritto in data: dom, 22 mag 2016 21:57
Località: Fermo, Marche

Intervento di L'italiano » dom, 22 mag 2016 22:36

Ho scorso le varie pagine del filone e ho fatto una lista delle proposte di traduzione. Non so se esisteva già da qualche parte nel sito, mi scuso se è così (sono nuovo):
Superfonino
Cellulare/Telefono intelligente
Supercellulare, supertelefonino
Intellifono, intellifonino
Noòfono, noetòfono
Smartofono, smarfone
Compufonino
Iperfonino
Polifonino, multi fonino
Intellulare
Sofofono, sofifonino, sofocellulare
Multitelefono, politelefono

Dato che noto che anche nella lista dei traducenti ci sono superfonino e supercellulare, perché non facciamo una segnalazione di massa all'Accademia della Crusca?

P.S.: se ho sbagliato qualcosa nella procedura, scusatemi. Come già detto, sono un neofita

Carnby
Interventi: 3543
Iscritto in data: ven, 25 nov 2005 19:53
Località: Empolese-Valdelsa

Intervento di Carnby » lun, 23 mag 2016 13:53

Sul messaggio che compare quando si manda una risposta a certi servizi via cellulare, ho scritto una volta «Inviato col mio smartofono» ed è piaciuto. :)
Ferdinand Bardamu ha scritto:La Crusca ha tenuto a battesimo il gruppo Incipit
“La lingua italiana e le lingue romanze di fronte agli anglicismi” (di cui sono appena usciti gli atti in forma di e-book)
E qui mi son fermato. :?

L'italiano
Interventi: 6
Iscritto in data: dom, 22 mag 2016 21:57
Località: Fermo, Marche

Intervento di L'italiano » lun, 23 mag 2016 14:50

Carnby ha scritto:Sul messaggio che compare quando si manda una risposta a certi servizi via cellulare, ho scritto una volta «Inviato col mio smartofono» ed è piaciuto. :)
Ferdinand Bardamu ha scritto:La Crusca ha tenuto a battesimo il gruppo Incipit
“La lingua italiana e le lingue romanze di fronte agli anglicismi” (di cui sono appena usciti gli atti in forma di e-book)
E qui mi son fermato. :?
Meno male che c'è ancora qualche valoroso. Comunque a mio parere la Crusca dovrebbe pronunciarsi sulla parola smartphone, proponendo un sostituto. Se per caso voleste segnalare il modo è questo: http://www.accademiadellacrusca.it/it/l ... ove-parole
A proposito di ebook io uso digilibro o elettrolibro. Se si volesse fare un'ardita trasposizione diventerebbe ibucco :D :D :D

Don Antonio
Interventi: 36
Iscritto in data: ven, 20 mag 2016 20:06

Intervento di Don Antonio » lun, 23 mag 2016 23:38

Salve signori,

Riporto di seguito la lettera che, alcuni giorni fa, ho mandato all'Accademia della Crusca e tramite la quale ho lanciato una mia proposta di definizioni che riguardano:
1) computer
2) computer portatile / notebook
3) computer ultra-portatile / subnotebook
4) tablet
5) smartphone
6) smartwatch

Eccovi qui di seguito il testo della mia lettera di richiesta:

"Salve,

La richiesta che pongo alle SS.LL., come oggetto d'indagine, riguarda l'anglicismo "computer" (it. elaboratore).
Ecco quindi una serie di prodotti derivati del "personal computer", i le cui definizioni anglofone si stanno imponendo nel linguaggio corrente della lingua italiana:

1) computer (gia ampiamente impostasi)
2) notebook
3) subnotebook
4) tablet
5) smartphone
6) smartwatch
Perchè non definirli per quello che sono? Essi sono semplicemente:
1) calcolatore o elaboratore (ELEA - elaboratore elettronico aritmetico)
2) elaboratore portatile (o agenda elaboratrice/ELEA)
3) elaboratore ultra-portatile (o quaderno elaboratore/ELEA)
4) lavagnetta elaboratrice/ELEA
5) telefono elaboratore/ELEA
6) orologio elaboratore/ELEA
Se ci si impegna, dopo i primi tempi risulta poi normale chiamare le cose con il loro nome. Credo che il lemma elaboratore sia molto più indicato dell'inglese computer, per definire, appunto, un elaboratore; proprio poichè quest'ultimo indica un qualcosa che è tecnologicamente più specifico ed avanzato.
Noto con interesse che, tornando a parlare della storia della nascita delle macchine da calcolo (quindi dei primi grandi calcolatori elettronici) sono tornati in voga alcuni video-documenti della ditta Olivetti, dove l'elaboratore (ovvero l'anglofono computer) viene definito per quello che è, ovvero "cervello elettronico", "super-calcolatore", "calcolatore elettronico", "elaboratore". Sarebbe il caso poi, secondo il mio modesto parere, di proporre l'acronimo ELEA (ELaboratore Elettronico Aritmetico), che indicò, anche a livello commerciale, grazie alle genialità e alle menti visionarie di Adriano Olivetti e Mario Tchou, il primo super-calcolatore completamente a transistori della storia dell'informatica: l'ELEA 9003 (https://it.wikipedia.org/wiki/Olivetti_Elea_9003). Sarebbe, oltre che un doveroso atto di amore nei confronti della nostra lingua madre, anche un dovuto riconoscimento al lavoro svolto da questi due importantissime figure del campo dell'informatica. Ricordiamo che essi hanno portato l'industria informatica italiana ad essere la più avanzata ed invidiata a livello mondiale, tant'è che anche la trasmissione televisiva americana "History Channel" ha voluto recentemente dedicare alla realtà Olivetti/Olivetti Elettronica un importate documentario. La figura di Adriano Olivetti è inoltre tornata alla ribalta a causa della stretta relazione con l'operato dell'americano Steve Jobs. Non sarebbe forse il caso di fare un nuovo tentativo per imporre e divulgare il lemma "elaboratore" ed il bellissimo quanto efficace acronimo ELEA (Elaboratore Elettronico Aritmetico), considerato il fatto che la moda di indicare cose ed oggetti con acronimi sta diventando inarrestabile?
Io faccio quello che posso, definendo nel mio linguaggio quotidiano parlato e scritto - così come da me medesimo indicato - le tipologie di prodotti inserite nella mia richiesta. Conto sulla Vostra cortese attenzione e sul fatto che, dalla Vostra particolare posizione, Voi possiate influenzare in maniera attiva gli organi di informazione.

Distinti Saluti,

Antonio Rastelli"

Don Antonio
Interventi: 36
Iscritto in data: ven, 20 mag 2016 20:06

Intervento di Don Antonio » mar, 24 mag 2016 0:34

L'italiano ha scritto:Ho scorso le varie pagine del filone e ho fatto una lista delle proposte di traduzione. Non so se esisteva già da qualche parte nel sito, mi scuso se è così (sono nuovo):
Superfonino
Cellulare/Telefono intelligente
Supercellulare, supertelefonino
Intellifono, intellifonino
Noòfono, noetòfono
Smartofono, smarfone
Compufonino
Iperfonino
Polifonino, multi fonino
Intellulare
Sofofono, sofifonino, sofocellulare
Multitelefono, politelefono
Quante belle idee!
Polifonino è bellissimo, e potrebbe diventare anche poliorologio, come i già citati smartofono e smartologio.
Io, come già chiarito nel mio intervento precedente, propongo quel che ho già proposto anche all'Accademia della Crusca:
1) telefono elaboratore - orologio elaboratore.
2) telefono ELEA - orologio ELEA (dove ELEA sta per ELaboratore Elettronico Aritmetico).

Comunque - come spessissimo avviene nella lingua italiana per indicare un oggetto/cosa/concetto - credo che si potrebbe arrivare tranquillamente a più soluzioni terminologiche, infatti, se si dice telefonino, cellulare, telefono cellulare o telefono portatile, si indica la medesima cosa.

Avatara utente
Animo Grato
Interventi: 1376
Iscritto in data: ven, 01 feb 2013 16:11

Intervento di Animo Grato » mar, 24 mag 2016 14:41

L'ho già scritto in un precedente intervento, ma lo riscrivo a beneficio dei nuovi arrivati: tra i miei amici ha riscosso un certo successo furbofon(in)o.
Colgo l'occasione per dare il benvenuto all'italiano.
«Ed elli avea del cool fatto trombetta». Anonimo del Trecento su Miles Davis
«E non piegherò certo il mio italiano a mere (e francamente discutibili) convenienze sociali». Infarinato
«Prima l'italiano!»

Avatara utente
Federico
Interventi: 3008
Iscritto in data: mer, 19 ott 2005 16:04
Località: Milano

Intervento di Federico » gio, 16 giu 2016 14:21

Oggigiorno mi pare il caso di dire semplicemente cellulare e qualificare semmai il caso che non si tratti di un sedicente smartphone, parlando di "cellulare tradizionale" o simile locuzione.

Ciò detto, sono contento quando leggo furbofono, un termine piacevole e senz'altro appropriato in contesti informali.

Carnby
Interventi: 3543
Iscritto in data: ven, 25 nov 2005 19:53
Località: Empolese-Valdelsa

Intervento di Carnby » sab, 18 giu 2016 13:44

Intanto ho scoperto che esiste il convertibile, ovvero una mescolanza tra laptop (già ampiamente conosciuto come portatile) e tablet (e qui invece l'adattamento tabletta o il calco tavoletta non hanno conosciuto molta fortuna).

Canape lasco ctonio
Interventi: 37
Iscritto in data: mar, 11 gen 2011 0:21
Località: Roma

Intervento di Canape lasco ctonio » ven, 09 feb 2018 13:15

Animo Grato ha scritto:Anche se, curiosamente, non è stato proposto in questo filone, nel nostro foro compare due volte furbofonino. Ieri sera, a una tavolata che comprendeva amici e sconosciuti, ho fatto scivolare nel discorso un furbofono (ricordavo male) che, seppure accolto da qualcuno con un sorriso (non necessariamente canzonatorio), è stato immediatamente compreso da tutti. Una ragazza portoghese, addirittura, l'ha prontamente volto nella sua lingua (qualcosa come "espertofono" - mi scuso con Brazilian dude per l'approssimazione).
A riprova del fatto che "un altro mondo è possibile". :wink:
Federico ha scritto:Oggigiorno mi pare il caso di dire semplicemente cellulare e qualificare semmai il caso che non si tratti di un sedicente smartphone, parlando di "cellulare tradizionale" o simile locuzione.

Ciò detto, sono contento quando leggo furbofono, un termine piacevole e senz'altro appropriato in contesti informali.
"Furbofono" purtroppo viene usato quasi solo da Maurizio Codogno (.mau.), di cui Federico ha riportato un collegamento al diario personale che seguo spesso con piacere. Ma è un peccato per me, perché oltre a rendere bene lo "smart" iniziale, è anche un traducente simpatico ed eufonico.

Vedo che anche Licia Corbolante (che ha tradotto i prodotti Office per Microsoft in passato) lo trova un traducente brillante.

Intervieni

Chi c’è in linea

Utenti presenti in questa sezione: Bing [Bot] e 1 ospite