«Master[izzare]»

Spazio di discussione su prestiti e forestierismi

Moderatore: Cruscanti

Intervieni
Avatara utente
Marco1971
Moderatore
Interventi: 9564
Iscritto in data: gio, 04 nov 2004 12:37

«Master[izzare]»

Intervento di Marco1971 » dom, 17 set 2006 21:38

Che senso ha? Se il master è «l’originale da cui vengono riprodotti in serie dischi, cd, cassette e sim.» (GRADIT), e il suffisso -izzare vale «rendere, ridurre in un dato stato», masterizzare significherebbe ‘rendere originale ciò che non è’, visto che il risultato è una copia. Ma prima di tutto, non c’è bisogno alcuno della parola master, basta matrice:
Il Battaglia ha scritto:Matrice 20. Disco-matrice (anche semplicemente matrice): copia metallica di un disco in positivo, cioè con i solchi in rilievo, che ne riproduce uno precedentemente inciso in incavo, dalla quale si ricavano, in numero praticamente illimitato, le copie definitive per il commercio, comprimendo fra due matrici un foglio di resina vinilica termoplastica.
Certo, i materiali sono cambiati e anche i mezzi, ma i concetti, in sé, sono uguali (si veda anche l’accezione tipografica, ad esempio nel De Mauro). E ovviamente non si *matricizzerà neanche un ciddí, semplicemente si copierà, si duplicherà, s’inciderà, ecc. O sbaglio tutto?

Avatara utente
Federico
Interventi: 3008
Iscritto in data: mer, 19 ott 2005 16:04
Località: Milano

Intervento di Federico » dom, 17 set 2006 23:07

Master è parola di diffusione nulla rispetto a masterizzatore.
I CD o DVD si possono tranquillamente scrivere (meno comune incidere, spero inesistente burnare), anche se spesso si masterizzano (sempre meno, forse).
Il problema è insomma come chiamare lo strumento: «unità incisione/scrittura dischi»?
Ma anche tenerlo cosí non è un dramma.

Avatara utente
Marco1971
Moderatore
Interventi: 9564
Iscritto in data: gio, 04 nov 2004 12:37

Intervento di Marco1971 » dom, 17 set 2006 23:22

Sui computieri francofoni (:D) c’è scritto graver, graveur: letteralmente incidere, incisore. Non vedo nulla di piú logico. E incisore è piú breve e eufonico di masterizzatore.

P.S. In ispagnolo grabador; in portoghese gravador: provate con Google immagini.

Avatara utente
Federico
Interventi: 3008
Iscritto in data: mer, 19 ott 2005 16:04
Località: Milano

Intervento di Federico » lun, 18 set 2006 19:35

Un simile termine non si diffonderà mai: presta troppo il fianco alle critiche di imprecisione, visto che i dischi casalinghi non vengono minimamente incisi.

Avatara utente
Marco1971
Moderatore
Interventi: 9564
Iscritto in data: gio, 04 nov 2004 12:37

Intervento di Marco1971 » lun, 18 set 2006 21:18

Federico ha scritto:Un simile termine non si diffonderà mai: presta troppo il fianco alle critiche di imprecisione, visto che i dischi casalinghi non vengono minimamente incisi.
Può darsi, ma se è abbastanza preciso per francesi, spagnoli e portoghesi non vedo perché noi dovremmo respingerlo (e neanche si bruciano, i ciddí, eppure in inglese si usa to burn). Comunque è già nell’uso, come testimoniano questi esempi trovati in rete:
MovieFactory si prende carico di tutto, dalla creazione di capitoli e di frammenti video fino all'incisione su DVD+R/RW, DVD-R/RW, VCD e SVCD.

Il primo software permette di creare dei menu e di ordinare i capitoli del vostro filmato prima di inciderlo su di un DVD, mentre VideoStudio permette di catturare i vostri video e di montarli.
I prodotti 26 a 29 di questo sito vengono chiamati Incisori DVD.

Inoltre (la fonte è questa):
Compact Disk Read-Write
E' un disco ottico a lettura/scrittura (di tipo WMRM, Write Many/Read Many), nel quale le informazioni sono memorizzate utilizzando una radiazione LASER attenuata che incide i valori binari "0" e "1" in modo reversibile su una superficie sensibile riflettente di colore blu scuro ed adatta alla riscrittura.
Naturalmente, se si preferisce scrittore, nulla di male. Basta che non mi si dica che è piú preciso d’incisore. ;)

Avatara utente
Federico
Interventi: 3008
Iscritto in data: mer, 19 ott 2005 16:04
Località: Milano

Intervento di Federico » mar, 19 set 2006 18:59

Marco1971 ha scritto:
Federico ha scritto:Un simile termine non si diffonderà mai: presta troppo il fianco alle critiche di imprecisione, visto che i dischi casalinghi non vengono minimamente incisi.
Può darsi, ma se è abbastanza preciso per francesi, spagnoli e portoghesi non vedo perché noi dovremmo respingerlo (e neanche si bruciano, i ciddí, eppure in inglese si usa to burn).
Bah, io sapevo invece che i dischi fatti in caso vengono proprio bruciacchiati e niente piú; a me va benissimo incidere (è un'estensione semantica parallela all'evoluzione dei materiali, nulla di piú): dico solo che purtroppo l'Italia è piena di pusillanimi che lo casseranno senza appello.

Avatara utente
Marco1971
Moderatore
Interventi: 9564
Iscritto in data: gio, 04 nov 2004 12:37

Intervento di Marco1971 » mar, 19 set 2006 22:35

E chi cassa incisore cassa anche scrittore. Va sempre e solo bene quello che è già stato messo in circolazione. Se una società importante decidesse di chiamarlo focacciatore o fragolatrice e l’immettesse nell’uso, non lo casserebbe anima viva.

Avatara utente
Federico
Interventi: 3008
Iscritto in data: mer, 19 ott 2005 16:04
Località: Milano

Intervento di Federico » mer, 20 set 2006 0:37

Marco1971 ha scritto:E chi cassa incisore cassa anche scrittore.
Infatti ho detto subito che
Il problema è insomma come chiamare lo strumento.
Mentre «scrivere» un CD/DVD non è un problema.
Marco1971 ha scritto:Se una società importante decidesse di chiamarlo focacciatore o fragolatrice e l’immettesse nell’uso, non lo casserebbe anima viva.
Forse noi. :)

Avatara utente
Decimo
Interventi: 435
Iscritto in data: ven, 18 ago 2006 13:45
Località: Modica

Intervento di Decimo » ven, 22 set 2006 16:45

Federico ha scritto:Master è parola di diffusione nulla rispetto a masterizzatore.
I CD o DVD si possono tranquillamente scrivere (meno comune incidere, spero inesistente burnare), anche se spesso si masterizzano (sempre meno, forse).
Il problema è insomma come chiamare lo strumento: «unità incisione/scrittura dischi»?
Ma anche tenerlo cosí non è un dramma.
Concordo in pieno. Voglio però segnalare la presenza alquanto diffusa nell'area iblea del verbo bruciare per indicare l'atto del masterizzare.

Avatara utente
Marco1971
Moderatore
Interventi: 9564
Iscritto in data: gio, 04 nov 2004 12:37

Intervento di Marco1971 » ven, 22 set 2006 18:00

Per il Devoto-Oli, invece, bruciare un CD significa:
rovinare un CD-Rom nel corso della masterizzazione rendendolo cosí inutilizzabile.

Avatara utente
Federico
Interventi: 3008
Iscritto in data: mer, 19 ott 2005 16:04
Località: Milano

Intervento di Federico » ven, 22 set 2006 22:42

Marco1971 ha scritto:Per il Devoto-Oli, invece, bruciare un CD significa:
rovinare un CD-Rom nel corso della masterizzazione rendendolo cosí inutilizzabile.
Sí, appunto; non credo che l'influenza dell'inglese to burn possa essere tale da scalzare quest'altra accezione o quantomeno smorzarla a sufficienza per permetterne la coabitazione con una quasi opposta.

Avatara utente
Federico
Interventi: 3008
Iscritto in data: mer, 19 ott 2005 16:04
Località: Milano

Intervento di Federico » sab, 23 set 2006 23:11

Leggendo la notizia che un nuovo videogioco è «entrato nella fase di masterizzazione», mi sembra che per la produzione industriale oltre a incidere si possa usare anche stampare, e in tutta tranquillità.

Avatara utente
Marco1971
Moderatore
Interventi: 9564
Iscritto in data: gio, 04 nov 2004 12:37

Intervento di Marco1971 » dom, 24 set 2006 2:45

Felice di costatare che ha accettato almeno incidere, dopo qualche reticenza.

Anche stampare, perché no.

Avatara utente
Federico
Interventi: 3008
Iscritto in data: mer, 19 ott 2005 16:04
Località: Milano

Intervento di Federico » lun, 25 set 2006 20:22

Marco1971 ha scritto:Felice di costatare che ha accettato almeno incidere, dopo qualche reticenza.
La reticenza è relativa alla scrittura casalinga, che appunto consiste di una semplice bruciacchiatura del supporto e non certo di una sua incisione: non nego certo la legittimità dell'analogia ed estensione (che trovo naturalissima e faccio mia); dico solo che è normale che possa essere rigettata da taluni, anche non inclini agli esotismi, per (una probabilmente malintesa) precisione o anche solo semplicità.

Intervieni

Chi c’è in linea

Utenti presenti in questa sezione: Google [Bot] e 1 ospite