Plurale forestierismi

Spazio di discussione su prestiti e forestierismi

Moderatore: Cruscanti

Avatara utente
Incarcato
Interventi: 900
Iscritto in data: lun, 08 nov 2004 13:29

Plurale forestierismi

Intervento di Incarcato » mer, 04 ott 2006 15:22

Scusate, forse se n'è già parlato, ma qui la nostra Accademia non sta dicendo di mettere la s ai forestierismi recenti e/o tecnici?

Avatara utente
Infarinato
Amministratore
Interventi: 3599
Iscritto in data: gio, 04 nov 2004 11:40
Info contatto:

Re: Plurale forestierismi

Intervento di Infarinato » mer, 04 ott 2006 15:36

Incarcato ha scritto:Scusate, forse se n'è già parlato, ma qui la nostra Accademia non sta dicendo di mettere la s ai forestierismi recenti e/o tecnici?
Sí (e sí, se n’è già discusso, ma non ricordo dove, probabilmente sul forum dell’Accademia della Crusca), ma —mi pare di capire— solo perché, in questi casi, i termini in questione non sono veri e propri forestierismi (piú o meno ben acclimati in italiano), ma vere e proprie «citazioni»…

Avatara utente
Incarcato
Interventi: 900
Iscritto in data: lun, 08 nov 2004 13:29

Intervento di Incarcato » mer, 04 ott 2006 16:01

Devo dire che l'ho fatta leggere a un « profano » per citargli la fonte e lui ha capito che non si dice bars, ma managers sí!
Secondo me qui la consulenza linguistica è stata maldrestra, data anche la sensibilità del tema.

Secondo voi è il caso di segnalarglielo?

Avatara utente
Marco1971
Moderatore
Interventi: 9547
Iscritto in data: gio, 04 nov 2004 13:37

Intervento di Marco1971 » mer, 04 ott 2006 17:17

Oggi che i linguisti in biologi si son tramutati – e la lingua in mutante da Blade Runner –; oggi che i sommi sacerdoti dell’italiano fanno le release di CD con speakeraggio di tutti i lemmas e, immemori o ignari delle «forze dell’italiano», s’esprimono come automi incantati; oggi che la cultura viene presa per i fondelli: sarebbe, caro Incarcato, perfettamente inutile, temo.

(Ma sto preparando un vaccino; e una delle prossime notti passerà l’angelo marciano, armato di siringa – sorry, di syringe –, nelle case di tutti i giornalisti, e inoculerà il licore affondando l’acuminato strumento nelle loro tenere carni... :lol:)

Avatara utente
Incarcato
Interventi: 900
Iscritto in data: lun, 08 nov 2004 13:29

Intervento di Incarcato » mer, 04 ott 2006 17:45

Posso anche concordare, Marco, ma resta il fatto che, a mio avviso, qui l'Accademia ha emanata una sentenza sbagliata.
Ultima modifica di Incarcato in data mer, 04 ott 2006 17:59, modificato 1 volta in totale.

fabbe
Interventi: 454
Iscritto in data: mar, 26 apr 2005 20:57

Intervento di fabbe » mer, 04 ott 2006 17:47

Per la lingua italiana rimane almeno questo spazio!

Avatara utente
Decimo
Interventi: 435
Iscritto in data: ven, 18 ago 2006 13:45
Località: Modica

Intervento di Decimo » mer, 04 ott 2006 18:09

fabbe ha scritto:Per la lingua italiana rimane almeno questo spazio!
Correggo: rimane solo questo spazio... e non è certo un orgoglio per un'italianità ormai sin troppo lesa. Ecco che fra noi rimerge banalmente il mito dell'eroe, ultimo superstite di una stirpe incontaminata, che prenda il popolo per mano e condurlo per più ameni fati, ma, ahimè, esso è e resta mito e anelito e vana speranza! :(
In che modo concreto potremmo diffondere l'esterofobia (a mio parere massima virtù di un popolo all'autoconservazione)?

Avatara utente
Marco1971
Moderatore
Interventi: 9547
Iscritto in data: gio, 04 nov 2004 13:37

Intervento di Marco1971 » mer, 04 ott 2006 18:14

Indarno dunque avrei operato? :roll:

methao_donor
Interventi: 341
Iscritto in data: gio, 14 set 2006 23:04
Località: Finlandia

Intervento di methao_donor » mer, 04 ott 2006 21:50

Agli occhi di un altro profano (il sottoscritto) la consulenza dell'Accademia non pare tanto insensata.
E' anzi, a mio avviso, perfettamente lucida e seria.
Tale procedimento altro far non puote che facilitare una presa di coscienza da parte di chi parla. Voglio dire che, se una parola è effettivamente straniera, è bene trattarla come tale lasciandola sotto le regole della lingua d'origine (oppure l'adattiamo, ma questo è un altro discorso).

In sostanza, non vedo cosa ci sia di reprobo nella risposta data.

Avatara utente
cuci
Interventi: 109
Iscritto in data: lun, 19 set 2005 3:29
Località: Varese

Intervento di cuci » gio, 05 ott 2006 1:38

methao_donor ha scritto:Agli occhi di un altro profano (il sottoscritto) la consulenza dell'Accademia non pare tanto insensata.
E' anzi, a mio avviso, perfettamente lucida e seria.
Tale procedimento altro far non puote che facilitare una presa di coscienza da parte di chi parla. Voglio dire che, se una parola è effettivamente straniera, è bene trattarla come tale lasciandola sotto le regole della lingua d'origine (oppure l'adattiamo, ma questo è un altro discorso).

In sostanza, non vedo cosa ci sia di reprobo nella risposta data.
Uhm, questo forse vale per le parole inglesi, ma vorrei proprio sapere come si troverebbe a dover usare il plurale di sauna o di kimono o vodka?
Il fatto che certe regole valgano solo per l'inglese son un ulteriore segno della colonizzazione anglofona che i più accettano quasi volentieri e comunque colle braghe calate (se m'è concesso di concedermi l'espressione).

Post Scriptum
In finlandese il plurale di "sauna" è "saunat", in giapponese la parola "kimono" non ha distinzione di numero, in russo il plurale di "vodka" è "vodky". L'esempio è un po' forzato, l'ammetto.
«Duva vidi moju zzappa fundu»

·Dum·Doceo·Disco·

Avatara utente
Incarcato
Interventi: 900
Iscritto in data: lun, 08 nov 2004 13:29

Intervento di Incarcato » gio, 05 ott 2006 8:55

Inoltre, Luca Serianni consiglia l'invariabilità dei forestierismi. O sbaglio?

Avatara utente
Infarinato
Amministratore
Interventi: 3599
Iscritto in data: gio, 04 nov 2004 11:40
Info contatto:

Intervento di Infarinato » gio, 05 ott 2006 9:16

Incarcato ha scritto:Inoltre, Luca Serianni consiglia l'invariabilità dei forestierismi. O sbaglio?
Non sbaglia: Grammatica italiana («UTET», 1989), §III.131.

methao_donor
Interventi: 341
Iscritto in data: gio, 14 set 2006 23:04
Località: Finlandia

Intervento di methao_donor » gio, 05 ott 2006 13:26

cuci ha scritto:
methao_donor ha scritto:Agli occhi di un altro profano (il sottoscritto) la consulenza dell'Accademia non pare tanto insensata.
E' anzi, a mio avviso, perfettamente lucida e seria.
Tale procedimento altro far non puote che facilitare una presa di coscienza da parte di chi parla. Voglio dire che, se una parola è effettivamente straniera, è bene trattarla come tale lasciandola sotto le regole della lingua d'origine (oppure l'adattiamo, ma questo è un altro discorso).

In sostanza, non vedo cosa ci sia di reprobo nella risposta data.
Uhm, questo forse vale per le parole inglesi, ma vorrei proprio sapere come si troverebbe a dover usare il plurale di sauna o di kimono o vodka?
Il fatto che certe regole valgano solo per l'inglese son un ulteriore segno della colonizzazione anglofona che i più accettano quasi volentieri e comunque colle braghe calate (se m'è concesso di concedermi l'espressione).

Post Scriptum
In finlandese il plurale di "sauna" è "saunat", in giapponese la parola "kimono" non ha distinzione di numero, in russo il plurale di "vodka" è "vodky". L'esempio è un po' forzato, l'ammetto.
Bè, mi parrebbe la cosa più corretta da farsi per conservare una certa coerenza e integrità nel discorso.
Del resto, concordo con lei nel dire che probabilmente ciò potrebbe essere una difficoltà (facilmente colmabile, ad ogni modo).

Avatara utente
cuci
Interventi: 109
Iscritto in data: lun, 19 set 2005 3:29
Località: Varese

Figlio della serva

Intervento di cuci » lun, 09 ott 2006 0:06

Non so, per me sarebbe un po' come chinar la testa ammettendo l'inferiorità e la sudditanza dell'italiano rispetto alle altre lingue. Non mi pare che vi siano esempi di un simile servilismo nelle altre lingue, tantomeno nelle più parlate. No, io non voglio far fare all'italiano la figura del figlio della serva, non un'altra volta: dovrebbe esser l'italiano a modificare i termini stranieri assimilati e non questi forestierismi a voler modificare l'italiano.
«Duva vidi moju zzappa fundu»

·Dum·Doceo·Disco·

methao_donor
Interventi: 341
Iscritto in data: gio, 14 set 2006 23:04
Località: Finlandia

Intervento di methao_donor » mar, 10 ott 2006 0:33

Mica si tratta di modificare l'italiano. Si tratta di lasciare alle proprie consuetudini ciò che italiano non è. A mio avviso, se mai, rischia d'apparire inferiore e in sudditanza nel caso contrario.

Intervieni

Chi c’è in linea

Utenti presenti in questa sezione: Nessuno e 1 ospite