«Buffet»

Spazio di discussione su prestiti e forestierismi

Moderatore: Cruscanti

Intervieni
Avatara utente
G. M.
Interventi: 234
Iscritto in data: mar, 22 nov 2016 16:54

«Buffet»

Intervento di G. M. » mer, 23 nov 2016 13:11

Il termine è stato discusso qua e là ma mancava ancora di un filone dedicato.
Al momento, come traducente, la lista propone unicamente rinfresco. Ciò non è esaustivo: infatti, a parte quest'accezione che è certamente la più usata, buffet ha anche altri significati:
Vocabolario Treccani ha scritto:1. Credenza, mobile in cui si tengono i cibi e ciò che serve a preparare la tavola.
2. a. Tavola su cui sono disposti cibi, paste, frutta, bevande, a disposizione di ospiti o di clienti. b. Rinfresco; ciò che è messo a disposizione degli ospiti o dei clienti in occasione di feste, ricevimenti, cerimonie: alla fine dell’inaugurazione, ci sarà servizio di buffet.
3. Bar, caffè o ristorante presso o dentro le stazioni delle ferrovie o di altri mezzi di trasporto, e nei teatri, sale di spettacolo, ecc.
Segnalo allora, valido per tutti i casi e lemmatizzato nei dizionari, l'adattamento buffè, e, a seguire immediatamente, controbuffè per controbuffet.

Avatara utente
Millermann
Interventi: 789
Iscritto in data: ven, 26 giu 2015 19:21
Località: Riviera dei Cedri

Intervento di Millermann » mer, 23 nov 2016 16:40

Salve! Vorrei segnalare, come curiosità, il termine dialettale buffetta, usato un tempo dalle mie parti (e, a quanto pare, anche in vaste aree meridionali e in Sicilia) per indicare la tavola, dunque simile all'accezione 2a indicata dal Treccani.

Per maggiori dettagli si può consultare il foglio 894 dell'AIS. :)
In Italia, dotta, Foro fatto dai latini

Avatara utente
Sixie
Interventi: 316
Iscritto in data: lun, 18 mag 2015 19:18
Località: Polesine

Intervento di Sixie » gio, 24 nov 2016 11:18

I bifè di Trieste, tipici locali dove si può gustare la cucina tradizionale e i bufèti del veneziano (e della mia variante), che sarebbero quegli armadini o comodini da porre a lato del letto. :D
We see things not as they are, but as we are. L. Rosten
Vediamo le cose non come sono, ma come siamo.

Avatara utente
Ferdinand Bardamu
Moderatore
Interventi: 4122
Iscritto in data: mer, 21 ott 2009 14:25
Località: Legnago (Verona)

Intervento di Ferdinand Bardamu » gio, 24 nov 2016 11:35

Anche da me i buféti sono i comodini.

Carnby
Interventi: 3540
Iscritto in data: ven, 25 nov 2005 19:53
Località: Empolese-Valdelsa

Intervento di Carnby » gio, 24 nov 2016 15:07

La voce triestina bifè è interessante e merita di essere proposta come adattamento. :D

Avatara utente
Sixie
Interventi: 316
Iscritto in data: lun, 18 mag 2015 19:18
Località: Polesine

Intervento di Sixie » gio, 24 nov 2016 18:33

La voce di per sé è interessante, ma non capisco perché le venga attribuita un'origine ignota quando, stando ai dizionari etimologici, dovrebbe derivare da bufetagium, termine con il quale, a tutt'oggi, in tedesco si indicano le credenze d'antiquariato.
Caro Ferdinand, la conosce l'espressione lustro co fa un buféto? :D
Si dice(va) preferibilmente di un giovanotto, tutto azzimato, vestito a nuovo, o anche dai modi eleganti e raffinati.
We see things not as they are, but as we are. L. Rosten
Vediamo le cose non come sono, ma come siamo.

Intervieni

Chi c’è in linea

Utenti presenti in questa sezione: Nessuno e 1 ospite