«Bijou»

Spazio di discussione su prestiti e forestierismi

Moderatore: Cruscanti

Intervieni
Avatara utente
G. M.
Interventi: 234
Iscritto in data: mar, 22 nov 2016 16:54

«Bijou»

Intervento di G. M. » mer, 14 dic 2016 9:17

Per bijou la lista al momento come traducente propone solo gioiello. Suggerisco di aggiungere gioiellino, per gli usi figurati, e l'adattamento bigiù.
Vocabolario Treccani ha scritto:bigiù s. m. – Adattamento del fr. bijou («gioiello»), usato spec. come vezzeggiativo fam. col sign. di «un amore», «una delizia», riferito a persone o cose che destino ammirazione per la loro grazia, gentilezza e sim., a oggettini artistici di fine fattura, ecc.: ha un villino che è un b. (anche, che vale un b.); la casina sarebbe proprio carina, un torlo d’uovo, un b., tranquilla, ariosa, comoda (Palazzeschi); una statuina di porcellana delicatissima, un b.!; quella ragazza è un vero bigiù.

Carnby
Interventi: 3540
Iscritto in data: ven, 25 nov 2005 19:53
Località: Empolese-Valdelsa

Intervento di Carnby » mer, 14 dic 2016 11:14

Del resto esiste già bigiotteria.

Avatara utente
Millermann
Interventi: 789
Iscritto in data: ven, 26 giu 2015 19:21
Località: Riviera dei Cedri

Intervento di Millermann » mer, 14 dic 2016 11:39

A questo punto, oltre a bigiú, che suona forse un po' "superato", proporrei come variante bigiotto, che (a mio parere), oltre ad avere un'aria piú accattivante, appare come il perfetto nome primitivo da cui far derivare bigiotteria, termine d'uso comune e col doppio significato di nome collettivo («insieme di bigiotti») e del negozio che li vende. :)
In Italia, dotta, Foro fatto dai latini

valerio_vanni
Interventi: 919
Iscritto in data: ven, 19 ott 2012 20:40
Località: Marradi (FI)

Re: «Bijou»

Intervento di valerio_vanni » mer, 14 dic 2016 11:54

G. M. ha scritto:Per bijou la lista al momento come traducente propone solo gioiello. Suggerisco di aggiungere gioiellino, per gli usi figurati, e l'adattamento bigiù.
Che in Toscana conserva la pronuncia originale ;-)

Carnby
Interventi: 3540
Iscritto in data: ven, 25 nov 2005 19:53
Località: Empolese-Valdelsa

Intervento di Carnby » mer, 14 dic 2016 12:00

In bigiotteria però non si vendono propriamente gioielli, come vorrebbe il significato francese, ma prodotti di qualità inferiore. L'anello di acciaio si compra in bigiotteria, quello nuziale in gioielleria.
G. M. ha scritto:Suggerisco di aggiungere gioiellino, per gli usi figurati [...]
Gioiellino in senso figurato è già attestato e oggi è probabilmente più frequente di bijou/bigiù.
valerio_vanni ha scritto:Che in Toscana conserva la pronuncia originale
In questo caso sì, ma non in garage, che viene pronunciato [-ʒe]. :wink:

Avatara utente
G. M.
Interventi: 234
Iscritto in data: mar, 22 nov 2016 16:54

Intervento di G. M. » mer, 14 dic 2016 13:59

Millermann ha scritto:A questo punto, oltre a bigiú, che suona forse un po' "superato", proporrei come variante bigiotto, [...]
Non so se o quanto bigiù sia "superato", ma almeno lo vedo lemmatizzato in tutti i principali vocabolari in rete; bigiotto, invece, a parte il Wikizionario (che temo non sia molto affidabile...), lo vedo riportato solo dal Tommaseo, che però fornisce un altro significato...

Avatara utente
Ferdinand Bardamu
Moderatore
Interventi: 4122
Iscritto in data: mer, 21 ott 2009 14:25
Località: Legnago (Verona)

Intervento di Ferdinand Bardamu » mer, 14 dic 2016 14:46

Millermann ha scritto:A questo punto, oltre a bigiú, che suona forse un po' "superato", proporrei come variante bigiotto, che (a mio parere), oltre ad avere un'aria piú accattivante, appare come il perfetto nome primitivo da cui far derivare bigiotteria, termine d'uso comune e col doppio significato di nome collettivo («insieme di bigiotti») e del negozio che li vende. :)
Io sarei, in astratto, pure d’accordo, ma, se bigiú è superato, che dire di bigiotto, che non è nemmeno messo a lemma in un dizionario? A parità di «stranezza», meglio risparmiare gli sforzi di onomaturgia o di riesumazione di parole rare, e scegliere l’«usato sicuro».

Insomma, per farla breve, concordo con G. M. :)

Carnby
Interventi: 3540
Iscritto in data: ven, 25 nov 2005 19:53
Località: Empolese-Valdelsa

Intervento di Carnby » mer, 14 dic 2016 17:26

Ferdinand Bardamu ha scritto:Io sarei, in astratto, pure d’accordo, ma, se bigiú è superato, che dire di bigiotto, che non è nemmeno messo a lemma in un dizionario?
Il problema esiste anche con gli arcaismi, generalmente rifiutati in favore del forestierismo crudo, che pare più «moderno».

Avatara utente
Ferdinand Bardamu
Moderatore
Interventi: 4122
Iscritto in data: mer, 21 ott 2009 14:25
Località: Legnago (Verona)

Intervento di Ferdinand Bardamu » mer, 14 dic 2016 17:42

Ha ragione, ma il mio è, per cosí dire, un approccio pragmatico: se abbiamo già un traducente registrato dai dizionari, usiamolo. Si può ricorrere all’onomaturgia o alla riesumazione di arcaismi solo se non ci sono altre parole italiane «pronte all’uso» (è soltanto un mio parere, ovviamente).

Avatara utente
Millermann
Interventi: 789
Iscritto in data: ven, 26 giu 2015 19:21
Località: Riviera dei Cedri

Intervento di Millermann » mer, 14 dic 2016 20:04

Nessun problema: proposta bocciata, ne prendo giovialmente atto! :P
Avevo già visto anche l'arcaismo riportato dal Tommaseo, ma non mi era sembrato il caso di doverne tener conto.
Vorrei, comunque, specificare che in questo caso non si tratterebbe solo di "manie onomaturgiche" ;): il fatto è che i dizionari mettono a lemma bigiotteria (e anche bigiottiere): però, a differenza di tutte le altre parole simili, che derivano sempre da un "nome primitivo" corrispondente (biscotteria da biscotto, cappotteria da cappotto, ecc.), qui siamo invece di fronte all'adattamento di un francesismo. La "coniazione" di bigiotto servirebbe a colmare l'unica lacuna, in pratica! :)
Permetterebbe, in piú, di creare facilmente derivati e nomi alterati (come *bigiottino o l'aggettivo bigiottiero/a (non attestato sui dizionari, ma già presente, in Rete, in frasi come «settore bigiottiero» o «industria bigiottiera»).
In Italia, dotta, Foro fatto dai latini

Don Antonio
Interventi: 36
Iscritto in data: ven, 20 mag 2016 20:06

Intervento di Don Antonio » ven, 30 dic 2016 16:19

Perché non inserire nella lista sia bigiù che bigliotto?
Da un lato l'adattamento italiano di una parola francese, dall'altro la formazione italiana creata secondo tutti i crismi della nostra struttura linguistica.
Sempre meglio avere più parole e più possibilità di penetrare ed inserire un nuovo vocabolo nel nostro tessuto linguistico, non trovate?

Carnby
Interventi: 3540
Iscritto in data: ven, 25 nov 2005 19:53
Località: Empolese-Valdelsa

Intervento di Carnby » ven, 30 dic 2016 18:39

Il problema è che l’italiano non è l’esperanto e l’onomaturgia «forzata» non è generalmente ben accetta dai parlanti stessi. Meglio puntare su coniazioni dotte (limitate però ai settori specialistici), parole dialettali o vernacole esistenti o su alcuni arcaismi che non sembrino troppo antiquati.

Intervieni

Chi c’è in linea

Utenti presenti in questa sezione: Nessuno e 1 ospite