«Bar» e «spa»

Spazio di discussione su prestiti e forestierismi

Moderatore: Cruscanti

Avatara utente
Roberto Crivello
Interventi: 1636
Iscritto in data: lun, 11 apr 2005 4:37
Località: Salt Lake City, Utah
Info contatto:

Intervento di Roberto Crivello » dom, 14 mag 2017 1:53

Ferdinand Bardamu ha scritto:Dissento soltanto sulla «piena cittadinanza» di parole come bar, sport e film: benché siano tollerabili per ragioni di buon senso (sono ormai entrate nel lessico fondamentale), rimangono strutturalmente parole meteche, per dirla con Migliorini.
Confesso che solo ora mi sono finalmente deciso a guardare la definizione di meteco (sul Devoto-Oli 2010) pur avendo letto le parole di Migliorini citate qui innumerevoli volte (che per amor di precisione non ha scritto strutturalmente, ma solo [...] meteche, non italiane [non ha nessuna importanza ai fini di questa discussione, ovviamente intendeva proprio questo]) anni e anni fa.

Ebbene, meteco era, nell'antica Grecia, il forestiero libero, che risiedeva stabilmente in una città, escluso dalla partecipazione attiva alla politica e gravato di particolari imposte.

E per estensione: straniero stabilitosi nel territorio di uno stato e guardato con ostilità.

Mi sembra pertanto che l'analogia non regga. Queste parole sono forestiere libere e risiedono stabilmente nella lingua italiana, ma non sono escluse dalla partecipazione attiva alle attività linguistiche (e hanno anzi generato una prole numerosissima, come ricordato sopra), né sono gravate da particolari imposte. Insomma, circolano senza alcun impedimento.

E riguardo al significato esteso, si sono sì stabilite nel territorio italiano, ma non sono guardate con ostilità (tranne che da uno sparuto gruppo di persone).

Si può quindi dire che sono meteche? Non ne sono tanto sicuro...

Avatara utente
Animo Grato
Interventi: 1376
Iscritto in data: ven, 01 feb 2013 16:11

Intervento di Animo Grato » dom, 14 mag 2017 13:24

Roberto Crivello ha scritto:[U]no sparuto gruppo di persone
Noialtri pochi, beati noi...
«Ed elli avea del cool fatto trombetta». Anonimo del Trecento su Miles Davis
«E non piegherò certo il mio italiano a mere (e francamente discutibili) convenienze sociali». Infarinato
«Prima l'italiano!»

valerio_vanni
Interventi: 919
Iscritto in data: ven, 19 ott 2012 20:40
Località: Marradi (FI)

Intervento di valerio_vanni » dom, 14 mag 2017 14:38

Ferdinand Bardamu ha scritto:Personalmente non posso far altro che esprimere il mio rammarico per la scomparsa del potere dell’italiano di adattare le parole. È un peccato che sia cosí, perché i suddetti forestierismi hanno dato vita a derivati, questi sí, italiani pleno iure, come sportivo, filmare, filmico, filmetto, baretto, barista. Soltanto la base rimane nella sua veste straniera.
L'adattamento dei derivati, però, non è così in crisi.
Alcuni suffissi ormai prendono piede, per esempio "-er" e "-ing", ma continuano lo stesso a formarsi verbi (rigorosamente nella prima coniugazione, peccato per le altre!).

Mi viene in mente il ping informatico: si è formato un verbo pingare regolarmente coniugato.

Don Antonio
Interventi: 36
Iscritto in data: ven, 20 mag 2016 20:06

Intervento di Don Antonio » dom, 14 mag 2017 18:04

Mi scusino, ritornando sul termine bar, non volevo indicare o affermare che bar sia un forestierismo che vada ad ogni costo estromesso dal parlato quotidiano. Volevo solo far presente, visto che il materiale del gruppo da Loro formato è così ricercato, preciso e ben selezionato (motivo che mi ha fatto pensare di iscrivermi a questo gruppo, tra i diversi esistenti), che fu formata ed ancora viene utilizzata anche la parola quisisana (F.T. Marinetti), la quale penso possa essere semplicemente affiancata alla parola bar ed anche a tutte quelle che la sostituiscono, come possono essere locale, caffè o caffetteria, barre o mescita.
Credo che il vostro foro, oltre che cercare di trovare e proporre traducenti italiani per termini forestieri che entrano nella lingua italiana, cominci ad avere anche un certo valore storico-culturale. Per questo credo che l'inserimento di tutti i traducenti, anche di parole già acclimatate nella nostra lingua e nel nostro parlato quotidiano, sia importante. Faccio un esempio: ho visto che nella vostra lista è finalmente (e doverosamente a parer mio) comparso il termine diporto. Perché dico finalmente: la lingua segue (purtroppo o per fortuna) delle mode, in questo momento è in voga la lingua inglese, ma chi ci dice che presto non lo sia lo spagnolo, il francese o l'esperanto? E se la prossima lingua di riferimento diventasse lo spagnolo? Chi ci dice che non torni in voga il termine diporto? E se ci trovassimo a leggere "La gazzetta del diporto"? D'altronde "La gazzetta dello sport" è stata anche "La gazzetta sportiva". Comunque ribadisco la mia posizione, non penso certamente di sostituire la parola bar (contro il cui utilizzo non ho nulla), anche se, personalmente, uso e scrivo barre. Solo mi sembra interessante anche non porre limiti alla provvidenza od alle fortune di un termine (nel tal caso quisibeve) che, anche se per lungo tempo dimenticato, sta tornando di moda. Polibibita per esempio sta vivendo una nuova vita e credo che finirà per imporsi, poiché questo tipo di bevanda è sempre più richiesta e ne nascono continuamente di nuove, grazie anche all'interessamento commerciale di alcune case liquoristiche italiane come "Vecchia Romagna", "Cocchi", "Cedrata Tassoni", "Campari" ed altre... (lavoro nel settore bar). Non vorrei aver creato dei dissensi, poiché forse, per molti, questi sono temi già ampiamente trattati, ma non avendo visto quisibeve e polibibita nella lista ho pensato (forse ingenuamente?) di intervenire in questo senso...

Intervieni

Chi c’è in linea

Utenti presenti in questa sezione: Nessuno e 1 ospite