«Sikhismo» e «sikh»

Spazio di discussione su prestiti e forestierismi

Moderatore: Cruscanti

Intervieni
Avatara utente
G. M.
Interventi: 235
Iscritto in data: mar, 22 nov 2016 16:54

«Sikhismo» e «sikh»

Intervento di G. M. » mer, 17 mag 2017 12:40

Il sikhismo è un:
Movimento religioso indiano fondato tra la fine del 15° e l’inizio del 16° sec. dal guru Nānak unendo sincreticamente elementi e credenze delle tradizioni islamica e induistica; basato su una fede rigorosamente monoteistica, contraria ad ogni idolatria, afferma la possibilità di incontrare il divino attraverso la grazia del guru.
In portoghese c'è siquismo; in spagnolo si ha invece sijismo e il singolo fedele si chiama sij.

Il DiPI come pronuncia dà unicamente /siˈkizmo/; vedo invece che il Treccani (da cui è tratta la definizione in alto) indica /sikˈkizmo/, prevedendo anche la grafia sikkhismo (che, gugolando, sembra molto più rara: 87˙200 risultati per sikhismo e solo 277 per sikkhismo).

Visto che il singolo fedele al momento è chiamato sikh, un adattamento con due c (sicco?) sembra forse più naturale; tuttavia, se la pronuncia più diffusa per sikhismo è effettivamente con c scempia, forse è meglio seguirla con un adattamento che ne tenga conto? Non saprei... :?

Attendo il parere dei membri più colti del foro. :)

[A proposito: in alto ho scritto sikhismo in corsivo, ma non ero sicuro. C'è una regola grafica, o perlomeno una consuetudine in questa piazza, per le parole che si compongono di pezzi stranieri e di pezzi italiani? (Vere mostruosità, se volete il mio parere...)]

Carnby
Interventi: 3543
Iscritto in data: ven, 25 nov 2005 19:53
Località: Empolese-Valdelsa

Intervento di Carnby » mer, 17 mag 2017 14:54

Non è neppure tanto vecchio: sichismo.

Avatara utente
G. M.
Interventi: 235
Iscritto in data: mar, 22 nov 2016 16:54

Intervento di G. M. » gio, 18 mag 2017 7:50

La ringrazio. Mi sembra però, purtroppo, che negli archivi di Google Libri il termine compaia solo lì. Basta un'unica attestazione per farci preferire una forma all'altra? E sikh si adatterebbe dunque in sico? :?
(Non che sicco mi suoni molto meglio... ma come sappiamo è tutta questione di abitudine. :wink:)

Carnby
Interventi: 3543
Iscritto in data: ven, 25 nov 2005 19:53
Località: Empolese-Valdelsa

Intervento di Carnby » ven, 19 mag 2017 0:07

Sichista?

Avatara utente
G. M.
Interventi: 235
Iscritto in data: mar, 22 nov 2016 16:54

Intervento di G. M. » ven, 19 mag 2017 8:17

Carnby ha scritto:Sichista?
Soluzione "banale" ed elegante che in astratto andrebbe benissimo.
Ho visto però, facendo un giro sulla Vichipedìa, che una simile forma non si trova neppure nelle altre lingue più reattive della nostra (gli unici due adattamenti che vedo sono il succitato spagnolo sij e un prevedibile esperanto siko).
Un'altra possibile difficoltà che il termine potrebbe incontrare – per il fatto che al momento non è usato e vorremmo introdurlo, mentre se esistesse da tempo non ci sarebbe alcun problema – è che recentemente mi sembra che il suffisso -ista, in alcuni ambiti, abbia assunto una certa connotazione negativa, come negli usi recenti di cristianista e islamista: non vorrei che il termine sichista fosse sentito dagli interessati con una sfumatura sgradevole che un adattamento "bruto" di sikh non avrebbe. Il fatto che sarebbe un unicismo italiano non aiuta.
(Sia chiaro, non sto facendo il bastian contrario, a me sichista va benissimo... :) cerco solo di valutare tutti i possibili punti di vista.)

Avatara utente
Animo Grato
Interventi: 1376
Iscritto in data: ven, 01 feb 2013 16:11

Intervento di Animo Grato » ven, 19 mag 2017 12:15

G. M. ha scritto:
Carnby ha scritto:Sichista?
[I]l fatto [...] è che recentemente mi sembra che il suffisso -ista, in alcuni ambiti, abbia assunto una certa connotazione negativa
Recentemente ci si sente in diritto di offendersi per tutto. :roll:
«Ed elli avea del cool fatto trombetta». Anonimo del Trecento su Miles Davis
«E non piegherò certo il mio italiano a mere (e francamente discutibili) convenienze sociali». Infarinato
«Prima l'italiano!»

Avatara utente
Sixie
Interventi: 316
Iscritto in data: lun, 18 mag 2015 19:18
Località: Polesine

Intervento di Sixie » ven, 19 mag 2017 13:26

Cosa ne dite di seiki del buon Salgàri (e di altri prima di lui)?
We see things not as they are, but as we are. L. Rosten
Vediamo le cose non come sono, ma come siamo.

Avatara utente
G. M.
Interventi: 235
Iscritto in data: mar, 22 nov 2016 16:54

Intervento di G. M. » ven, 19 mag 2017 14:07

Ho provato a fare un ulteriore passo partendo dal suggerimento di Sixie, e... guardate che bello! :D
Si trovano anche molti seicchi, ma mi pare che nella maggior parte dei casi stia per sceicchi; almeno qui però indica sicuramente i nostri sikh.

Avatara utente
G. M.
Interventi: 235
Iscritto in data: mar, 22 nov 2016 16:54

Intervento di G. M. » ven, 19 mag 2017 14:39

Ma... non è tutto! :shock:
Abbiamo anche un ampio numero di sichi e persino due o tre sicchi.
All'improvviso mi sembra di essere nel paese di Cuccagna. :D

Carnby
Interventi: 3543
Iscritto in data: ven, 25 nov 2005 19:53
Località: Empolese-Valdelsa

Intervento di Carnby » ven, 19 mag 2017 19:02

Come si può notare, i traducenti si trovano, anche attestati. Basta volerlo. :)

Avatara utente
G. M.
Interventi: 235
Iscritto in data: mar, 22 nov 2016 16:54

Intervento di G. M. » sab, 20 mag 2017 8:02

Bene, allora, per concludere questo filone felice, rivalutando nel complesso le considerazioni fatte e le attestazioni, penso che possiamo approvare la coppia sico - sichismo.

(Qui un uso al singolare.)

Avatara utente
G. M.
Interventi: 235
Iscritto in data: mar, 22 nov 2016 16:54

Intervento di G. M. » gio, 13 lug 2017 11:11

Ho visto che sico è registrato nel Battaglia come variante sotto sikh.

Intervieni

Chi c’è in linea

Utenti presenti in questa sezione: Nessuno e 1 ospite