«Hikikomori»

Spazio di discussione su prestiti e forestierismi

Moderatore: Cruscanti

Intervieni
Avatara utente
G.B.
Interventi: 290
Iscritto in data: gio, 15 ago 2019 11:13

«Hikikomori»

Intervento di G.B. »

Recentemente è stata annunciata l'uscita di un cortometraggio sul fenomeno psicosociale degli hikikomori, nipponismo stante a indicare la scelta volontaria di autoesclusione sociale: https://www.scuolazoo.com/magazine/cine ... ezia-2019/.

Gli anglofoni ne hanno colloquialmente fatto shut-in, che significa appunto segregato, (rin)chiuso (vedi: https://en.wikipedia.org/wiki/Hikikomori e https://dizionari.corriere.it/dizionari ... resh_ce-cp) .

Traduzioni come segregato/escluso/emarginato volontario/sociale non mi convincono. Io ne farei piuttosto appartato sociale/volontario (http://www.treccani.it/vocabolario/appartare/), ricavandone il fenomeno degli appartati sociali/volontari o, per i più arditi, appartatismo/appartismo sociale/volontario.

Che ne dite? :D
«[...] o italici segni / rivendicarvi io seppi / nella vostra vergine gloria!» (G. D'Annunzio, Laus Vitae, vv. 7979-81).
Avatara utente
Ferdinand Bardamu
Moderatore
Interventi: 4339
Iscritto in data: mer, 21 ott 2009 14:25
Località: Legnago (Verona)

Re: «Hikikomori»

Intervento di Ferdinand Bardamu »

Io rimarrei sulla scelta piú semplice, che è quella che ha fatto anche lei nel suo intervento: autoescluso (sociale non pare necessario) e autoesclusione sociale. Qualche esempio dalla Rete:

Qualche mese fa aveva deciso di smettere di andare a scuola e da allora l’isolamento in cui viveva si era fatto ancora più profondo. Si parla di lui come di un «autoescluso»: è la traduzione di hikikomori, un termine coniato nel 1998 da Saito Tamaki, direttore del dipartimento psichiatrico dell’Ospedale Sofukai Sasaki in Giappone, che indica una condizione caratterizzata dall’evitamento del contatto sociale e dal ritiro nella propria casa, protratto per almeno 6 mesi. (da Vanityfair.it)

Pare che la donna avesse deciso di sottrargli la tastiera del pc, lo strumento che lo aveva ridotto ad un vero e proprio schiavo. Il termine giusto è Hikikomori. ‘Autoescluso’. Questa la traduzione del termine dal giapponese che fa riferimento a tutti qui giovani affetti da questa sindrome che li fa vivere chiusi nella propria stanza, davanti ad un computer o con uno smartphone, in un isolamento sociale volontario. (da Fanpage.it)

'Autoescluso' questo significa Hikikomori. La traduzione del termine dal giapponese è ' stare in disparte' ma la sostanza è che si tratta di tutti quei giovani affetti da questa sindrome che li fa vivere chiusi in una cameretta, davanti ad un computer o con uno smartphone, in un isolamento sociale volontario. (da Rainews.it)
Avatara utente
G.B.
Interventi: 290
Iscritto in data: gio, 15 ago 2019 11:13

Re: «Hikikomori»

Intervento di G.B. »

Mi ha convinto. :wink:
«[...] o italici segni / rivendicarvi io seppi / nella vostra vergine gloria!» (G. D'Annunzio, Laus Vitae, vv. 7979-81).
Avatara utente
G. M.
Interventi: 382
Iscritto in data: mar, 22 nov 2016 15:54

Re: «Hikikomori»

Intervento di G. M. »

Segnalo anche autorecluso.
Intervieni

Chi c’è in linea

Utenti presenti in questa sezione: Nessuno e 2 ospiti