«Morbus anglicus»

Spazio di discussione su prestiti e forestierismi

Moderatore: Cruscanti

Avatara utente
Infarinato
Amministratore
Interventi: 3756
Iscritto in data: gio, 04 nov 2004 10:40
Info contatto:

Re: morbus anglicus di arrigo castellani

Intervento di Infarinato »

Stefausino ha scritto:non so davvero come ringraziarla…
Potrebbe cominciare curando l’ortografia, e in particolare usando le maiuscole a inizio frase e i tre (anziché due) puntini di sospensione. :P
domna charola
Interventi: 1097
Iscritto in data: ven, 13 apr 2012 9:09

Intervento di domna charola »

Aiuto, cerco conforto!...
Appena rientrata da una visita ortopedica, Clinica Humanitas di Rozzano (MI, Italia):
Cercando di orientarmi entro il complesso di edifici, chiedo ad un'infermiera per l'ortopedia... "A destra sino al building 4"
:shock: ...sì,i cartelli indicatori confermano: si chiamano building1, building 2, building 3 etc...
considerato che esistono i termini costruzione, edificio, palazzina, blocco, sezione, settore, che coprono quasi tutti i possibili assetti architettonici e di struttura, ritengo che siamo in presenza di linguitalianicidio doloso...
Andrea Russo
Interventi: 763
Iscritto in data: dom, 23 ott 2011 22:37

Intervento di Andrea Russo »

Gli ospedali sono terribili: non solo perché non è simpatico andarci, ma anche perché ci troviamo davanti ad assurdità del genere. Per non parlare del /dei'sargery/! (:lol:), del triage, ecc. E poi questo building... per fortuna a Pisa si parla ancora di edifici. A ogni modo è riportato a lemma nel Treccani in linea: dove andremo a finire? :roll:
Avatara utente
Roberto Crivello
Interventi: 1672
Iscritto in data: lun, 11 apr 2005 4:37
Località: Salt Lake City, Utah
Info contatto:

Intervento di Roberto Crivello »

Penso che building sia inserito qui nella sua particolare accezione di 'edificio immenso, altissimo'. Lo usava già Bruno Migliorini, si veda qui, nel suo articolo Profili di parole.
Avatara utente
Marco1971
Moderatore
Interventi: 10019
Iscritto in data: gio, 04 nov 2004 12:37

Intervento di Marco1971 »

Ma gli ospedali non sono grattacieli...
Ma quella lingua si chiama d’una patria, la quale convertisce i vocaboli ch’ella ha accattati da altri nell’uso suo, et è sí potente che i vocaboli accattati non la disordinano, ma ella disordina loro.
Avatara utente
Roberto Crivello
Interventi: 1672
Iscritto in data: lun, 11 apr 2005 4:37
Località: Salt Lake City, Utah
Info contatto:

Intervento di Roberto Crivello »

Parlavo del fatto che building compaia nel Treccani (magari ce l'hanno messo perché l'ha usato Migliorini nel suo articolo), non della stupidaggine riferita a proposita dell'ospedale.
domna charola
Interventi: 1097
Iscritto in data: ven, 13 apr 2012 9:09

Intervento di domna charola »

...parallelepipedi di due piani, spalmati su di un'area immensa (non so se sia corretto in italiano, ma "spalmato" - tipo marmellata - rende l'idea delle proporzioni altezza/larghezza dei "building" in questione...)...
Avatara utente
Marco1971
Moderatore
Interventi: 10019
Iscritto in data: gio, 04 nov 2004 12:37

Intervento di Marco1971 »

Suggerisco di aprire filoni ad hoc per i forestierismi da discutere, lasciando questo – giunto a 14 pagine – a considerazioni di carattere generale. Grazie. :)
Ma quella lingua si chiama d’una patria, la quale convertisce i vocaboli ch’ella ha accattati da altri nell’uso suo, et è sí potente che i vocaboli accattati non la disordinano, ma ella disordina loro.
Avatara utente
Cratilo
Interventi: 36
Iscritto in data: lun, 19 apr 2010 20:18

il Politecnico passa all'inglese

Intervento di Cratilo »

Come considerazione di carattere generale, segnalo la seguente notizia:
http://italiadallestero.info/archives/16824
Il fatto è molto preoccupante, a mio parere...
Carnby
Interventi: 3635
Iscritto in data: ven, 25 nov 2005 18:53
Località: Empolese-Valdelsa

Re: il Politecnico passa all'inglese

Intervento di Carnby »

Cratilo ha scritto:Come considerazione di carattere generale, segnalo la seguente notizia:
http://italiadallestero.info/archives/16824
Il fatto è molto preoccupante, a mio parere...
Articolo pieno zeppo di refusi e accenti messi a casaccio.
Avatara utente
Cratilo
Interventi: 36
Iscritto in data: lun, 19 apr 2010 20:18

Intervento di Cratilo »

Sì, ma cosa c'entra? Io volevo richiamare l'attenzione sul contenuto dell'articolo, non sulla forma.
domna charola
Interventi: 1097
Iscritto in data: ven, 13 apr 2012 9:09

Intervento di domna charola »

Aiuto!...

Ieri sera, in un ristorante nel pedemonte bresciano, il cameriere, ragazzo giovane e probabilmente non locale, mi ha proposto un "risotto col be'gos"... che, dalla lista densa di piatti tradizionali, risultava essere "risotto col bagòss", formaggio tipico di Bagolino, Valle del Caffaro, Brescia, in genere venduto nelle gioiellerie (nel senso che è un prodotto doc di vecchia data, ben noto nella gastronomia e che raggiunge quotazioni elevatissime per un formaggio).

Io non sono per l'insegnamento del dialetto a chi non lo possiede già come proprio vissuto, però, in certi casi, almeno pretendere dai dipendenti che non inglesizzino ciò che proprio inglese non è, mi sembrerebbe il minimo...
Carnby
Interventi: 3635
Iscritto in data: ven, 25 nov 2005 18:53
Località: Empolese-Valdelsa

Intervento di Carnby »

domna charola ha scritto:Ieri sera, in un ristorante nel pedemonte bresciano, il cameriere, ragazzo giovane e probabilmente non locale, mi ha proposto un "risotto col be'gos"... che, dalla lista densa di piatti tradizionali, risultava essere "risotto col bagòss"
Risotto coi /'bɛgos/... mi ricorda il travet /tra'vɛt/ piemontese pronunciato alla francese /tra've/.
Avatara utente
Cratilo
Interventi: 36
Iscritto in data: lun, 19 apr 2010 20:18

Perchè la nostra lingua sta scomparendo

Intervento di Cratilo »

Segnalo questo articolo di Camilleri:
http://temi.repubblica.it/micromega-onl ... omparendo/
Mi pare calzante la metafora dell'albero e delle radici
Avatara utente
Marco1971
Moderatore
Interventi: 10019
Iscritto in data: gio, 04 nov 2004 12:37

Intervento di Marco1971 »

Arriva in ritardo: ne abbiamo parlato qui. ;)
Ma quella lingua si chiama d’una patria, la quale convertisce i vocaboli ch’ella ha accattati da altri nell’uso suo, et è sí potente che i vocaboli accattati non la disordinano, ma ella disordina loro.
Intervieni

Chi c’è in linea

Utenti presenti in questa sezione: Nessuno e 1 ospite