«Bamboo»

Spazio di discussione su prestiti e forestierismi

Moderatore: Cruscanti

Intervieni
Avatara utente
Ferdinand Bardamu
Moderatore
Interventi: 4288
Iscritto in data: mer, 21 ott 2009 14:25
Località: Legnago (Verona)

«Bamboo»

Intervento di Ferdinand Bardamu »

Come ha spiegato Marco, la tendenza attuale dell’italiano è di sostituire progressivamente vocaboli del lessico comune coi corrispettivi inglesi, percepiti come «piú precisi».

Ciò si manifesta non soltanto nell’adozione di parole nuove, ma perfino nell’«adattamento» di termini italiani alla forma inglese. Per esempio, bamboo per bambú:

Cupole di bamboo per evitare il Coronavirus al mare. (FONTE)

Questa non so davvero come spiegarmela, al pari di tattoo, oggi in voga al posto di tatuaggio

P.S. Ho preso lo spunto per questo filone da un intervento di Giulio Mainardi su Dirlo in italiano. :)

Avatara utente
Marco1971
Moderatore
Interventi: 9717
Iscritto in data: gio, 04 nov 2004 12:37

Re: «Bamboo»

Intervento di Marco1971 »

Credo che queste grafie anglicizzanti riflettano una sorta d’insofferenza verso il carattere funzionale della grafia italiana (molto piú vicina alla pronuncia, come lo spagnolo), e che questo sentimento possa scaturire da un ingenuo senso d’inferiorità (in soldoni: è troppo semplice, quindi bisogna complicare), come se un sistema grafico di tipo etimologico alla francese o all’inglese fosse piú prestigioso.

Ma in nessun altro Paese europeo una grafia di corso plurisecolare subitamente stravolta sarebbe stata accettata dalla popolazione senza scandalo; di piú: nessuno si sarebbe sognato di farlo!

Di questo passo, città diventerà molto presto city (perché y è una sciccheria, anzi no, fa chic).

Che cosa possiamo concludere da tutto questo cafàrnao? Certo, come annunciato oltre un secolo fa, che «l’italiano sarà quello che gl’Italiani sapranno essere», è una realtà oggi verificabile; e gli italiani, o quegli italiani che diffondono la lingua, non l’amano cosí com’è – o, forse, come fu.
Ma quella lingua si chiama d’una patria, la quale convertisce i vocaboli ch’ella ha accattati da altri nell’uso suo, et è sí potente che i vocaboli accattati non la disordinano, ma ella disordina loro.

Avatara utente
marcocurreli
Interventi: 490
Iscritto in data: ven, 25 set 2009 22:36
Località: Cagliari

Re: «Bamboo»

Intervento di marcocurreli »

La cosa curiosa è che per moltissimi stranieri l'italiano è la più bella lingua del mondo. Nemo propheta in patria.
Linux registered user # 443055

Avatara utente
Marco1971
Moderatore
Interventi: 9717
Iscritto in data: gio, 04 nov 2004 12:37

Re: «Bamboo»

Intervento di Marco1971 »

Sí, in effetti, gli stranieri vedono le cose in maniera piú oggettiva. ;)
Ma quella lingua si chiama d’una patria, la quale convertisce i vocaboli ch’ella ha accattati da altri nell’uso suo, et è sí potente che i vocaboli accattati non la disordinano, ma ella disordina loro.

Intervieni

Chi c’è in linea

Utenti presenti in questa sezione: Nessuno e 1 ospite