«Crack» (informatica)

Spazio di discussione su prestiti e forestierismi

Moderatore: Cruscanti

methao_donor
Interventi: 341
Iscritto in data: gio, 14 set 2006 23:04
Località: Finlandia

«Crack» (informatica)

Intervento di methao_donor » dom, 25 mar 2007 20:50

So che è presente in lista, tuttavia mi pare che le alternative proposte non coprano una delle accezioni più comuni (nel gergo informatico).
Quello cioè, di programma di sprotezione di altri programmi. Mi pare che né (tra)collo né rovina sia adeguati per coprire questa area semantica.

Probabilmente si potrebbe semplicemente rimediare con sprotezione o *sprotettore, che mi sembrano facilmente comprensibili e adeguati allo scopo. Cosa ne pensate?

Avatara utente
Marco1971
Moderatore
Interventi: 9560
Iscritto in data: gio, 04 nov 2004 13:37

Intervento di Marco1971 » dom, 25 mar 2007 21:37

Mi sembra che vada bene e che sia già adoperato: si veda qui.
Ma quella lingua si chiama d’una patria, la quale convertisce i vocaboli ch’ella ha accattati da altri nell’uso suo, et è sí potente che i vocaboli accattati non la disordinano, ma ella disordina loro.

Avatara utente
Federico
Interventi: 3008
Iscritto in data: mer, 19 ott 2005 16:04
Località: Milano

Intervento di Federico » lun, 26 mar 2007 18:38

Relativamente a questa accezione ci sono già crack verbo e cracker persona, e per entrambi si suggerisce scassinare; sprotettore è altrettanto valido.
Sinceramente però trovo non molto convincenti queste due traduzioni, ma ancora una volta non mi viene in mente nulla. Forse si potrebbe fare ricorso a forzare e simili?

Avatara utente
Decimo
Interventi: 435
Iscritto in data: ven, 18 ago 2006 13:45
Località: Modica

Re: «Crack»

Intervento di Decimo » mer, 28 mar 2007 13:50

methao_donor ha scritto:Probabilmente si potrebbe semplicemente rimediare con sprotezione o *sprotettore, che mi sembrano facilmente comprensibili e adeguati allo scopo. Cosa ne pensate?
Mi accodo a methao_donor. Trovo che sprotettore sia una valida alternativa.
Io tuttavia proporrei deprotezione o deprotettore per crack e deproteggere per crackare.

Avatara utente
Infarinato
Amministratore
Interventi: 3621
Iscritto in data: gio, 04 nov 2004 11:40
Info contatto:

Re: «Crack»

Intervento di Infarinato » mer, 28 mar 2007 14:30

Decimo ha scritto:
methao_donor ha scritto:Probabilmente si potrebbe semplicemente rimediare con sprotezione o *sprotettore, che mi sembrano facilmente comprensibili e adeguati allo scopo…
Mi accodo a methao_donor. Trovo che sprotettore sia una valida alternativa.
Io tuttavia proporrei deprotezione o deprotettore per crack e deproteggere per crackare.
Ricordiamoci però di una cosa: sproteggere rende unprotect, che non indica necessariamente un’operazione illegale: per esempio, si può proteggere un dischetto rendendolo di sola lettura, e sproteggerlo rendendolo di nuovo scrivibile.

Sproteggere, che, a differenza di *deproteggere, è registrato [dal GRADIT], è quindi piú propriamente un iperonimo di crack[are], per il quale direi che scassinare e forzare sono traduzioni piú precise. Certo, quando sia chiaro il contesto, anche sproteggere può andare…

methao_donor
Interventi: 341
Iscritto in data: gio, 14 set 2006 23:04
Località: Finlandia

Re: «Crack»

Intervento di methao_donor » mer, 28 mar 2007 16:55

Infarinato ha scritto:Ricordiamoci però di una cosa: sproteggere rende unprotect, che non indica necessariamente un’operazione illegale: per esempio, si può proteggere un dischetto rendendolo di sola lettura, e sproteggerlo rendendolo di nuovo scrivibile.

Sproteggere, che, a differenza di *deproteggere, è registrato [dal GRADIT], è quindi piú propriamente un iperonimo di crack[are], per il quale direi che scassinare e forzare sono traduzioni piú precise. Certo, quando sia chiaro il contesto, anche sproteggere può andare…
Vero, ma non sono sicuro che l'atto della crack in sé sia illegale. Vero che permette l'azione illegale, ma una sottile differenza a mio avviso c'è.
Del resto, se non erro, io sono libero di adoperare crack per copiare un mio disco, purché sia a scopi personali.

Avatara utente
Federico
Interventi: 3008
Iscritto in data: mer, 19 ott 2005 16:04
Località: Milano

Intervento di Federico » mer, 28 mar 2007 17:16

In casi come questo non mi pare che sia un male usare un iperonimo (che è tale perché il crack potrà anche essere legale, ma sproteggere resta assai generico), ma per indicare il cracker, detto volgarmente hacker, ho pensato a un'utile metafora: guastatore, che il Garzanti in linea definisce cosí (e lo Zingarelli dà una definizione molto simile):
3 (mil.) fante o geniere specializzato nell'assalto a opere fortificate o di sbarramento [...]
Mutatis mutandis, il cracker è colui che demolisce, supera, aggira le fortificazioni informatiche di protezione dei dati ecc. È eccessivo?

fabbe
Interventi: 454
Iscritto in data: mar, 26 apr 2005 20:57

Intervento di fabbe » mer, 28 mar 2007 19:02

Io vedo la cosa in questo modo:

Haker: Smanettone. Termine già ampiamente in uso.
Haker: Pirata (come lo smanettone ma con fini economici). Termine già ampiamente in uso.
Cracker: Scassinatore. Termine non in uso ma di significato inequivocabile.

Volendo si potrebbe usare pirata (e piratare) anche per "cracker".

Avatara utente
Federico
Interventi: 3008
Iscritto in data: mer, 19 ott 2005 16:04
Località: Milano

Intervento di Federico » ven, 30 mar 2007 21:12

Ma lo smanettone è genericamente chi ha parecchia dimestichezza coll'informatica e perciò fa cose che altri non sarebbero in grado di fare; pirata è giusto, infatti mi pareva di averlo già aggiunto.

methao_donor
Interventi: 341
Iscritto in data: gio, 14 set 2006 23:04
Località: Finlandia

Intervento di methao_donor » ven, 30 mar 2007 22:37

Ma difatti Hacker altro non è che lo smanettone.
Pirata per <<cracker>> va altrettanto bene.
Comunque si insiste sul significato di "scassinare" per "to crack".

Ora, è vero che scassinare va benissimo per "to crack". Altrettanto può andar bene scassinatore per "cracker" (per essere più precisi, volendo, si potrebbe adoperare scassinatore informatico).
Ma per "crack" sostantivo? Come lo colleghiamo a scassinare? :P

fabbe
Interventi: 454
Iscritto in data: mar, 26 apr 2005 20:57

Intervento di fabbe » sab, 31 mar 2007 22:47

methao_donor ha scritto:Ma difatti Hacker altro non è che lo smanettone.
Pirata per <<cracker>> va altrettanto bene.
Comunque si insiste sul significato di "scassinare" per "to crack".

Ora, è vero che scassinare va benissimo per "to crack". Altrettanto può andar bene scassinatore per "cracker" (per essere più precisi, volendo, si potrebbe adoperare scassinatore informatico).
Ma per "crack" sostantivo? Come lo colleghiamo a scassinare? :P
Cosa intende esattamente per "crack", un programma forzato (sprotetto) oppure lo scassinamento stesso?

methao_donor
Interventi: 341
Iscritto in data: gio, 14 set 2006 23:04
Località: Finlandia

Intervento di methao_donor » dom, 01 apr 2007 4:18

Non esattamente il programma forzato (o "scassinato", se si preferisce questa forma), bensì il programma che lo forza/scassina.

fabbe
Interventi: 454
Iscritto in data: mar, 26 apr 2005 20:57

Intervento di fabbe » lun, 02 apr 2007 11:30

methao_donor ha scritto:Non esattamente il programma forzato (o "scassinato", se si preferisce questa forma), bensì il programma che lo forza/scassina.
Programma “anti-protezione”?

Avatara utente
Infarinato
Amministratore
Interventi: 3621
Iscritto in data: gio, 04 nov 2004 11:40
Info contatto:

Intervento di Infarinato » lun, 02 apr 2007 11:33

fabbe ha scritto:
methao_donor ha scritto:Non esattamente il programma forzato (o "scassinato", se si preferisce questa forma), bensì il programma che lo forza/scassina.
Programma “anti-protezione”?
Io sarei per un semplice [programma] scassinatore

Avatara utente
Federico
Interventi: 3008
Iscritto in data: mer, 19 ott 2005 16:04
Località: Milano

Intervento di Federico » mer, 04 apr 2007 8:51

Il crack può essere, a quanto ne so, o un eseguibile che modifica il codice relativo a un programma (in vari luoghi), oppure un eseguibile quasi identico a quello del programma stesso, da usare in sua vece.
Forse sprotettore è meglio perché comprenderebbe anche i cosiddetti NoCD, che in effetti non scassinano nulla perché servono non a usare un programma altrimenti inaccessibile bensí semplicemente a evitare la fatica di inserire nel lettore il disco relativo ogni volta che lo si usa.

Intervieni

Chi c’è in linea

Utenti presenti in questa sezione: Nessuno e 1 ospite