«Flash mob»

Spazio di discussione su prestiti e forestierismi

Moderatore: Cruscanti

Avatara utente
Marco1971
Moderatore
Interventi: 9717
Iscritto in data: gio, 04 nov 2004 12:37

«Flash mob»

Intervento di Marco1971 »

In francese foule éclair, rassemblement éclair. In italiano si potrebbe tradurre nello stesso modo: folla lampo, raduno lampo. Ecco la definizione del GDT (in francese):
Rassemblement social créé à l’initiative d’un internaute anonyme, qui invite des dizaines d’autres internautes à se rassembler en un lieu physique précis, à un moment déterminé, et à exécuter tous ensemble un scénario comique, voire absurde, déjà élaboré, puis à se disperser dans toutes les directions, quelques secondes plus tard.

Par exemple, deux cents personnes se sont rassemblées à Central Park, à proximité du Musée d'histoire naturelle, et, à la seconde convenue, elles se sont mises à imiter des cris d'oiseaux et le chant du coq, puis elles ont crié le mot nature juste avant de se disperser.
Ce mouvement, né à New York, s’est répandu dans les grandes villes du monde. Il vise à rompre la monotonie tout en permettant à des gens qui ne se connaissent pas de participer à une activité marginale commune.

Le terme foule éclair, calque de l’anglais flash mob, est acceptable en français, car il comble une lacune lexicale et parce qu’il est tout à fait adapté, sur le plan morphologique, au système de cette langue.
Au pluriel, on écrira des foules éclair et des rassemblements éclair.
Ma quella lingua si chiama d’una patria, la quale convertisce i vocaboli ch’ella ha accattati da altri nell’uso suo, et è sí potente che i vocaboli accattati non la disordinano, ma ella disordina loro.

Avatara utente
Roberto Crivello
Interventi: 1657
Iscritto in data: lun, 11 apr 2005 4:37
Località: Salt Lake City, Utah
Info contatto:

Intervento di Roberto Crivello »

E che è il flash mob?

Interessante questo dare la definizione di un anglismo, ma in francese.

Avatara utente
Marco1971
Moderatore
Interventi: 9717
Iscritto in data: gio, 04 nov 2004 12:37

Intervento di Marco1971 »

Mi scusi. Traduco (alla bell’e meglio).

Raduno sociale creato su iniziativa d’un internauta anonimo, che invita decine di altri internauti a radunarsi in un punto preciso, in un dato momento, e a eseguire tutti insieme una pagliacciata o addirittura un atto assurdo pianificati, per poi disperdersi in ogni direzione alcuni secondi dopo.

Ad esempio, duecento persone si sono radunate a Central Park, nelle vicinanze del Museo di storia naturale, e al secondo pattuito, si sono messe a imitare versi d’uccelli e il canto del gallo, poi hanno gridato la parola nature appena prima di disperdersi.

Tale movimento, nato a New York, s’è diffuso nelle grandi città del mondo. Esso mira a rompere la monotonia e a permettere a gente che non si conosce di partecipare a una comune attività marginale.
Ma quella lingua si chiama d’una patria, la quale convertisce i vocaboli ch’ella ha accattati da altri nell’uso suo, et è sí potente che i vocaboli accattati non la disordinano, ma ella disordina loro.

Avatara utente
Roberto Crivello
Interventi: 1657
Iscritto in data: lun, 11 apr 2005 4:37
Località: Salt Lake City, Utah
Info contatto:

Intervento di Roberto Crivello »

Mi sembra un fenomeno temporaneo a uso a consumo degli stupidi. Anche il semplice interessarsi del termine corrispondente mi sembra una perdita di tempo.

Avatara utente
Marco1971
Moderatore
Interventi: 9717
Iscritto in data: gio, 04 nov 2004 12:37

Intervento di Marco1971 »

È la parola della settimana sul sito Garzantilinguistica. ;)

In fondo queste manifestazioni che rasentano la demenza si potrebbero chiamare tranquillamente folle folla. :D
Ma quella lingua si chiama d’una patria, la quale convertisce i vocaboli ch’ella ha accattati da altri nell’uso suo, et è sí potente che i vocaboli accattati non la disordinano, ma ella disordina loro.

Avatara utente
Roberto Crivello
Interventi: 1657
Iscritto in data: lun, 11 apr 2005 4:37
Località: Salt Lake City, Utah
Info contatto:

Intervento di Roberto Crivello »

C'è poi qualcosa che non funziona nel termine inglese, perché come lei sa mob ha una connotazione di "ressa, calca, folla tumultuante", che manca a crowd, mentre queste sono praticamente dimostrazioni con alto grado di organizzazione.
Io direi folla demenziale.
:wink:

fabbe
Interventi: 454
Iscritto in data: mar, 26 apr 2005 20:57

Intervento di fabbe »

Si, io direi anche "presidio lampo".

A mio avviso rimangono comunque validi i rilievi mossi da Roberto: perché è stata scelta come parola (magari italiana) della settimana?

Avatara utente
bubu7
Interventi: 1454
Iscritto in data: gio, 01 dic 2005 14:53
Località: Roma
Info contatto:

Intervento di bubu7 »

Non ci vedo niente di strano nel fatto che il sito della Garzanti abbia scelto l'espressione di cui stiamo parlando come il neologismo inglese della settimana presente sull'ultima edizione dell'Hazon. :)
La lingua è un guado attraverso il fiume del tempo. Essa ci conduce alla dimora dei nostri antenati.
V. M. Illič-Svitič

Avatara utente
Marco1971
Moderatore
Interventi: 9717
Iscritto in data: gio, 04 nov 2004 12:37

Intervento di Marco1971 »

Il quale Hazon dà come primo traducente lo stesso termine inglese...
Ma quella lingua si chiama d’una patria, la quale convertisce i vocaboli ch’ella ha accattati da altri nell’uso suo, et è sí potente che i vocaboli accattati non la disordinano, ma ella disordina loro.

Avatara utente
Roberto Crivello
Interventi: 1657
Iscritto in data: lun, 11 apr 2005 4:37
Località: Salt Lake City, Utah
Info contatto:

Intervento di Roberto Crivello »

Chiaramente dipende dal criterio di compilazione di questo dizionario: che non è quello di tentare di dare un traducente italiano in ogni caso, bensì quello di presentare ciò che si ritiene sia il termine ormai diffuso in italiano, in questo caso l'anglismo stesso; in ciò i redattori del dizionario saranno stati confortati probabilmente dal fatto che flash mob compare su vari giornali (come c'era d'aspettarsi) per descrivere questo fenomeno d'importazione. Alla "traduzione" segue poi la descrizione, il cui inizio è di per sé una "vera" possibile traduzione (raduno improvvisato...).

Un utente sprovveduto, di primo livello per così dire, ne concluderà probabilmente che non esiste un traducente italiano. Un utente più accorto, che magari debba usare il termine in una traduzione :wink: , non si limiterà alla consultazione del dizionario, anzi, darà priorità alla consultazione in rete e si farà un'idea dell'ambito e della frequenza d'uso, adoperando o il termine inglese o una delle possibili rese in italiano, oppure entrambi per variatio.

Ma sarebbe ingenuo aspettarsi dai compilatori di questo dizionario una cassazione recisa dell'anglismo quando il termine, nonché il fenomeno stesso, cominciano appena a diffondersi localmente.
Ultima modifica di Roberto Crivello in data ven, 15 giu 2007 18:38, modificato 1 volta in totale.

Avatara utente
Marco1971
Moderatore
Interventi: 9717
Iscritto in data: gio, 04 nov 2004 12:37

Intervento di Marco1971 »

Non criticavo il dizionario in questione; intendevo dire che la segnalazione del termine flash mob era rilevante proprio perché compare fra i traducenti ‘italiani’.
Ma quella lingua si chiama d’una patria, la quale convertisce i vocaboli ch’ella ha accattati da altri nell’uso suo, et è sí potente che i vocaboli accattati non la disordinano, ma ella disordina loro.

Uri Burton
Interventi: 235
Iscritto in data: mar, 28 dic 2004 6:54

VIA DALLA PAZZA FOLLA

Intervento di Uri Burton »

Gli uccelli, con la loro infinita saggezza, hanno trovato il traducente a prima botta. Gettando uno sguardo a quegli individui dall’alto in basso, e volando via in perfetta formazione di crociera dietro il capo stormo, hanno commentato all’unisono: «Che folla scornacchiata.»
Uri Burton

Avatara utente
bubu7
Interventi: 1454
Iscritto in data: gio, 01 dic 2005 14:53
Località: Roma
Info contatto:

Intervento di bubu7 »

Marco1971 ha scritto:Non criticavo il dizionario in questione; intendevo dire che la segnalazione del termine flash mob era rilevante proprio perché compare fra i traducenti ‘italiani’.
E io non stavo criticando la sua segnalazione. :)
Ha fatto bene a proporre dei traducenti, visto che il termine è abbastanza diffuso sui siti italiani, ma condivido appieno le ultime considerazioni di Roberto: a mio parere, un buon dizionario come l'Hazon non può che adottare i criteri d'esposizione perfettamente descritti nel suo intervento.
La lingua è un guado attraverso il fiume del tempo. Essa ci conduce alla dimora dei nostri antenati.
V. M. Illič-Svitič

Avatara utente
Marco1971
Moderatore
Interventi: 9717
Iscritto in data: gio, 04 nov 2004 12:37

Intervento di Marco1971 »

Evidentemente, non era, purtroppo, un fenomeno temporaneo, ma fin troppo vivo e vegeto. E non basta flash mob, ci vuole anche flash mobbers. Naturalmente, ovviamente, chiaramente.
Ma quella lingua si chiama d’una patria, la quale convertisce i vocaboli ch’ella ha accattati da altri nell’uso suo, et è sí potente che i vocaboli accattati non la disordinano, ma ella disordina loro.

Avatara utente
SinoItaliano
Interventi: 384
Iscritto in data: mer, 04 gen 2012 8:27
Località: Pechino

Intervento di SinoItaliano »

In cinese è stato tradotto con 快闪 (kuai shan), col doppio significato di «lampo veloce» e «disperdersi velocemente».
Questo di sette è il piú gradito giorno, pien di speme e di gioia: diman tristezza e noia recheran l'ore, ed al travaglio usato ciascuno in suo pensier farà ritorno.

Intervieni

Chi c’è in linea

Utenti presenti in questa sezione: Nessuno e 1 ospite