Concordanza con Rio de Janeiro

Spazio di discussione su questioni di carattere sintattico

Moderatore: Cruscanti

Intervieni
Brazilian dude
Moderatore «Dialetti»
Interventi: 726
Iscritto in data: sab, 14 mag 2005 23:03

Concordanza con Rio de Janeiro

Intervento di Brazilian dude » ven, 18 mag 2007 16:30

Qual è (più) corretto? Rio de Janeiro è bellissimo o Rio de Janeiro è bellissima, facendo concordare con rio, che è maschile, o con l'idea nascosta di città (la città è bellissima). In portoghese non avrei questo dubbio perché Rio porta sempre l'articolo determinativo, con il quale deve concordare: O Rio de Janeiro é belíssimo, e le altre città, che in regola non usano l'articolo, normativamente richiedono pronomi e aggettivi al femminile perché a cidade, la città, è femminile.

Grazie del vostro aiuto,

Brazilian dude

Avatara utente
Marco1971
Moderatore
Interventi: 9581
Iscritto in data: gio, 04 nov 2004 12:37

Intervento di Marco1971 » ven, 18 mag 2007 18:20

A parte rare eccezioni, in italiano moderno i nomi di città sono femminili, quindi Rio de Janeiro è bellissima.
Ma quella lingua si chiama d’una patria, la quale convertisce i vocaboli ch’ella ha accattati da altri nell’uso suo, et è sí potente che i vocaboli accattati non la disordinano, ma ella disordina loro.

Brazilian dude
Moderatore «Dialetti»
Interventi: 726
Iscritto in data: sab, 14 mag 2005 23:03

Intervento di Brazilian dude » ven, 18 mag 2007 19:36

Grazie mille, Marco.

Brazilian dude

Bue
Interventi: 863
Iscritto in data: lun, 08 nov 2004 11:20

Intervento di Bue » sab, 19 mag 2007 11:35

La mia maestra buonanima mi aveva insegnato che le uniche eccezioni sono Il Cairo e Il Pireo.
Ma davvero si dice Il Cairo è bellissimo?

Avatara utente
Marco1971
Moderatore
Interventi: 9581
Iscritto in data: gio, 04 nov 2004 12:37

Intervento di Marco1971 » sab, 19 mag 2007 15:31

Certo! Non si può mica dire *Il Cairo/Pireo è bellissima... ;)
Ma quella lingua si chiama d’una patria, la quale convertisce i vocaboli ch’ella ha accattati da altri nell’uso suo, et è sí potente che i vocaboli accattati non la disordinano, ma ella disordina loro.

Avatara utente
Fabio48
Interventi: 199
Iscritto in data: mer, 30 nov 2005 8:38
Località: Lucca

Intervento di Fabio48 » mar, 22 mag 2007 12:27

Date un'occhiata a questo copia/incolla:

Il Cairo - Wikipedia
Nonostante al-Qāhira sia il nome ufficiale della città, Il Cairo viene chiamata semplicemente con il nome Egitto, Miṣr (arabo, مصر) pronunciato Masr in ...

A meno che non abbiano voluto sottintendere:- (la città de) Il Cairo viene chiamata ecc.

Cordialità.
...un pellegrino dagli occhi grifagni
il qual sorride a non so che Gentucca.

Avatara utente
Marco1971
Moderatore
Interventi: 9581
Iscritto in data: gio, 04 nov 2004 12:37

Intervento di Marco1971 » mar, 22 mag 2007 12:42

Grazie, Fabio, per la segnalazione. A me pare un uso poco sorvegliato: nella tradizione letteraria Il Cairo è maschile, come in quest’esempio ariostesco (Orlando Furioso, Canto 15.61):

Astolfo se ne va tanto, che vede
ch’ai sepolcri di Memfi è già vicino,
Memfi per le piramidi famoso:
vede all’incontro il Cairo populoso.
Ma quella lingua si chiama d’una patria, la quale convertisce i vocaboli ch’ella ha accattati da altri nell’uso suo, et è sí potente che i vocaboli accattati non la disordinano, ma ella disordina loro.

Avatara utente
bubu7
Interventi: 1453
Iscritto in data: gio, 01 dic 2005 14:53
Località: Roma
Info contatto:

Intervento di bubu7 » mar, 22 mag 2007 13:13

Marco1971 ha scritto: nella tradizione letteraria Il Cairo è maschile...
In un caso come questo il ricorso alla tradizione letteraria non è significativo.
Come nota il Serianni nella sua grammatica (III.12), anticamente il genere dei nomi delle città era determinato, generalmente, dalla desinenza (Milano, nei Promessi Sposi, era maschile).
Per questo motivo non ci vedo niente di male nel fare Il Cairo anche femminile (sottointendendo appunto la città e perdendo Il la sua funzione d'articolo e diventando parte integrante del nome), anche se lo stesso Serianni lo riporta come solo maschile.
La lingua è un guado attraverso il fiume del tempo. Essa ci conduce alla dimora dei nostri antenati.
V. M. Illič-Svitič

methao_donor
Interventi: 341
Iscritto in data: gio, 14 set 2006 23:04
Località: Finlandia

Intervento di methao_donor » mar, 22 mag 2007 13:50

bubu7 ha scritto:
Marco1971 ha scritto: nella tradizione letteraria Il Cairo è maschile...
In un caso come questo il ricorso alla tradizione letteraria non è significativo.
Come nota il Serianni nella sua grammatica (III.12), anticamente il genere dei nomi delle città era determinato, generalmente, dalla desinenza (Milano, nei Promessi Sposi, era maschile).
Per questo motivo non ci vedo niente di male nel fare Il Cairo anche femminile (sottointendendo appunto la città e perdendo Il la sua funzione d'articolo e diventando parte integrante del nome), anche se lo stesso Serianni lo riporta come solo maschile.
Ma "Il" non è già da intendersi come parte integrante del nome, piuttosto che come articolo?
Inoltre, se anche volesse fare alla "maniera antica" segnalata dal Serianni, Il Cairo rimarrebbe pur sempre maschile.

Avatara utente
bubu7
Interventi: 1453
Iscritto in data: gio, 01 dic 2005 14:53
Località: Roma
Info contatto:

Intervento di bubu7 » mar, 22 mag 2007 13:57

Mi scusi, non capisco la sua replica. :roll:
Stavo sostenendo che non ci vedo niente di male nel fare Il Cairo femminile, poiché il suo articolo (maschile) non è più avvertito come tale e non si segue più la regola tradizionale nella quale il genere del nome veniva determinato, per lo più, dalla desinenza.
La lingua è un guado attraverso il fiume del tempo. Essa ci conduce alla dimora dei nostri antenati.
V. M. Illič-Svitič

Avatara utente
Incarcato
Interventi: 900
Iscritto in data: lun, 08 nov 2004 12:29

Intervento di Incarcato » mar, 22 mag 2007 14:05

Concordo con Bubu.
Del resto, il Pireo non fa poi eccezione, essendo un porto.

Avatara utente
Fabio48
Interventi: 199
Iscritto in data: mer, 30 nov 2005 8:38
Località: Lucca

Intervento di Fabio48 » mar, 22 mag 2007 14:18

Probabilmente sto dicendo uno sfondone e trattandosi di città non italiane l'esempio non è attinente, ma non si dice che Los Angeles è bella e che El Paso è caratteristica?

Cordiali saluti.
...un pellegrino dagli occhi grifagni
il qual sorride a non so che Gentucca.

Avatara utente
Marco1971
Moderatore
Interventi: 9581
Iscritto in data: gio, 04 nov 2004 12:37

Intervento di Marco1971 » mar, 22 mag 2007 17:43

Io percepisco l’articolo in Il Cairo, mi stona adoperarlo al femminile e continuerò a considerarlo maschile nel mio uso personale. Non osteggerò il diffondersi d’un impiego diverso, ma neanche l’incoraggerò: mi pare che troppo lassismo conduca, in un modo o nell’altro, a una forma d’anarchia linguistica in cui l’ultimo capriccio d’un ignorante (in senso etimologico) diventa lecito e detta legge.

Per rispondere a Fabio, io direi che per i nomi di città straniere non italianizzati (Los Angeles, El Paso) è buona norma attenersi al femminile e non creare troppe eccezioni (anche se Le Havre lo manterrei maschile).
Ma quella lingua si chiama d’una patria, la quale convertisce i vocaboli ch’ella ha accattati da altri nell’uso suo, et è sí potente che i vocaboli accattati non la disordinano, ma ella disordina loro.

Avatara utente
bubu7
Interventi: 1453
Iscritto in data: gio, 01 dic 2005 14:53
Località: Roma
Info contatto:

Intervento di bubu7 » mer, 23 mag 2007 9:25

Marco1971 ha scritto:Non osteggerò il diffondersi d’un impiego diverso, ma neanche l’incoraggerò: mi pare che troppo lassismo conduca, in un modo o nell’altro, a una forma d’anarchia linguistica in cui l’ultimo capriccio d’un ignorante (in senso etimologico) diventa lecito e detta legge.
Ma qui non si tratta di lassismo bensì d'assecondare in maniera intelligente un'evoluzione linguistica che tende a eliminare una fastidiosa eccezione. Quindi, in questo caso, nessuna anarchia linguistica ma, al contrario, la generalizzazione di una regola. E neanche mi sembra un capriccio ma una semplificazione ragionevole.

Ma per me oggi è troppo facile trovare giustificazioni a quanto affermavo nel mio precedente intervento.
La più recente delle mie grammatiche, la Grammatica di riferimento dell'italiano contemporaneo (2006) di Giuseppe Patota (che non è una testa calda come il De Mauro!), dice semplicemente:
Nell'italiano attuale tutti i nomi propri di città, quale che sia la vocale con cui terminano, vengono considerati femminili.
Senz'alcuna eccezione. :)
La lingua è un guado attraverso il fiume del tempo. Essa ci conduce alla dimora dei nostri antenati.
V. M. Illič-Svitič

Intervieni

Chi c’è in linea

Utenti presenti in questa sezione: Google [Bot] e 2 ospiti