«Distinguo»

Spazio di discussione su questioni di carattere morfologico

Moderatore: Cruscanti

Intervieni
Avatara utente
Federico
Interventi: 3008
Iscritto in data: mer, 19 ott 2005 16:04
Località: Milano

«Distinguo»

Intervento di Federico »

Anche distinguo sta perdendo l'invariabilità, come assolo?
Tutti i vocabolari (a quanto vedo) lo considerano invariabile, tranne il DOP:
Immagine
Leggo in un'intervista a Ermanno Rea pubblicata oggi: «A 81 anni sono ormai un uomo con un piede per tre quarti nel passato, non riesco a fare distingui [...]».

Avatara utente
Marco1971
Moderatore
Interventi: 9609
Iscritto in data: gio, 04 nov 2004 12:37

Intervento di Marco1971 »

Con le forme verbali il passo è piú lento, ma non c’è nessun motivo di biasimare i distingui o i crèdi, quest’ultimo dato come unico plurale dal Gabrielli bivolume.
Ma quella lingua si chiama d’una patria, la quale convertisce i vocaboli ch’ella ha accattati da altri nell’uso suo, et è sí potente che i vocaboli accattati non la disordinano, ma ella disordina loro.

Avatara utente
Federico
Interventi: 3008
Iscritto in data: mer, 19 ott 2005 16:04
Località: Milano

Intervento di Federico »

Il DOP è l'unico a non considerarlo invariabile?

Avatara utente
Marco1971
Moderatore
Interventi: 9609
Iscritto in data: gio, 04 nov 2004 12:37

Intervento di Marco1971 »

Se si riferisce a distinguo, la risposta è «sí». Crèdo è dato come variabile da Battaglia e Gabrielli.
Ma quella lingua si chiama d’una patria, la quale convertisce i vocaboli ch’ella ha accattati da altri nell’uso suo, et è sí potente che i vocaboli accattati non la disordinano, ma ella disordina loro.

Avatara utente
Federico
Interventi: 3008
Iscritto in data: mer, 19 ott 2005 16:04
Località: Milano

Intervento di Federico »

Grazie.

Intervieni

Chi c’è in linea

Utenti presenti in questa sezione: Google [Bot] e 0 ospiti