«Follower»

Spazio di discussione su prestiti e forestierismi

Moderatore: Cruscanti

fiorentino90
Interventi: 263
Iscritto in data: lun, 09 apr 2012 1:22

Re: «Follower»

Intervento di fiorentino90 » gio, 12 set 2013 20:05

Ferdinand Bardamu ha scritto:Ci rimane allora solo seguace, il cui effetto sull’utente italiano non dev’essere tanto dissimile da quello che ebbe follower sugli utenti anglofoni, quando fu impiegato per la prima volta nel neonato contesto sociale
Ho la risposta ai Suoi dubbi! 8) M'ero iscritto sul sito quando ancora era poco conosciuto anche negli Stati Uniti. Un'attrice americana giocava proprio sul numero di seguaci che aveva lei e quelli che aveva Gesú! Forse, riuscirei a trovare le testuali parole dell'utente, ma sono passati tantissimi anni e mi sembra un'impressa un po' ardua. Inoltre, non lo ritengo corretto nei suoi confronti...

Per tornare a noi, seguaci va benissimo! Sinceramente, pensavo che nella versione italiana del sito s'usasse già Seguaci per Followers! :o Personalmente, giudico poco coerente la scelta tedesca (Folge ich e Follower), mentre piú sensati sono i traducenti francesi Abonnés e Abonnements. Lo stesso si potrebbe fare in italiano optando per Iscritti e Iscrizioni, come s'è sempre fatto sul Tubo! Tuttavia, se vogliamo essere fiscali, su Twitter si segue e s'è seguiti, su Faccialibro s'è iscritti alle pagine e ai gruppi, sul Tuo Spazio (un tempo, ci si riferiva a Myspace facendo precedere spazio dall'aggettivo possessivo) avevi gli amici. In principio era cosí, ma so che le cose sono un po' cambiate. La confusione linguistica (in una lingua Seguaci e simili, in un'altra Iscritti e derivati) è determinata dal fatto che le varie reti sociali negli ultimi anni sono diventate sempre piú simili e hanno perso molte delle caratteristiche che le contraddistinguevano.

Avatara utente
Ferdinand Bardamu
Moderatore
Interventi: 4013
Iscritto in data: mer, 21 ott 2009 14:25
Località: Legnago (Verona)

Intervento di Ferdinand Bardamu » gio, 12 set 2013 20:25

Grazie. La scelta francese è interessante, ma, personalmente, non mi convince del tutto per due motivi. La serie iscriversi/iscritto/iscrizione si usa già, nel gergo della Rete, in altri contesti, come la registrazione a un sito per ricevere un servizio o entrare a far parte d’una comunità. Inoltre, il campo semantico del seguire sembra essere piú pregnante in questo caso, giacché rimanda anche a un uso già sentito, per es., in televisione («seguiteci in questa puntata dedicata a…»). Seguire qualcuno denota una certa passività (e per Twitter questo è certamente vero, data l’asimmetría tra numero di utenti che seguono una celebrità e numero di utenti che la celebrità segue, sebbene il mezzo sia ovviamente interattivo). La serie iscriversi/iscritto/iscrizione ha però il vantaggio di aggirare le difficoltà poste da seguire/seguace.

fiorentino90
Interventi: 263
Iscritto in data: lun, 09 apr 2012 1:22

Intervento di fiorentino90 » ven, 13 set 2013 16:03

Ferdinand Bardamu ha scritto: La serie iscriversi/iscritto/iscrizione ha però il vantaggio di aggirare le difficoltà poste da seguire/seguace.
Io userei seguace per follower e séguito per following. Il termine séguito, che, tra l'altro, indica il complesso di discepoli, o in genere di persone che seguono un maestro, un caposcuola, può essere tranquillamente usato per designare l'insieme dei seguaci su Twitter! :idea: Quindi, seguaci e non seguitori (come ha proposto anche la Crusca) perché in rete s'usa già seguace al posto di follower.

Si potrà dire nel seguente (following?! :lol:) modo.

Sono seguace di X su Twitter
oppure
Seguo X su Twitter.

Su Twitter ho un séguito di 100 utenti
oppure
Su Twitter sono seguíto da 100 utenti.

Sono del parere che séguito sia piú azzeccato di quanto non lo sia seguace perché séguito non viene usato con un nuovo significato ma soltanto in un nuovo contesto, mentre seguace sí! (...anche se in realtà, tra i sinonimi di seguace, vengono riportati ammiratore e sostenitore :).)

P.S. In luogo del Follow Friday (#FF), propongo il seguisabato (#SS)!!! 8)

Avatara utente
Ferdinand Bardamu
Moderatore
Interventi: 4013
Iscritto in data: mer, 21 ott 2009 14:25
Località: Legnago (Verona)

Intervento di Ferdinand Bardamu » ven, 13 set 2013 16:26

Anche a me séguito piace. :)

fiorentino90
Interventi: 263
Iscritto in data: lun, 09 apr 2012 1:22

Intervento di fiorentino90 » ven, 13 set 2013 16:32

Ferdinand Bardamu ha scritto:Anche a me séguito piace. :)
Spero che avremo altre persone al nostro séguito :lol:
fiorentino90 ha scritto:P.S. In luogo del Follow Friday (#FF), propongo il seguisabato (#SS)!!! 8)
Esiste già! in portoghese e in inglese c'è il Saturday Shoutout! Un utente italiano, come si vede dalla ricerca su Gugol, ha pubblicato un commento in cui ha scritto #SS (segui sabato) :D Tuttavia, seguisabato non è preferibile a segui sabato? :roll:

Avatara utente
Infarinato
Amministratore
Interventi: 3562
Iscritto in data: gio, 04 nov 2004 11:40
Info contatto:

Intervento di Infarinato » mar, 29 ott 2013 16:11

Riapro il filone solo per segnalare che su Yammer (il «prosopologo aziendale» della Microsoft) following e followers sono tradotti rispettivamente con «segue» e «seguaci».

Altrimenti, per follower si potrebbe usare «fautore». :mrgreen:

Avatara utente
Ferdinand Bardamu
Moderatore
Interventi: 4013
Iscritto in data: mer, 21 ott 2009 14:25
Località: Legnago (Verona)

Intervento di Ferdinand Bardamu » lun, 10 mar 2014 17:34

Le versioni di Twitter in rumeno, francese, spagnolo, catalano, galiziano, spagnolo e portoghese traducono tutte sia following sia followers:
  • Rumeno: URMĂRIȚI («following») - URMĂRITORI («followers»)
  • Francese: ABONNEMENTS - ABONNÉS
  • Catalano: SEGUINT - SEGUIDORS
  • Galiziano: SEGUINDO - SEGUIDORES
  • Portoghese: SEGUINDO - SEGUIDORES
  • Spagnolo: SIGUIENDO - SEGUIDORES

Carnby
Interventi: 3499
Iscritto in data: ven, 25 nov 2005 19:53
Località: Empolese-Valdelsa

Intervento di Carnby » lun, 10 mar 2014 22:07

Ferdinand Bardamu ha scritto:Le versioni di Twitter in rumeno, francese, spagnolo, catalano, galiziano, spagnolo e portoghese traducono tutte sia following sia followers
E questo fa decisamente arrabbiare!

Avatara utente
Ferdinand Bardamu
Moderatore
Interventi: 4013
Iscritto in data: mer, 21 ott 2009 14:25
Località: Legnago (Verona)

Intervento di Ferdinand Bardamu » mer, 15 lug 2015 11:00

Infarinato ha scritto:Riapro il filone solo per segnalare che su Yammer (il «prosopologo aziendale» della Microsoft) following e followers sono tradotti rispettivamente con «segue» e «seguaci».
Giusto per riprendere la rassegna delle traduzioni di follower/following in altre piattaforme sociali, segnalo che su Instagram following è reso con «persone seguite» e follower con «seguaci».

Seguace ha tutti i difetti che abbiamo già visto, ma ha il pregio di essere già ampiamente adoperato, anche nella traduzione di Facebook.

Avatara utente
Ferdinand Bardamu
Moderatore
Interventi: 4013
Iscritto in data: mer, 21 ott 2009 14:25
Località: Legnago (Verona)

Intervento di Ferdinand Bardamu » mer, 03 ott 2018 21:31

Riapro il filone per segnalare un repentino e sconcertante cambiamento in uno dei «testi di servizio» di Twitter. Se prima si segnalava che un certo utente non era «Seguito da nessuno che segui», ora si viene avvisati che «Nessuno dei tuoi following lo segue». :?

Avatara utente
Animo Grato
Interventi: 1358
Iscritto in data: ven, 01 feb 2013 16:11

Intervento di Animo Grato » gio, 04 ott 2018 11:52

Ferdinand Bardamu ha scritto:Se prima si segnalava che un certo utente non era «Seguito da nessuno che segui», ora si viene avvisati che «Nessuno dei tuoi following lo segue». :?
Sempre bettering... :roll:
«Ed elli avea del cool fatto trombetta». Anonimo del Trecento su Miles Davis
«E non piegherò certo il mio italiano a mere (e francamente discutibili) convenienze sociali». Infarinato
«Prima l'italiano!»

Maestro Italiano
Interventi: 100
Iscritto in data: mar, 07 ago 2018 12:37

Re: «Follower»

Intervento di Maestro Italiano » ven, 05 ott 2018 9:20

Ferdinand Bardamu ha scritto:Quando propongo un traducente per un forestierismo in voga, mi sento sovente rispondere: «Sí, ma non vuol dire la stessa cosa». Dietro una simile risposta sta l’illusione che esistano traducenti perfetti, e l’ignoranza della gamma d’accezioni della parola straniera.
Sono d'accordo, specialmente con quanto sopra esposto.

Che poi, nella gran parte dei casi, in che cosa si risolve questo voler seguire questo personaggio o quella stella del cinema, questa banda musicale o quel tizio astrale, questo autoscattista o questa bella figliuola spargimoda? Nel frequentare la bacheca di tali persone, nel lasciare messaggi, nel lasciare una propria impronta sullo schermo, e via dicendo.
Sotto questo aspetto il cosiddetto "follower" per me è spesso un frequentatore. Frequentatore.
Arriveremo al giorno in cui, per chiamare "pietre" le pietre bisognerà sguainare la spada. La mia mano stringe l'impugnatura.

Intervieni