Generi musicali

Spazio di discussione su prestiti e forestierismi

Moderatore: Cruscanti

Ivan92
Interventi: 1416
Iscritto in data: gio, 28 nov 2013 20:59
Località: Castelfidardo (AN)

Generi musicali

Intervento di Ivan92 » mar, 01 apr 2014 15:26

Mi chiedo se parole indicanti generi musicali, quali ad esempio blues, rock, jazz, funk, debbano esser tradotte - anch'esse- nella nostra lingua allorché ci si imbatte in uno di questi termini.

Carnby
Interventi: 3519
Iscritto in data: ven, 25 nov 2005 19:53
Località: Empolese-Valdelsa

Intervento di Carnby » mar, 01 apr 2014 15:39

È praticamente impossibile.

Avatara utente
Ferdinand Bardamu
Moderatore
Interventi: 4063
Iscritto in data: mer, 21 ott 2009 14:25
Località: Legnago (Verona)

Intervento di Ferdinand Bardamu » mar, 01 apr 2014 15:48

In epoca di autarcía linguistica, la parola jazz era adattata in giazzo. Se l’italiano non fosse, oggi, cosí restío all’adattamento, si potrebbe fare altrettanto anche cogli altri generi che lei ha elencato; ma, giacché adattare non è piú in voga, non c’è alternativa all’adozione del prestito integrale cosí com’è.

Per i derivati, però, c’è una maggior accettabilità verso l’adattamento: es. giazzistico, rocchettaro. Quest’accettabilità, comunque, è sempre molto limitata — come dimostra anche il fatto che il DISC in linea rimanda rocchettaro a rockettaro: si tende a mantenere sempre trasparente la relazione con la parola di base, conservandone la grafia straniera.

Ivan92
Interventi: 1416
Iscritto in data: gio, 28 nov 2013 20:59
Località: Castelfidardo (AN)

Intervento di Ivan92 » mar, 01 apr 2014 16:06

Vi ringrazio :)

Ad ogni modo, se l'italiano non fosse così restio a tradurre e a adattare, penso che - in casi come questi - di solo adattamento si potrebbe parlare. Giacché, secondo me, tradurre questi termini non avrebbe alcun senso.

Avatara utente
Ferdinand Bardamu
Moderatore
Interventi: 4063
Iscritto in data: mer, 21 ott 2009 14:25
Località: Legnago (Verona)

Intervento di Ferdinand Bardamu » mar, 01 apr 2014 16:19

Dovrebbe nascere un nuovo D’Annunzio, il quale potrebbe comunque fare solo originalissime e poetiche proposte, senza la pretesa che abbiano successo. Arzente per cognac e sangue morlacco per cherry brandy erano traducenti, a mio avviso, bellissimi, ma non attecchirono mai.

domna charola
Interventi: 1059
Iscritto in data: ven, 13 apr 2012 9:09

Intervento di domna charola » mer, 02 apr 2014 10:06

Oggi D'Annunzio avrebbe dalla sua la televisione e il bombardamento pubblicitario. E magari anche qualcuno che lo paga per creare tali gioielli. In mancanza di un D'Annunzio, ci teniamo tanti altri neologismi angloderivati, che attecchiscono allegramente. :roll:

Avatara utente
Ferdinand Bardamu
Moderatore
Interventi: 4063
Iscritto in data: mer, 21 ott 2009 14:25
Località: Legnago (Verona)

Intervento di Ferdinand Bardamu » mer, 02 apr 2014 10:30

Per lo snobbismo, un novello D’Annunzio potrebbe far poco, purtroppo. Ci sarebbe sempre qualcuno che ordina un glass di vino e compra dello street food.

Nel caso di generi musicali di origine statunitense, però, condividiamo l’uso degli anglicismi anche colle altre lingue romanze (non mi risulta ci siano eccezioni, ma potrei sbagliarmi).

C’è anche da dire che jazz, funk, rock e blues non sono traducibili direttamente: ci vorrebbe davvero l’alta fantasia di un gran poeta, che trovasse un traducente originale ed evocativo.

Carnby
Interventi: 3519
Iscritto in data: ven, 25 nov 2005 19:53
Località: Empolese-Valdelsa

Intervento di Carnby » mer, 02 apr 2014 10:46

Ferdinand Bardamu ha scritto:C’è anche da dire che jazz, funk, rock e blues non sono traducibili direttamente: ci vorrebbe davvero l’alta fantasia di un gran poeta, che trovasse un traducente originale ed evocativo.
Inoltre c'è da dire che di generi e sottogeneri musicali «alternativi» ne nasce uno ogni giorno o quasi, anche se ultimamamente la musica leggera1 appare un po' in crisi.

1 Termine tradizionale italiano (un po' impreciso) per indicare quell'insieme di generi musicali che non fanno parte né della musica classica (o «colta») né di quella popolare (o «folk»); talvolta anche il jazz ne è escluso; corrisponde grosso modo alla popular music anglosassone.

Avatara utente
Ferdinand Bardamu
Moderatore
Interventi: 4063
Iscritto in data: mer, 21 ott 2009 14:25
Località: Legnago (Verona)

Intervento di Ferdinand Bardamu » mer, 02 apr 2014 11:03

A proposito: ma l’autarcico giazzo come si pronuncia? Con la sonora o con la sorda?

Carnby
Interventi: 3519
Iscritto in data: ven, 25 nov 2005 19:53
Località: Empolese-Valdelsa

Intervento di Carnby » mer, 02 apr 2014 13:58

Ferdinand Bardamu ha scritto:A proposito: ma l’autarcico giazzo come si pronuncia?
Con la sonora: sul DOP c'è giazzista.

Avatara utente
Ferdinand Bardamu
Moderatore
Interventi: 4063
Iscritto in data: mer, 21 ott 2009 14:25
Località: Legnago (Verona)

Intervento di Ferdinand Bardamu » mer, 02 apr 2014 14:37

Grazie. :)

Avatara utente
Animo Grato
Interventi: 1376
Iscritto in data: ven, 01 feb 2013 16:11

Intervento di Animo Grato » mer, 02 apr 2014 14:43

Carnby ha scritto:Con la sonora: sul DOP c'è giazzista.
Grafia a parte, la pronuncia colla z sonora non l'ho mai sentita. :shock:
Per il sostantivo da cui deriva, jazz, il DiPI consiglia solo la z sorda o la s sonora: la z sonora sarebbe davvero un fulmine a ciel sereno.
«Ed elli avea del cool fatto trombetta». Anonimo del Trecento su Miles Davis
«E non piegherò certo il mio italiano a mere (e francamente discutibili) convenienze sociali». Infarinato
«Prima l'italiano!»

Ivan92
Interventi: 1416
Iscritto in data: gio, 28 nov 2013 20:59
Località: Castelfidardo (AN)

Intervento di Ivan92 » ven, 04 apr 2014 15:19

Ferdinand Bardamu ha scritto:Nel caso di generi musicali di origine statunitense, però, condividiamo l’uso degli anglicismi anche colle altre lingue romanze (non mi risulta ci siano eccezioni, ma potrei sbagliarmi).

C’è anche da dire che jazz, funk, rock e blues non sono traducibili direttamente: ci vorrebbe davvero l’alta fantasia di un gran poeta, che trovasse un traducente originale ed evocativo.
Concordo.

Ivan92
Interventi: 1416
Iscritto in data: gio, 28 nov 2013 20:59
Località: Castelfidardo (AN)

Intervento di Ivan92 » ven, 04 apr 2014 15:23

Animo Grato ha scritto:Grafia a parte, la pronuncia colla z sonora non l'ho mai sentita. :shock:
Per il sostantivo da cui deriva, jazz, il DiPI consiglia solo la z sorda o la s sonora: la z sonora sarebbe davvero un fulmine a ciel sereno.
Francamente, neanche io. Sempre e solo z sorda (o s sonora), per quanto mi riguarda.

Carnby
Interventi: 3519
Iscritto in data: ven, 25 nov 2005 19:53
Località: Empolese-Valdelsa

Intervento di Carnby » dom, 11 nov 2018 11:18

Per essere più precisi è il prestito crudo jazz che oscilla tra /'ʤɛʦ/ (più «tradizionale») e /'ʤaz/ (più recente) e nessuno dei due è completamente corrispondente all’originale ['ʤæz̥]. Per giazzo e giazzista, parole di basso uso, credo che sia difficile stabilire quale sia la pronuncia consigliabile: credo che l’indicazione del DOP nasca dal fatto che jazzer in inglese ha una [z]; jazz invece ha [z̥] parzialmente desonorizzato che qualcuno può averla interpretato come [s] e reso con [ʦ] per influsso grafico del digramma -zz- che in italiano corrisponde quasi sempre a [-ʦʦ-].

Intervieni

Chi c’è in linea

Utenti presenti in questa sezione: Nessuno e 1 ospite