Singolare o plurale?

Spazio di discussione su questioni di carattere sintattico

Moderatore: Cruscanti

Intervieni
Ste. Gi.
Interventi: 41
Iscritto in data: ven, 11 mag 2018 10:58

Singolare o plurale?

Intervento di Ste. Gi. » dom, 10 giu 2018 13:41

Salve, riporto un'espressione ascoltata poco fa all'interno di un noto telegiornale:

uno dei summit più complicati della storia considerando la personalità dei due leader.

Non sarebbe stato più corretto dire:

uno dei summit più complicati della storia considerando le personalità dei due leader?

Grazie per l'attenzione...

Fausto Raso
Interventi: 1653
Iscritto in data: mar, 19 set 2006 15:25

Intervento di Fausto Raso » dom, 10 giu 2018 20:35

A mio avviso sí, sarebbe stato meglio usare il plurale: le personalità (con il singolare sembra che entrambi abbiano la medesima personalità).
«Nostra lingua, un giorno tanto in pregio, è ridotta ormai un bastardume» (Carlo Gozzi)
«Musa, tu che sei grande e potente, dall'alto della tua magniloquenza non ci indurre in marronate ma liberaci dalle parole errate»

Ste. Gi.
Interventi: 41
Iscritto in data: ven, 11 mag 2018 10:58

Intervento di Ste. Gi. » dom, 10 giu 2018 20:45

Grazie per la conferma... :)

Avatara utente
Animo Grato
Interventi: 1364
Iscritto in data: ven, 01 feb 2013 16:11

Intervento di Animo Grato » lun, 11 giu 2018 16:17

Mi sembra una pedanteria inutile. Se dico che sono sempre meno gli italiani che usano l'automobile, a nessuno, verosimilmente, verrà in mente che sia la stessa per tutti.
«Ed elli avea del cool fatto trombetta». Anonimo del Trecento su Miles Davis
«E non piegherò certo il mio italiano a mere (e francamente discutibili) convenienze sociali». Infarinato
«Prima l'italiano!»

Avatara utente
Ferdinand Bardamu
Moderatore
Interventi: 4022
Iscritto in data: mer, 21 ott 2009 14:25
Località: Legnago (Verona)

Intervento di Ferdinand Bardamu » lun, 11 giu 2018 16:54

Concordo con Animo Grato. Peraltro, il plurale potrebbe anche alludere alla presenza di personalità multiple per ciascun capo, perciò non è trasparentissimo.

Fausto Raso
Interventi: 1653
Iscritto in data: mar, 19 set 2006 15:25

Intervento di Fausto Raso » lun, 11 giu 2018 18:06

Ringrazio Animo Grato e Ferdinand Bardamu, ma resto della mia idea... :?
«Nostra lingua, un giorno tanto in pregio, è ridotta ormai un bastardume» (Carlo Gozzi)
«Musa, tu che sei grande e potente, dall'alto della tua magniloquenza non ci indurre in marronate ma liberaci dalle parole errate»

domna charola
Interventi: 1050
Iscritto in data: ven, 13 apr 2012 9:09

Intervento di domna charola » mar, 12 giu 2018 8:30

Io ci sento una sfumatura diversa; dipende se considero direttamente la personalità come persona, oppure come elemento che caratterizza la persona del *leader.
Voglio dire, col plurale mi vien quasi da pensare che esistano due entità, le due personalità, che appartengono, fra l'altro, ai due *leader in questione. Col singolare invece la personalità mi diviene una delle tante parti del *leader, che resta il soggetto centrale.
Ad esempio, "stringo la mano ai convenuti" oppure "stringo le mani ai convenuti"? Nel secondo caso, mi vien da pensare che stringo ambedue le mani a ciascun convenuto. Insomma, è per lo meno ambiguo.

Ste. Gi.
Interventi: 41
Iscritto in data: ven, 11 mag 2018 10:58

Intervento di Ste. Gi. » mer, 13 giu 2018 18:50

Salve, anche io resto della mia idea, pur reputando legittime le opinioni che ho letto.
Se ragioniamo in termini di trasparenza, univocità del messaggio e simili, sostengo che sono molti gli esempi equivocabili.
Tanto per evidenziarne uno, prendiamo il seguente:

Sara e Marco si avviarono verso le loro macchine.


Si potrebbe dedurre che ognuno abbia la propria auto (due persone con una macchina a testa, per un totale di due macchine). Usare il singolare (“la loro macchina”), secondo me significherebbe affermare indirettamente che Sara e Marco hanno una macchina in comune.

Se discutiamo da alcuni giorni di questo argomento, immagino che la grammatica non ci venga in soccorso con la solita regola inattaccabile, capace di fugare ogni perplessità, altrimenti alcuni di voi l‘avrebbero evocata.
Potremmo - e concludo - trarci d’impaccio spendendo qualche parola in più (come avrebbe dovuto fare, a mio parere, anche il giornalista che mi dato lo spunto per il filone in questione):

Sara e Marco si avviarono ognuno verso la propria macchina.


Saluti a tutti… :wink:

Fausto Raso
Interventi: 1653
Iscritto in data: mar, 19 set 2006 15:25

Intervento di Fausto Raso » mer, 13 giu 2018 19:50

Concordo con Ste. Gi.
«Nostra lingua, un giorno tanto in pregio, è ridotta ormai un bastardume» (Carlo Gozzi)
«Musa, tu che sei grande e potente, dall'alto della tua magniloquenza non ci indurre in marronate ma liberaci dalle parole errate»

domna charola
Interventi: 1050
Iscritto in data: ven, 13 apr 2012 9:09

Intervento di domna charola » gio, 14 giu 2018 8:34

In effetti macchina e personalità sono due entità non paragonabili direttamente (qui siamo agli asparagi... :) ).

La macchina è un oggetto concreto e a sé stante, che posso acquisire e possedere in u n numero illimitato di copie, oppure nessuna; la personalità è una caratteristica dell'individuo, personale e inscindibile da esso. Quindi per essa non sorge il dubbio che le due persone possano condividere un'unica personalità, o addirittura uno dei due usare quella dell'altro.

Avatara utente
lorenzos
Interventi: 223
Iscritto in data: lun, 30 mar 2015 15:59

Intervento di lorenzos » gio, 14 giu 2018 9:51

Sara e Paolo hanno un'auto nuova.
Quei due alunni hanno una personalità complessa.
Gli Usa importano merci ed esportano parole e dollàri.

Avatara utente
marcocurreli
Interventi: 440
Iscritto in data: ven, 25 set 2009 22:36
Località: Cagliari

Intervento di marcocurreli » mar, 03 lug 2018 0:09

Per me una personalità basta e avanza. A parte il "summit", che non altro che un "vertice", qui mi pare che il termine personalità sia usato nel modo in cui si usa importanza. Entrambi i personaggi hanno una forte personalità.

Intervieni

Chi c’è in linea

Utenti presenti in questa sezione: Nessuno e 1 ospite