«Ghosting»

Spazio di discussione su prestiti e forestierismi

Moderatore: Cruscanti

Fausto Raso
Interventi: 1653
Iscritto in data: mar, 19 set 2006 15:25

«Ghosting»

Intervento di Fausto Raso » ven, 15 giu 2018 0:08

Apprendo dalla stampa che la Crusca ha accolto, tra i neologismi che saranno a lemma nelle prossime edizioni dei vocabolari, il termine barbaro "ghosting" (dall'inglese "ghost", fantasma). Con questo vocabolo si vuole designare la "scomparsa" - senza alcuna spiegazione - di una persona con la quale abbiamo avuto una relazione epistolare o telefonica. Ma l'Accademia della Crusca non era nata per difendere la purezza della lingua italiana? Onestamente sono allibito. Questa prestigiosa istituzione ha sempre condannato - se non ricordo male - i barbarismi che dilagano sulla carta stampata e no. Ora, invece, sembra che li accolga in pompa magna. Che cosa ne penserà il Divino?
«Nostra lingua, un giorno tanto in pregio, è ridotta ormai un bastardume» (Carlo Gozzi)
«Musa, tu che sei grande e potente, dall'alto della tua magniloquenza non ci indurre in marronate ma liberaci dalle parole errate»

Carnby
Interventi: 3503
Iscritto in data: ven, 25 nov 2005 19:53
Località: Empolese-Valdelsa

Intervento di Carnby » ven, 15 giu 2018 10:29

Sul sito ufficiale della Crusca non ce n’è traccia.

Avatara utente
Ferdinand Bardamu
Moderatore
Interventi: 4022
Iscritto in data: mer, 21 ott 2009 14:25
Località: Legnago (Verona)

Intervento di Ferdinand Bardamu » ven, 15 giu 2018 12:14

Qui il rimando a un articolo al riguardo. E il gruppo Incipit che dice? :roll:

Carnby
Interventi: 3503
Iscritto in data: ven, 25 nov 2005 19:53
Località: Empolese-Valdelsa

Intervento di Carnby » ven, 15 giu 2018 14:03

Io ho sempre sostenuto tra me e me che il gruppo Incipit serve a poco, specie in confronto con l’unico sistema che serve a qualcosa nell’ambito romanzo: Español Urgente. In ogni caso, questa di ghosting pare un’opinione personale di Paolo D’Achille e non della Crusca.

Fausto Raso
Interventi: 1653
Iscritto in data: mar, 19 set 2006 15:25

Intervento di Fausto Raso » ven, 15 giu 2018 17:56

Carnby ha scritto: In ogni caso, questa di ghosting pare un’opinione personale di Paolo D’Achille e non della Crusca.
Paolo D'Achille è un accademico della Crusca e rappresenta, per tanto, l'Istituzione.
«Nostra lingua, un giorno tanto in pregio, è ridotta ormai un bastardume» (Carlo Gozzi)
«Musa, tu che sei grande e potente, dall'alto della tua magniloquenza non ci indurre in marronate ma liberaci dalle parole errate»

Avatara utente
Infarinato
Amministratore
Interventi: 3570
Iscritto in data: gio, 04 nov 2004 11:40
Info contatto:

Intervento di Infarinato » ven, 15 giu 2018 18:00

Fausto Raso ha scritto:Paolo D'Achille è un accademico della Crusca e rappresenta, per tanto, l'Istituzione.
In realtà, come già lamentava il Castellani anni fa, l’Accademia della Crusca non esiste, esistono solo gli accademici della Crusca… :roll:

Carnby
Interventi: 3503
Iscritto in data: ven, 25 nov 2005 19:53
Località: Empolese-Valdelsa

Intervento di Carnby » ven, 15 giu 2018 18:02

Fausto Raso ha scritto:Paolo D'Achille è un accademico della Crusca e rappresenta, per tanto, l'Istituzione.
Non so se quanto dice ogni accademico della Crusca possa essere considerato approvato dalla Crusca, senz’aggiungere altro. In ogni caso, ammesso che la Crusca abbia sdoganato ghosting, dobbiamo concludere che qualsiasi parola che inizia per gho- e finisce per -ing sia ora da considerarsi «italiana» a tutti gli effetti?

Fausto Raso
Interventi: 1653
Iscritto in data: mar, 19 set 2006 15:25

Intervento di Fausto Raso » ven, 15 giu 2018 18:13

Carnby ha scritto:. In ogni caso, ammesso che la Crusca abbia sdoganato ghosting, dobbiamo concludere che qualsiasi parola che inizia per gho- e finisce per -ing sia ora da considerarsi «italiana» a tutti gli effetti?
Per la Crusca sembrerebbe di sí. Per me assolutamente NO!!!
«Nostra lingua, un giorno tanto in pregio, è ridotta ormai un bastardume» (Carlo Gozzi)
«Musa, tu che sei grande e potente, dall'alto della tua magniloquenza non ci indurre in marronate ma liberaci dalle parole errate»

Avatara utente
Marco1971
Moderatore
Interventi: 9418
Iscritto in data: gio, 04 nov 2004 13:37

Intervento di Marco1971 » sab, 16 giu 2018 0:28

Vedo che il Grand dictionnaire terminologique lo traduce con fantomisation.

Non si potrebbe allora coniare fantasmizzazione o fantasmeria?
Ma quella lingua si chiama d’una patria, la quale convertisce i vocaboli ch’ella ha accattati da altri nell’uso suo, et è sí potente che i vocaboli accattati non la disordinano, ma ella disordina loro.

Fausto Raso
Interventi: 1653
Iscritto in data: mar, 19 set 2006 15:25

Intervento di Fausto Raso » sab, 16 giu 2018 0:33

Marco1971 ha scritto:Vedo che il Grand dictionnaire terminologique lo traduce con fantomisation.

Non si potrebbe allora coniare fantasmizzazione o fantasmeria?
Ottimo, gentile Marco. Proponga i due termini alla Crusca.
«Nostra lingua, un giorno tanto in pregio, è ridotta ormai un bastardume» (Carlo Gozzi)
«Musa, tu che sei grande e potente, dall'alto della tua magniloquenza non ci indurre in marronate ma liberaci dalle parole errate»

Carnby
Interventi: 3503
Iscritto in data: ven, 25 nov 2005 19:53
Località: Empolese-Valdelsa

Intervento di Carnby » sab, 16 giu 2018 10:36

Fausto Raso ha scritto:Ottimo, gentile Marco. Proponga i due termini alla Crusca.
Mi sorgono due domande: si può veramente proporre termini alla Crusca, a meno di non essere dei ragazzetti che si esaltano per petaloso o pulmanista (che non hanno, tra l’altro, alcun effetto sul proliferare di angli[ci]smi nella lingua italiana)? E ancora: può la Crusca imporre o anche solo «consigliare» l’uso di un traducente per una parola straniera nei mezzi di comunicazione?

Fausto Raso
Interventi: 1653
Iscritto in data: mar, 19 set 2006 15:25

Intervento di Fausto Raso » sab, 16 giu 2018 11:01

Carnby ha scritto:Mi sorgono due domande: si può veramente proporre termini alla Crusca, a meno di non essere dei ragazzetti che si esaltano per petaloso o pulmanista (che non hanno, tra l’altro, alcun effetto sul proliferare di angli[ci]smi nella lingua italiana)? E ancora: può la Crusca imporre o anche solo «consigliare» l’uso di un traducente per una parola straniera nei mezzi di comunicazione?
Alla prima domanda si può rispondere affermativamente (nel sito c'è una sezione dedicata: "proponi un neologismo"); alla seconda… (?).

Rettifico: non è "proponi un neologismo" ma segnala una nuova parola.
Ultima modifica di Fausto Raso in data sab, 16 giu 2018 20:48, modificato 1 volta in totale.
«Nostra lingua, un giorno tanto in pregio, è ridotta ormai un bastardume» (Carlo Gozzi)
«Musa, tu che sei grande e potente, dall'alto della tua magniloquenza non ci indurre in marronate ma liberaci dalle parole errate»

Avatara utente
Animo Grato
Interventi: 1364
Iscritto in data: ven, 01 feb 2013 16:11

Re: «Ghosting»

Intervento di Animo Grato » sab, 16 giu 2018 11:44

Fausto Raso ha scritto:Con questo vocabolo si vuole designare la "scomparsa" - senza alcuna spiegazione - di una persona con la quale abbiamo avuto una relazione epistolare o telefonica.
Mi trovo benissimo con dileguarsi e dileguo, senz'alcun bisogno delle immaginifiche coniazioni angliche.
«Ed elli avea del cool fatto trombetta». Anonimo del Trecento su Miles Davis
«E non piegherò certo il mio italiano a mere (e francamente discutibili) convenienze sociali». Infarinato
«Prima l'italiano!»

Carnby
Interventi: 3503
Iscritto in data: ven, 25 nov 2005 19:53
Località: Empolese-Valdelsa

Intervento di Carnby » sab, 16 giu 2018 11:50

Fausto Raso ha scritto:nel sito c'è una sezione dedicata: "proponi un neologismo"
Ne ho una gran quantità (specialmente termini scientifici e tecnici); che dice, mi ascolteranno?

Fausto Raso
Interventi: 1653
Iscritto in data: mar, 19 set 2006 15:25

Re: «Ghosting»

Intervento di Fausto Raso » sab, 16 giu 2018 11:50

Animo Grato ha scritto:Mi trovo benissimo con dileguarsi e dileguo, senz'alcun bisogno delle immaginifiche coniazioni angliche.
Cortese Animo Grato, forse c'è un malinteso: non ho proposto io le "immaginifiche coniazioni angliche".
«Nostra lingua, un giorno tanto in pregio, è ridotta ormai un bastardume» (Carlo Gozzi)
«Musa, tu che sei grande e potente, dall'alto della tua magniloquenza non ci indurre in marronate ma liberaci dalle parole errate»

Intervieni

Chi c’è in linea

Utenti presenti in questa sezione: Nessuno e 0 ospiti