«Un humour» o «uno humour»?

Spazio di discussione su questioni di carattere morfologico

Moderatore: Cruscanti

Intervieni
GaetanoA
Interventi: 1
Iscritto in data: sab, 08 mag 2021 1:32

«Un humour» o «uno humour»?

Intervento di GaetanoA »

Carissimi, vi scrivo per togliermi un dubbio: si scrive "Un humour" oppure "Uno humour"?
Facendo diverse ricerche mi pare che si possano accettare entrambe le versioni. Mi domandavo se ci fossero dei casi in cui sia preferibile l'una all'altra.
Nello specifico: poniamo un titolo: "Un Humour doppio (senza ghiaccio). Qui si fa riferimento al whiskey e il sostantivo humour viene adoperato come fosse un nome proprio di un ingrediente, perciò la lettera maiuscola.
Non so, ma non mi sembra tanto fluido scrivere Uno Humour.
Sono sicuro che mi saprete dare una risposta esaustiva che mi aiuterà ad avere le idee più chiare per il futuro.
Grazie mille in anticipo.
Avatara utente
Marco1971
Moderatore
Interventi: 10362
Iscritto in data: gio, 04 nov 2004 12:37

Re: «Un humour» o «uno humour»?

Intervento di Marco1971 »

Se l’italiano fosse un allievo disciplinato e conscio delle ripercussioni a lungo termine del suo comportamento linguistico, non saremmo nella situazione disastrosa in cui ci troviamo.

Ciò detto, per chi voglia seguire una norma, una norma esiste e stabilisce che un’acca aspirata (come per la maggior parte delle parole inglesi e per tutte le parole tedesche) corrisponde a una consonante, e non a una vocale. In tali casi, è preferibile usare lo/uno: lo Hall (nome proprio, lo ricordo da un articolo del Castellani), uno humour.

Nel caso di nomi propri di persona, non c’è scelta; nel caso di forestierismi inutili, come humour, basta ricorrere a umorismo e non ci sono problemi di articolo. :wink:
Ma quella lingua si chiama d’una patria, la quale convertisce i vocaboli ch’ella ha accattati da altri nell’uso suo, et è sí potente che i vocaboli accattati non la disordinano, ma ella disordina loro.
Carnby
Interventi: 3760
Iscritto in data: ven, 25 nov 2005 18:53
Località: Empolese-Valdelsa

Re: «Un humour» o «uno humour»?

Intervento di Carnby »

Ma esiste davvero questa regola? Io ho sempre considerato l’acca dei forestierismi o dei nomi stranieri come se fosse una lettera muta e come tale ho sempre usato l’elisione (lo Hegel al massimo può essere una pronuncia intenzionale, come la intende Canepari).
Avatara utente
Marco1971
Moderatore
Interventi: 10362
Iscritto in data: gio, 04 nov 2004 12:37

Re: «Un humour» o «uno humour»?

Intervento di Marco1971 »

Si veda la grammatica di Luca Serianni: IV.7. :wink:
Ma quella lingua si chiama d’una patria, la quale convertisce i vocaboli ch’ella ha accattati da altri nell’uso suo, et è sí potente che i vocaboli accattati non la disordinano, ma ella disordina loro.
Carnby
Interventi: 3760
Iscritto in data: ven, 25 nov 2005 18:53
Località: Empolese-Valdelsa

Re: «Un humour» o «uno humour»?

Intervento di Carnby »

Ma non sarebbe allora meglio scrivere il Hegel (come il Vogel) dato che /h/ è comunque una consonante continua?
Avatara utente
Infarinato
Amministratore
Interventi: 3993
Iscritto in data: gio, 04 nov 2004 10:40
Info contatto:

Re: «Un humour» o «uno humour»?

Intervento di Infarinato »

È continua anche /*ʃ/. ;)
Carnby
Interventi: 3760
Iscritto in data: ven, 25 nov 2005 18:53
Località: Empolese-Valdelsa

Re: «Un humour» o «uno humour»?

Intervento di Carnby »

Infarinato ha scritto: sab, 08 mag 2021 16:20 È continua anche /*ʃ/.
Quella non vale perché inizialmente è «intensa». Si dice lo scienziato /loʃʃen-/ ma non lo Hegel */lohhe-/.
Avatara utente
Infarinato
Amministratore
Interventi: 3993
Iscritto in data: gio, 04 nov 2004 10:40
Info contatto:

Re: «Un humour» o «uno humour»?

Intervento di Infarinato »

Certo, però…
  1. [ʃ] è in un opportuno senso la consonante piú vicina a [h];
  2. storicamente, lo è l’«allomorfo base» dell’articolo determinativo maschile, mentre il è una sua variante contestuale;
  3. lo e uno—ed è forse questa la ragione piú importante— sembrano essere le forme preferite davanti a consonanti o nessi consonantici non genuinamente italiani, senza contare che si riducono facilmente a l’ e un quando l’h iniziale non viene [piú] pronunciata. ;)
Intervieni

Chi c’è in linea

Utenti presenti in questa sezione: Nessuno e 0 ospiti