«In primis» e…?

Spazio di discussione su questioni di lessico e semantica

Moderatore: Cruscanti

Intervieni
Carlo_Porta04
Interventi: 156
Iscritto in data: dom, 27 dic 2020 2:50

«In primis» e…?

Intervento di Carlo_Porta04 »

Buona sera a tutti,
mi stavo chiedendo una cosa: che espressione va in correlazione con in primis? Mi spiego meglio: in italiano esistono diversi sinonimi dell'espressione, come in primo luogo, per prima cosa, primo… e ognuno di questi sinonimi ha delle espressioni correlate per continuare "l'elenco" dei punti, cioè rispettivamente in secondo/terzo/quarto luogo, per seconda/terza/quarta cosa, secondo/terzo/quarto… e l'elenco potrebbe continuare all'infinito. In primis, invece, non ha propriamente una espressione correlata essendo un latinismo: certo, si potrebbe continuare con poi, in seguito, inoltre, eccetera; ma non sarebbe la stessa cosa. In italiano, per continuare l'elenco, si potrebbero adoperare latinismi quali in secundis, in tertiis, in quartis, eccetera; oppure questi latinismi sarebbero troppo spinti?
Carlo_Porta04
Interventi: 156
Iscritto in data: dom, 27 dic 2020 2:50

Re: «In primis» e…?

Intervento di Carlo_Porta04 »

Be' ho scoperto che effettivamente l'espressione in primis ha due sfumature di significato. La prima, in linea colla diretta traduzione latina, è tra le prime cose, ergo innanzi tutto o prima di tutto; la seconda, per estensione ma impropria, in primo luogo; ergo usare un elenco formato da in primis, in secundis, in tertiis, in quartis, eccetera è tollerabile solo in un contesto abbastanza informale. Correggetemi se sbaglio. :D
Carlo_Porta04
Interventi: 156
Iscritto in data: dom, 27 dic 2020 2:50

Re: «In primis» e…?

Intervento di Carlo_Porta04 »

Quindi, che cosa ne pensate? perché ho ancora questo dubbio irrisolto.
Avatara utente
Millermann
Interventi: 1001
Iscritto in data: ven, 26 giu 2015 19:21
Località: Riviera dei Cedri

Re: «In primis» e…?

Intervento di Millermann »

Per quanto mi riguarda, sono d'accordo con lei quando afferma che «usare un elenco formato da in primis, in secundis, in tertiis, in quartis, eccetera è tollerabile solo in un contesto abbastanza informale».

Direi di piú: in un contesto abbastanza ironico o umoristico, se si vuol dire una cosa spiritosa.
Si tratta, come già saprà, di un classico esempio di "latino maccheronico", poiché tali espressioni non facevano parte del latino classico, e sono state inventate di sana pianta.

Se mi permette un paragone ideato al momento, è un po' come se lei, volendo dare dei consigli a chi è alle prime armi, pensasse bene di fornirne qualcuno anche a chi fosse alle... seconde, terze o quarte armi! :mrgreen:
In Italia, dotta, Foro fatto dai latini
Carlo_Porta04
Interventi: 156
Iscritto in data: dom, 27 dic 2020 2:50

Re: «In primis» e…?

Intervento di Carlo_Porta04 »

Va bene, grazie mille per la delucidazione :mrgreen: !
Intervieni

Chi c’è in linea

Utenti presenti in questa sezione: Nessuno e 1 ospite