Sostantivi maschili in «-a» etimologicamente in «-o»

Spazio di discussione su questioni che non rientrano nelle altre categorie, o che ne coinvolgono piú d’una

Moderatore: Cruscanti

Intervieni
Avatara utente
G. M.
Interventi: 786
Iscritto in data: mar, 22 nov 2016 15:54

Sostantivi maschili in «-a» etimologicamente in «-o»

Intervento di G. M. »

In italiano, come sappiamo tutti, -o è l’uscita più “normale” dei sostantivi maschili; in -a ne abbiamo molti ma sono perlopiù parole relativamente rare o tecniche, spesso greco-latine.

Una cosa che m’incuriosisce (e che mi sembra più curiosa proprio perché si tratta di parole “cólte”, per cui ci aspetteremmo una maggior fedeltà e precisione da parte di chi le usa) è il fatto che non poche di queste parole in -a etimologicamente finirebbero invece per -o; l’uscita in -a, nella maggior parte dei casi, mi pare sia dovuta a un’ipercorrettismo, «un’illusoria impress[ione] di più esatta grecità delle forme in -a».

Non ho trovato alcun elenco dei casi di questo tipo (anche se immagino che da qualche parte ci sarà). Pensando che possa interessare i visitatori del fòro, abituali o occasionali, di séguito riporto tutti quelli che ho trovato:
  • aforismo ~ aforisma; lat. aphorismus, gr. ἀϕορισμός aphorismós;
  • autodidatta; gr. αὐτοδίδακτος autodídaktos; nei dizionari non trovo l’autodidatto che mi aspetterei; c’è invece oscillazione in spagnolo; vedo un lat. autodidactus qui;
  • cataclismo ~ cataclisma; lat. cataclysmos, cataclysmus, gr. κατακλυσμός kataklysmós; ne abbiamo parlato qui;
  • ermafrodito ~ ermafrodita; lat. Hermaphroditus (nome proprio), gr. ῾Ερμαϕρόδιτος Hermaphróditos; se ne è parlato qui;
  • -iatro ~ -iatra (archiatro ~ archiatra, zooiatro ~ zooiatra); lat. -iater, -iatrus, gr. ἰατρός iatrós ‘medico’;
  • marasmo ~ marasma; lat. (mod.) marasmus, gr. μαρασμός marasmós;
  • neofito ~ neofita; lat. neophytus, gr. νεόϕυτος neóphytos; se ne è parlato qui;
  • sismo ~ sisma; gr. σεισμός seismós;
  • stratego ~ stratega; lat. strategus, gr. στρατηγός stratēgós.
Se ve ne vengono in mente altre, segnalatele! :)

Conoscete anche casi in cui è avvenuto il contrario? Ovvero parole in -a (effettivamente o teoricamente) per cui si è più o meno affermata una forma in -o (senza mutamento di genere)? Ho trovato sofismo (oggi antico) per sofisma (lat. sophisma, gr. σόϕισμα sóphisma); forse anche druido ~ druida?
Avatara utente
G.B.
Interventi: 645
Iscritto in data: gio, 15 ago 2019 11:13

Re: Sostantivi maschili in «-a» etimologicamente in «-o»

Intervento di G.B. »

È pur vero che in greco, nell'elenco che ha riportato, sono talvolta attestate entrambe le forme, equivalendosi (σόϕισμα/σοφισμός), o distinguendosi per una specializzazione semantica: ἀϕορισμός/ἀφόρισμα (offerta della tradizione biblica), κατακλυσμός/κατάκλυσμα «clistere» (HP. Sal. 5), σεισμός/σεῖσμα, nel pl. «estorsioni».
G.B.
Avatara utente
G. M.
Interventi: 786
Iscritto in data: mar, 22 nov 2016 15:54

Re: Sostantivi maschili in «-a» etimologicamente in «-o»

Intervento di G. M. »

Molto interessante, non ne avevo idea. Mi chiedo, ora, se questo fatto abbia effettivamente contribuito a dare il risultato osservato; se sì, allora i dizionari che ho consultato traggono un po' in inganno nell'indicare l'etimologia, dato che riportano solamente le forme che darebbero -o in italiano. Una mancanza loro oppure un'influenza non determinante di queste varianti in -a che lei cita?
Avatara utente
G.B.
Interventi: 645
Iscritto in data: gio, 15 ago 2019 11:13

Re: Sostantivi maschili in «-a» etimologicamente in «-o»

Intervento di G.B. »

G. M. ha scritto: ven, 17 dic 2021 0:46 Una mancanza loro oppure un'influenza non determinante di queste varianti in -a che lei cita?
Non lo so; direi che è molto probabile la seconda. Ho riportato quelle varianti, solo per ricordare che alcune sono attestate, nella lingua greca, quindi morfologicamente non sono cosí «aberranti»; e ancor meno «aberrante», per via della sinonimia, è sofismo appetto a sofisma, che è attestato in greco già nel filosofo Simplicio.

Ho trovato anche l'antica variante scismo (dal lat. tardo schisma, dal gr. σχίσμα) e in greco abbiamo σχισμός, con significato generico. Mi arrischierei nel dire che in queste forme antiche abbia giocato, piuttosto, l'originaria divisione netta dei due generi: -o per il maschile e -a per il femminile. E infatti, pur essendo σχίσμα, σόϕισμα, πρίσμα neutri, sul Battaglia troverà esempi di una scisma, di sof(f)is(ci)me (e sofismate!) e di prisme...

Ma su quest'ultima nota d'italiano antico attenda la conferma di qualche veterano. :mrgreen:
G.B.
Avatara utente
G. M.
Interventi: 786
Iscritto in data: mar, 22 nov 2016 15:54

Re: Sostantivi maschili in «-a» etimologicamente in «-o»

Intervento di G. M. »

Un altro caso, con ulteriore variante:
Avatara utente
Ferdinand Bardamu
Moderatore
Interventi: 4714
Iscritto in data: mer, 21 ott 2009 14:25
Località: Legnago (Verona)

Re: Sostantivi maschili in «-a» etimologicamente in «-o»

Intervento di Ferdinand Bardamu »

C’è anche -lito ~ -lita ~ -lite.
Intervieni

Chi c’è in linea

Utenti presenti in questa sezione: Nessuno e 2 ospiti