«Quechua», «quichua»

Spazio di discussione su prestiti e forestierismi

Moderatore: Cruscanti

Intervieni
Avatara utente
G. M.
Interventi: 785
Iscritto in data: mar, 22 nov 2016 15:54

«Quechua», «quichua»

Intervento di G. M. »

Dal Treccani:
quechuakéčua› agg. e s. m. e f. [dallo spagn. quechua, dalla voce indigena amerindia delle Ande kkechuwa, propr. «predone»], invar. – Appartenente o relativo ai Quechua, popolazione discendente dagli Incas, attualmente sparsa nelle regioni centro-meridionali delle Ande, soprattutto nel Perù, e fortemente acculturata tanto nel linguaggio quanto nelle credenze e nelle istituzioni sociali dalla conquista spagnola e dalle consuetudini delle nazioni andine moderne (Perù, Bolivia, Ecuador, Argentina). In partic., lingua q. (o, come s. m., il quechua), gruppo linguistico-dialettale che comprende, oltre il quechua propr. detto (che fu adottato dagli Inca come lingua ufficiale del loro impero e dopo la conquista divenne lingua di comunicazione tra europei e indigeni), varî dialetti di alcune zone del Perù, dell’Ecuador, della Bolivia e dell’Argentina andina: parlate, dialetti q.; un’espressione q. (origine quechua hanno, per es., le parole alpaca, lama4, vigogna).
Segnalo che il DOP registra gli adattamenti checiua /kɛ̍ʧua/ e chiciua /ki̍ʧua/.
Intervieni

Chi c’è in linea

Utenti presenti in questa sezione: Nessuno e 0 ospiti