La tilde nell'italiano antico

Spazio di discussione su questioni di grafematica e ortografia

Moderatore: Cruscanti

Intervieni
Avatara utente
G. M.
Interventi: 785
Iscritto in data: mar, 22 nov 2016 15:54

La tilde nell'italiano antico

Intervento di G. M. »

Sto cercando notizie sull'uso della tilde (⟨˜⟩) nell'italiano antico, ove (come in latino e altre lingue) s'impiegò per fare delle abbreviazioni, di parole complete (p. es. 'quando') o, nella scrittura generale, per sottintendere un'emme o un'enne dopo la vocale tildata (p. es. tẽpo 'tempo', 'non', sẽza 'senza'; vedete qui una pagina con molti esempi). Facendo una rapida ricerca in Rete trovo poco, ma immagino che l'argomento «(para)grafematica dell'italiano antico» sia stato trattato ampiamente dagli studiosi. Sapreste consigliarmi qualche saggio dove cercare?
Avatara utente
Carnby
Interventi: 3965
Iscritto in data: ven, 25 nov 2005 18:53
Località: Empolese-Valdelsa

Re: La tilde nell'italiano antico

Intervento di Carnby »

Come ha già detto, non è una questione solo d’italiano: le abbreviazioni erano molto comuni in passato in tutte le lingue. Può cominciare dal testo di Adriano Cappelli Dizionario di abbreviature latine ed italiane.
Avatara utente
Ferdinand Bardamu
Moderatore
Interventi: 4713
Iscritto in data: mer, 21 ott 2009 14:25
Località: Legnago (Verona)

Re: La tilde nell'italiano antico

Intervento di Ferdinand Bardamu »

Una piccola precisazione: il segno tachigrafico in questione si chiama titolo (accezione 9), o latinamente titulus. La tilde è invece un segno diacritico (l’etimo peraltro è sempre titulus).
Avatara utente
G. M.
Interventi: 785
Iscritto in data: mar, 22 nov 2016 15:54

Re: La tilde nell'italiano antico

Intervento di G. M. »

Carnby ha scritto: mar, 01 feb 2022 8:20 Può cominciare dal testo di Adriano Cappelli Dizionario di abbreviature latine ed italiane.
La ringrazio per il suggerimento.
Ferdinand Bardamu ha scritto: mar, 01 feb 2022 11:34 Una piccola precisazione: il segno tachigrafico in questione si chiama titolo (accezione 9), o latinamente titulus. La tilde è invece un segno diacritico (l’etimo peraltro è sempre titulus).
Sono un po' perplesso: non possiamo considerarli sinonimi? Non mi sembra necessario dare nomi diversi allo stesso simbolo per funzioni diverse, visto che avere più funzioni è una comune consuetudine per i simboli in generale (anche le stesse lettere dell'alfabeto). Per esempio, nei Sinonimi e Contrari Treccani il germanismo Umlaut, nell'accezione del segno grafico, ha come sinonimo dieresi.
Avatara utente
Ferdinand Bardamu
Moderatore
Interventi: 4713
Iscritto in data: mer, 21 ott 2009 14:25
Località: Legnago (Verona)

Re: La tilde nell'italiano antico

Intervento di Ferdinand Bardamu »

G. M. ha scritto: mar, 01 feb 2022 17:12Sono un po' perplesso: non possiamo considerarli sinonimi? Non mi sembra necessario dare nomi diversi allo stesso simbolo per funzioni diverse, visto che avere più funzioni è una comune consuetudine per i simboli in generale (anche le stesse lettere dell'alfabeto). Per esempio, nei Sinonimi e Contrari Treccani il germanismo Umlaut, nell'accezione del segno grafico, ha come sinonimo dieresi.
Sí, ma in poesia si direbbe che su di una parola è stata posta la dieresi, non l’Umlaut. Umlaut e dieresi si riferiscono allo stesso segno grafico, ma al tempo stesso anche a funzioni assai diverse: perché dunque usare l’uno o l’altro termine in maniera intercambiabile? Nel tuo caso, ti riferivi alle consuetudini grafiche antiche, non al sistema ortografico spagnolo o portoghese. Ad ogni modo, se parliamo solo del segno grafico, si possono considerare sinonimi (sebbene titolo sia proprio della lingua antica, e titulus sia limitato all’uso filologico).
brg
Interventi: 83
Iscritto in data: mer, 12 gen 2022 20:53

Re: La tilde nell'italiano antico

Intervento di brg »

Ferdinand Bardamu ha scritto: mar, 01 feb 2022 11:34 Una piccola precisazione: il segno tachigrafico in questione si chiama titolo (accezione 9), o latinamente titulus. La tilde è invece un segno diacritico (l’etimo peraltro è sempre titulus).
Buongiorno, trovo questa discussione molto interessante ed avrei una domanda da porre: nella definizione da lei riportata vi è scritto "[...]Punto che viene scritto sopra la lettera i minuscola[...]", dunque si deve intendere per titolo qualunque segno grafico posto sopra una lettera? Cioè, quindi il titolo è un generico segno grafico posto sopra la lettera, mentre la tilde, nell'accezione corrente, è un segno grafico di forma specifica posto sopra una lettera?

Questa discussione mi ha fatto tornare in mente una lettera veneziana del '500, che avevo letto tempo fa: "Copia de una l~ra turchesca...".
Dall'archivio di stato di Venezia: http://asve.arianna4.cloud/patrimonio/3 ... 04-10-1562.
Avatara utente
Ferdinand Bardamu
Moderatore
Interventi: 4713
Iscritto in data: mer, 21 ott 2009 14:25
Località: Legnago (Verona)

Re: La tilde nell'italiano antico

Intervento di Ferdinand Bardamu »

brg ha scritto: mer, 02 feb 2022 11:05Buongiorno, trovo questa discussione molto interessante ed avrei una domanda da porre: nella definizione da lei riportata vi è scritto "[...]Punto che viene scritto sopra la lettera i minuscola[...]", dunque si deve intendere per titolo qualunque segno grafico posto sopra una lettera? Cioè, quindi il titolo è un generico segno grafico posto sopra la lettera, mentre la tilde, nell'accezione corrente, è un segno grafico di forma specifica posto sopra una lettera?
Non sono un esperto di paleografia, tuttavia le posso dire che di aver visto molto spesso il segno della tilde spagnola e portoghese, «~», su parole abbreviate, anche in iscrizioni. Il segno grafico, insomma, è quello sia per il titolo sia per la tilde (in questa pagina può vederne alcuni esempi).
Intervieni

Chi c’è in linea

Utenti presenti in questa sezione: Nessuno e 0 ospiti