Pronuncia di «viario», «ferroviario» e simili

Spazio di discussione su questioni di fonetica, fonologia e ortoepia

Moderatore: Cruscanti

Intervieni
Avatara utente
G. M.
Interventi: 785
Iscritto in data: mar, 22 nov 2016 15:54

Pronuncia di «viario», «ferroviario» e simili

Intervento di G. M. »

Ho scoperto pochi giorni fa che parecchi dizionari (tra cui DOP e Treccani) indicano la pronuncia di ferroviario come /-vja̍rjo/. Ciò mi sorprende, perché derivando da ferrovia /-vi̍a/ mi sarei aspettato /-vi.a̍rjo/, come succede normalmente in casi simili (brìo ~ brïoso, oblìo ~ oblïare, razzìa ~ razzïare, ubbìa ~ ubbïoso, vìa ~ vïale, ecc.). Nella pratica, non mancano le eccezioni (es. poliziotto /poliʦʦjɔ̍tto/ —non /-i.ɔ̍-/— da polizia /poliʦʦi̍a/); ma in questo caso la cosa mi lascia perplesso perché nel termine visibilmente parallelo viario gli stessi dizionari indicano invece l'iato, /vi.a̍rjo/ (DOP, Treccani), e lo stesso in idroviario (Treccani). Come si spiega quest'incoerenza? :?
brg
Interventi: 83
Iscritto in data: mer, 12 gen 2022 20:53

Re: Pronuncia di «viario», «ferroviario» e simili

Intervento di brg »

Sarà una questione ritmica. Pronunciando "ferrovjàrjo" si ottiene un bel quaternario, che suona sempre bene in italiano. Faccio altresì notare che i dizionari di Repubblica, Corriere e Garzanti (per quanto valgano...) danno "razzjàre" e che il verbo derivato da "malìa" è "ammaljàre".
Suppongo, in realtà, che la stragrande maggioranza degli ascoltatori non batterebbe ciglio se qualcuno pronunciasse alternativamente "ferrovjàrjo", "ferrovïàrjo" e "ferrovïàrïo" nello stesso discorso. La questione è ben diversa quando il cambio di pronuncia si accompagna ad uno spostamento dell'accento: "dèvjo" al posto di "devìo" è chiaramente inaccettabile ed insopportabile ad udirsi.
Fuori tema
D'altra parte, scusatemi la digressione, ma è qualcosa che non ho mai capito dell'ortoepia italiana, mi pare che nel parlato italiano la lunghezza delle vocali, le pause, i raddoppiamenti fonosintattici siano fantasmi.
Avatara utente
Millermann
Interventi: 1075
Iscritto in data: ven, 26 giu 2015 19:21
Località: Riviera dei Cedri

Re: Pronuncia di «viario», «ferroviario» e simili

Intervento di Millermann »

G. M. ha scritto: sab, 19 mar 2022 11:56Come si spiega quest'incoerenza? :?
Non sarà sicuramente il vero motivo, ma una possibile spiegazione potrebbe derivare dal fatto che nella parola ferroviario (a differenza che in idroviario, ad esempio) il prefisso è una parola di senso compiuto, e pertanto ‹ferrovïàrjo› suonerebbe come... ferro viario. :P
In qualche modo, ciò favorirebbe un accento secondario su ferro piuttosto pronunciato, quasi vi fossero due accenti primari (cosí, almeno, è al mio orecchio :)).
In Italia, dotta, Foro fatto dai latini
Graffiacane
Interventi: 192
Iscritto in data: ven, 30 lug 2021 11:21

Re: Pronuncia di «viario», «ferroviario» e simili

Intervento di Graffiacane »

Fuori tema
brg ha scritto: sab, 19 mar 2022 13:38 D'altra parte, scusatemi la digressione, ma è qualcosa che non ho mai capito dell'ortoepia italiana, mi pare che nel parlato italiano la lunghezza delle vocali, le pause, i raddoppiamenti fonosintattici siano fantasmi.
Il raddoppiamento fonosintattico manca al Settentrione, ma mi risulta ben vivo tra i parlanti centro-meridionali; invece la lunghezza delle vocali, almeno qui in Alt'Italia, pare anche a me assai evanescente.
Avatara utente
andrea scoppa
Interventi: 53
Iscritto in data: lun, 22 feb 2021 16:07
Località: morrovalle; civitanova marche; montecòsaro
Info contatto:

Re: Pronuncia di «viario», «ferroviario» e simili

Intervento di andrea scoppa »

Fuori tema
brg ha scritto: sab, 19 mar 2022 13:38 D'altra parte, scusatemi la digressione, ma è qualcosa che non ho mai capito dell'ortoepia italiana, mi pare che nel parlato italiano la lunghezza delle vocali, le pause, i raddoppiamenti fonosintattici siano fantasmi.
Mah? Lei non ha forse scritto d'esser toscano? Vorrei capire donde abbia tratto le sue conclusioni. Non sarà mica di Massa? :P
lasciatemi cosí
come una
cosa
posata
in un
angolo
e dimenticata
brg
Interventi: 83
Iscritto in data: mer, 12 gen 2022 20:53

Re: Pronuncia di «viario», «ferroviario» e simili

Intervento di brg »

Fuori tema
andrea scoppa ha scritto: dom, 20 mar 2022 16:14 Mah? Lei non ha forse scritto d'esser toscano? Vorrei capire donde abbia tratto le sue conclusioni. Non sarà mica di Massa? :P
E lo confermo. Aggiungo anche che nella Lucchesia non è raro udire parlate in cui i famigerati raddoppiamenti fonosintattici tendono a sparire.

Tuttavia non era quello a cui facevo riferimento, quando parlavo di fantasmi. Intendevo, infatti, dire che tali fenomeni si manifestano certamente nel parlar italiano, ma che ho dei dubbi sulla loro reale consistenza e natura. Cioè, mi pare, che a seconda dell'enfasi del discorso, dell'affettazione delle parole, dello stato d'animo del parlante, questi fenomeni si verifichino più o meno marcatamente e distintamente. Un bravo attore, ma anche uno scarso, od un oratore competente cambiano abitualmente queste supposte regole di pronuncia, senza per contro risultare meno italiani.
Tornando al termine in questione, io pronuncio naturalmente "ferrovjàrjo", ma, scandendo le parole, pronuncerei "ferrovïàrïo" con altrettanta naturalezza. La parola è lunga: passare da cinque a quattro sillabe è un bel vantaggio, ma se il parlante non ha bisogno di fare economia di fiato, può succedere, la parola può tornare ad essere di cinque sillabe od anche di sei.
Avatara utente
andrea scoppa
Interventi: 53
Iscritto in data: lun, 22 feb 2021 16:07
Località: morrovalle; civitanova marche; montecòsaro
Info contatto:

Re: Pronuncia di «viario», «ferroviario» e simili

Intervento di andrea scoppa »

Fuori tema
brg ha scritto: dom, 20 mar 2022 18:33 Intendevo, infatti, dire che tali fenomeni si manifestano certamente nel parlar italiano, ma che ho dei dubbi sulla loro reale consistenza e natura. Cioè, mi pare, che a seconda dell'enfasi del discorso, dell'affettazione delle parole, dello stato d'animo del parlante, questi fenomeni si verifichino più o meno marcatamente e distintamente.
La rimando a quest'intervento dell'Infarinato.
lasciatemi cosí
come una
cosa
posata
in un
angolo
e dimenticata
brg
Interventi: 83
Iscritto in data: mer, 12 gen 2022 20:53

Re: Pronuncia di «viario», «ferroviario» e simili

Intervento di brg »

Fuori tema
andrea scoppa ha scritto: ven, 08 apr 2022 11:47 La rimando a quest'intervento dell'Infarinato.
La ringrazio per avermi indicato una interessante discussione.

Tuttavia sono fermo nella mia opinione. Pur ritenendo io stesso Propagandapedia una fonte poco attendibile, la rimando alla voce inglese sul raddoppiamento fonosintattico di Wikipedia dove sono indicate una serie di eccezioni alla regola, che dovrebbero essere ovvie a chiunque abbia mai ascoltato un toscano colloquiare.

Esempî da me inventati or ora:
Il moderatore prese in mano la lista dei relatori e disse, aguzzando gli occhi per il carattere stampato troppo piccolo: «Parlerà... Sara.»
/parle'ra:... 'saːra/ e non /parle'ras...'saːra/ o /parle'ra:...'ssaːra/ o /parle'ras'saːra/.
L'uomo si rivolse spazientito al figlioletto che ancora si attardava a giardinetti, scandendo con tono severo le parole: «Andiamo a casa! Non farmelo ripetere!»
/an'djamo.'a.'kaːsa/ e non /an'djamo.ak'kaːsa/.
Avatara utente
Infarinato
Amministratore
Interventi: 4278
Iscritto in data: gio, 04 nov 2004 10:40
Info contatto:

Re: Pronuncia di «viario», «ferroviario» e simili

Intervento di Infarinato »

Fuori tema
brg ha scritto: ven, 08 apr 2022 15:06 [L]a rimando alla voce inglese sul raddoppiamento fonosintattico di Wikipedia dove sono indicate una serie di eccezioni alla regola…
Per carità! :evil: Si procuri i saggi di cui al rimando. ;)

E basta coi fuori tema, grazie.
Intervieni

Chi c’è in linea

Utenti presenti in questa sezione: Nessuno e 0 ospiti