«Non c’è niente di meglio/migliore di…?»

Spazio di discussione su questioni di carattere sintattico

Moderatore: Cruscanti

Intervieni
Causius
Interventi: 5
Iscritto in data: ven, 29 apr 2022 14:04

«Non c’è niente di meglio/migliore di…?»

Intervento di Causius »

«Mi conservo per qualcosa di meglio/migliore»?
A me “meglio” sembra forzato: che senso avrebbe dire: «non c’è niente di più bene di […]?
Grazie in anticipo.
Avatara utente
lorenzos
Interventi: 582
Iscritto in data: lun, 30 mar 2015 15:59

Re: «Non c’è niente di meglio/migliore di…?»

Intervento di lorenzos »

Causius ha scritto: sab, 14 mag 2022 8:15 che senso avrebbe dire: «non c’è niente di più bene di […]?
Potremmo chiederlo al Manzoni: "per discernere le cose reali dalle fantastiche, non c'è niente di meglio che metterle, dirò così, al lavoro insieme"
o al De Amicis: "Non c'è niente di meglio che la pratica in materia di scrivere".
:wink:
---
Se a lei «Mi conservo per qualcosa di meglio» sembra forzato, a me «Mi conservo per qualcosa di migliore» appare affettato; questione di gusti.
Gli Usa importano merci ed esportano parole e dollàri.
Avatara utente
G.B.
Interventi: 645
Iscritto in data: gio, 15 ago 2019 11:13

Re: «Non c’è niente di meglio/migliore di…?»

Intervento di G.B. »

Mi sembra di aver letto da qualche parte che la costruzione Non c'è nulla di piú ... che è un francesismo sintattico e andrebbe sostituito con un piú italiano Niente è piú ... di.
G.B.
Intervieni

Chi c’è in linea

Utenti presenti in questa sezione: Nessuno e 2 ospiti