«Marinare la scuola»

Spazio di discussione su questioni di dialettologia italiana e italoromanza

Moderatore: Dialettanti

Intervieni
Avatara utente
Carnby
Interventi: 4132
Iscritto in data: ven, 25 nov 2005 18:53
Località: Empolese-Valdelsa

«Marinare la scuola»

Intervento di Carnby »

Come si dice da voi? Qui la parola tradizionale è fà campagnola ma di recente è diventato più frequente fà forca (fiorentinismo).
valerio_vanni
Interventi: 1131
Iscritto in data: ven, 19 ott 2012 20:40
Località: Marradi (FI)

Re: «Marinare la scuola»

Intervento di valerio_vanni »

Io ricordo fare buco e fare forca (più il primo).
Avatara utente
Infarinato
Amministratore
Interventi: 4345
Iscritto in data: gio, 04 nov 2004 10:40
Info contatto:

Re: «Marinare la scuola»

Intervento di Infarinato »

Bucare (Pisa e dintorni, ma non so se sia piú cosí).
Avatara utente
G. M.
Interventi: 888
Iscritto in data: mar, 22 nov 2016 15:54

Re: «Marinare la scuola»

Intervento di G. M. »

Fare fogone (Parma); in dialetto fär fogón.
Avatara utente
andrea scoppa
Interventi: 65
Iscritto in data: lun, 22 feb 2021 16:07
Località: morrovalle; civitanova marche; montecòsaro
Info contatto:

Re: «Marinare la scuola»

Intervento di andrea scoppa »

Salà e fà segaccio. :wink:
lasciatemi cosí
come una
cosa
posata
in un
angolo
e dimenticata
Avatara utente
Millermann
Interventi: 1123
Iscritto in data: ven, 26 giu 2015 19:21
Località: Riviera dei Cedri

Re: «Marinare la scuola»

Intervento di Millermann »

Dalle mie parti (versante del Tirreno cosentino) si usa la stessa espressione diffusa in Campania e Basilicata: fare filone (che non è esattamente come aprire una nuova discussione su Cruscate! :mrgreen:).

Tale espressione è presente, insieme a numerose altre, tra i sinonimi di bigiare e di marinare del Treccani.

Maggiori dettagli sulla distribuzione geografica dei diversi modi di dire si possono trovare in quest'articolo. ;)
In Italia, dotta, Foro fatto dai latini
Ligure
Interventi: 386
Iscritto in data: lun, 31 ago 2015 13:18

Re: «Marinare la scuola»

Intervento di Ligure »

Ovviamente, si tratta d'un articolo "di colore" che, quindi, va preso per quello che è ... Ad es., nella Liguria linguisticamente "genovese" (più o meno da Noli a Levanto oltre all'entroterra corrispondente) tutti si stupirebbero e nessuno capirebbe il significato di "conigliare" o "forcare". Che, per altro, in questo contesto geografico non ho proprio mai ascoltato pronunciare da nessuno e che non vengono impiegati neppure in altre accezioni. Tutti dicono "saltare". Ma, evidentemente, non "la scuola", "la lezione". Frase perfettamente italiana. Nello stesso modo ci si esprime, ad es., per l'appuntamento da un medico, da un terapeuta ecc. e, ad es., tutti diranno - quasi esclusivamente - che "il tale" "ha saltato" l'appuntamento o che la seduta "è stata saltata".
Graffiacane
Interventi: 230
Iscritto in data: ven, 30 lug 2021 11:21

Re: «Marinare la scuola»

Intervento di Graffiacane »

A Piacenza si dice bigiare; in dialetto, fugä, fä fugòn, fä fugaröla oppure marinä la scòla.
Ligure
Interventi: 386
Iscritto in data: lun, 31 ago 2015 13:18

Re: «Marinare la scuola»

Intervento di Ligure »

Ovviamente, tutto quanto ho precedentemte riferito vale anche per la piccola zona appenninica caratterizzata da dialetti tradizionali liguri o "ligureggianti" (di tipo arcaico) che si trova nelle province di Piacenza e di Parma (qui un pochino più ampia).

Dove nessuno (né i vecchi dialettofoni né i giovani) capirebbero, ad es., se non con notevoli difficoltà, i rispettivi dialetti dei due centri urbani, molto lontani dalle loro "abitudini" linguistiche, pur geograficamente non così remoti ...

Certo, proprio volendo, si potrebbero rintracciare influssi liguri anche nel piacentino e, in misura maggiore, ad es., nel bobbiese (PC), ma - storicamente - anche gli abitanti meno colti di posti relativamente vicini - come Ottone (PC) e Bobbio (PC) - hanno sempre conversato tra loro esclusivamente in italiano.

In quanto parte del lessico e, soprattutto, la pronuncia permanevano significativamente diverse.

Troppo per chi non fosse un dialettologo esperto.

Infatti, i concetti linguistici di continuità e omogeneità relativi ai dialetti settentrionali valgono ... ma "moolto" in generale (tipicamente in senso "teorico") ...

Nel piccolo "confine linguistico" cui ho concretamente accennato, frequentemente lo stacco risulta piuttosto netto e l'intercomprensione, al di là dell'organizzazione amministrativa che è spesso mutata, è sempre stata garantita solo dall'uso della lingua italiana. Anticamente, inoltre, i rispettivi dialetti risultavano ancora maggiormente caratterizzati da specificità tipiche in quanto risultava molto minore l'influenza diretta dell'italiano.
Ultima modifica di Ligure in data mer, 03 ago 2022 14:00, modificato 1 volta in totale.
Avatara utente
Ferdinand Bardamu
Moderatore
Interventi: 4768
Iscritto in data: mer, 21 ott 2009 14:25
Località: Legnago (Verona)

Re: «Marinare la scuola»

Intervento di Ferdinand Bardamu »

Nel veronese diciamo far bèrna. Ne riporto l’etimo presente nel Dizionario etimologico del dialetto veronese di Marcello Bondardo (Verona: «Centro per la formazione professionale grafica ‹San Zeno›», 1986, s.v. «Bèrna»): «Gergalismo dal percorso chiaramente ricostruibile: punto di partenza è il furbesco bernarda ‹notte›. ‹L’uso di questo nome in significato piú o meno dispregiativo o furbesco è molto frequente: le attestazioni piú fitte ed antiche si trovano in Francia, ma non mancano anche in Italia, specialmente nei dialetti gallo-italici e in Toscana› (B. MIGLIORINI, Dal nome proprio al nome comune). Scorciato in berna già nel gergo ottocentesco veronese significava ‹notte›, ma nel coevo vicentino già ‹vegliare gozzovigliando›, ‹far baldoria›; assume infine il significato attuale intorno al 1850».
Antujo
Interventi: 73
Iscritto in data: ven, 05 giu 2015 12:16

Re: «Marinare la scuola»

Intervento di Antujo »

In ferrarese è far fógh, fare fuoco.
Intervieni

Chi c’è in linea

Utenti presenti in questa sezione: Nessuno e 0 ospiti