Anastrofe per «fino a [qualcosa]»?

Spazio di discussione su questioni di carattere sintattico

Moderatore: Cruscanti

Intervieni
Avatara utente
G. M.
Interventi: 956
Iscritto in data: mar, 22 nov 2016 15:54

Anastrofe per «fino a [qualcosa]»?

Intervento di G. M. »

Sto traducendo un testo in poesia, e c'è una frase più o meno di questa struttura: «Arriva fino alla porta». Per esigenze di rima mi verrebbe comodo avere fino come ultima parola; è lecita un'anastrofe per cui la frase risulta di struttura «Arriva alla porta fino»? (O forse addirittura «Alla porta arriva fino»...). È lecito spezzare e invertire in tal modo fino | a [qualcosa]? Se sì, ne conoscete qualche esempio letterario?
brg
Interventi: 185
Iscritto in data: mer, 12 gen 2022 20:53

Re: Anastrofe per «fino a [qualcosa]»?

Intervento di brg »

Fuori tema
C'è un impedimento particolare all'uso dell'enjambement?
Avatara utente
G. M.
Interventi: 956
Iscritto in data: mar, 22 nov 2016 15:54

Re: Anastrofe per «fino a [qualcosa]»?

Intervento di G. M. »

Fuori tema
brg ha scritto: sab, 06 ago 2022 12:10 C'è un impedimento particolare all'uso dell'enjambement?
A priori nessuno, ma in pratica qui mi costringerebbe a rigirare il resto della frase in un modo che suona faticoso ed involuto.
Avatara utente
Millermann
Interventi: 1149
Iscritto in data: ven, 26 giu 2015 19:21
Località: Riviera dei Cedri

Re: Anastrofe per «fino a [qualcosa]»?

Intervento di Millermann »

Non so se sia il mio orecchio, ma l'anastrofe mi suona assai piú naturale e accettabile usando infino: «Alla porta arriva infino»... Che ne dice? ;)
In Italia, dotta, Foro fatto dai latini
Avatara utente
G. M.
Interventi: 956
Iscritto in data: mar, 22 nov 2016 15:54

Re: Anastrofe per «fino a [qualcosa]»?

Intervento di G. M. »

Anche a me dà un po' la stessa sensazione. Ma ho il dubbio che avvenga perché, per la vicinanza di suono, nel pensiero quell'infino si confonde involontariamente con infine, che sintatticamente in quella posizione va benissimo, ma ha un significato un po' diverso.
Graffiacane
Interventi: 245
Iscritto in data: ven, 30 lug 2021 11:21

Re: Anastrofe per «fino a [qualcosa]»?

Intervento di Graffiacane »

Io invece ho spesso sentito, nel parlato, anastrofi come quella di cui si discute in questo filone. Sarà probabilmente per questo che il costrutto non urta piú di tanto la mia sensibilità linguistica.
Avatara utente
Ferdinand Bardamu
Moderatore
Interventi: 4816
Iscritto in data: mer, 21 ott 2009 14:25
Località: Legnago (Verona)

Re: Anastrofe per «fino a [qualcosa]»?

Intervento di Ferdinand Bardamu »

D’anastrofi e iperbati estremi è piena la nostra tradizione poetica. Non ho ricordi di esempi con fino a; tuttavia, forse è perché, come ha notato Millermann, tradizionalmente è comune la variante infino. Anzi, prova con insino, che oscura la somiglianza con l’avverbio infine: «Alla porta arriva insino» o (ma quest’ottonario zoppica) «Arriva alla porta insino».

(Una curiosità: nell’originale c’è una rottura dell’ordine normale degli elementi? È anche vero che se si tratta, per esempio, di poesia epica le figure retoriche dell’ordine elevano lo stile quindi si adattano al tono generale del testo).
Avatara utente
G. M.
Interventi: 956
Iscritto in data: mar, 22 nov 2016 15:54

Re: Anastrofe per «fino a [qualcosa]»?

Intervento di G. M. »

Ferdinand Bardamu ha scritto: sab, 06 ago 2022 15:00 Anzi, prova con insino, che oscura la somiglianza con l’avverbio infine [...]
Potrebbe essere una buona idea.
Ferdinand Bardamu ha scritto: sab, 06 ago 2022 15:00(Una curiosità: nell’originale c’è una rottura dell’ordine normale degli elementi? È anche vero che se si tratta, per esempio, di poesia epica le figure retoriche dell’ordine elevano lo stile quindi si adattano al tono generale del testo).
No, l'originale non ha alcuna inversione: è una mia (possibile) introduzione puramente per far quadrare la metrica. Ma è appunto poesia epica, quindi come dici non istona. :)
DON FERRANTE
Interventi: 318
Iscritto in data: sab, 05 set 2020 17:08

Re: Anastrofe per «fino a [qualcosa]»?

Intervento di DON FERRANTE »

Potrebbe riportare tutto il contesto o i versi immediatamente precedenti?
Avatara utente
G. M.
Interventi: 956
Iscritto in data: mar, 22 nov 2016 15:54

Re: Anastrofe per «fino a [qualcosa]»?

Intervento di G. M. »

DON FERRANTE ha scritto: lun, 08 ago 2022 20:00 Potrebbe riportare tutto il contesto o i versi immediatamente precedenti?
Certamente; preciso comunque che nell’aprire il filone non volevo chiedervi un generico aiuto per tradurre, ma risolvere la questione di fino a. :wink:
Fuori tema
La strofa è questa:

He sang of war in the warm wet shires,
Where rain nor fruitage fails,
Where England of the motley states
Deepens like a garden to the gates
In the purple walls of Wales.


E questa è la mia resa al momento (sto traducendo non verso per verso ma strofa per strofa, in endecasillabi variamente rimati), seguendo la proposta di Ferdinand:

Cantò nell’umide contee la guerra
e calde, dov’è rar che si penuri
di frutta o pioggia, dove l’Inghilterra
dai variegati stati qual giardino
s’approfondisce, e a’ cancelli nei muri
violacei del Gallese giunge insino.


Non è certo delle più scorrevoli, ma meglio di così non m'è venuto niente... :lol:
DON FERRANTE
Interventi: 318
Iscritto in data: sab, 05 set 2020 17:08

Re: Anastrofe per «fino a [qualcosa]»?

Intervento di DON FERRANTE »

Certo, insino è la forma più poetica. Obiettivamente - non me ne voglia - si potrebbe far di meglio.
Se non interpreto male, like a garden to the gates è la similitudine con cui si raffronta l'approfondirsi o infittirsi dell'Inghilterra verso i purple walls of Wales.
Così su due piedi avevo pensato ad un ricercato e sofisticato ad imo ad imo per chiudere la strofa: da unire concettualmente alla metafora del deepens.
Avatara utente
G. M.
Interventi: 956
Iscritto in data: mar, 22 nov 2016 15:54

Re: Anastrofe per «fino a [qualcosa]»?

Intervento di G. M. »

Fuori tema
DON FERRANTE ha scritto: ven, 12 ago 2022 1:30 Certo, insino è la forma più poetica. Obiettivamente - non me ne voglia - si potrebbe far di meglio. [...] Così su due piedi avevo pensato ad un ricercato e sofisticato ad imo ad imo per chiudere la strofa: da unire concettualmente alla metafora del deepens.
Molto bello! :D Qualche volta ho fatto uso di locuzioni dantesche. Purtroppo però sto traducendo con le rime e non con semplici assonanze, per cui imo finale richiederebbe di cambiare anche giardino, e sono poche le parole in -ìmo per fare la rima...
DON FERRANTE
Interventi: 318
Iscritto in data: sab, 05 set 2020 17:08

Re: Anastrofe per «fino a [qualcosa]»?

Intervento di DON FERRANTE »

Questo è pacifico. Bisognerebbe stravolgere e inventare, pur sempre fedeli al testo originale. Non voglio, con questo, farla ricredere sulla/della sua resa.
Un opimo d'appoggio potrebbe rientrare nel concetto del rain nor fruitage fails.
U' l'Inghilterra per ove o un s'approfonda per s'approfondisce come stratagemmi d'economia metrica...

guerra
opimo
Inghilterra
imo
x
x

Ma c'è da almanaccare.
Avatara utente
G. M.
Interventi: 956
Iscritto in data: mar, 22 nov 2016 15:54

Re: Anastrofe per «fino a [qualcosa]»?

Intervento di G. M. »

Fuori tema
DON FERRANTE ha scritto: dom, 14 ago 2022 3:59 Un opimo d'appoggio potrebbe rientrare nel concetto del rain nor fruitage fails. [...]
Mi piace, grazie per il consiglio. Me lo segno per quando più avanti farò la revisione generale. Se le venissero altre idee, la leggerò volentieri. :wink:
Intervieni

Chi c’è in linea

Utenti presenti in questa sezione: Nessuno e 0 ospiti