Quali pronunce errate non riuscite a correggere?

Spazio di discussione su questioni di fonetica, fonologia e ortoepia

Moderatore: Cruscanti

Ivan92
Interventi: 1416
Iscritto in data: gio, 28 nov 2013 19:59
Località: Castelfidardo (AN)

Intervento di Ivan92 »

Infarinato ha scritto:Direi in quasi tutti: basti il DiPI. ;)
La ringrazio. :) Noto che ci sono due Umbrie! :lol:
Infarinato ha scritto:Fonologicamente, due primari; foneticamente, un secondario e un primario (in quest’ordine: la prominenza è sempre a fine frase).
Questa distinzione vale soltanto teoricamente? Quando pronuncio il sintagma in questione —nel parlato, s'intende, e non a casa davanti a uno specchio— mi par di sentire sempre un accento secondario su -dóp- e su -lèt-, mai uno primario.
Avatara utente
Infarinato
Amministratore
Interventi: 4452
Iscritto in data: gio, 04 nov 2004 10:40
Info contatto:

Intervento di Infarinato »

Ivan92 ha scritto:
Infarinato ha scritto:Fonologicamente, due primari; foneticamente, un secondario e un primario (in quest’ordine: la prominenza è sempre a fine frase).
Questa distinzione vale soltanto teoricamente? Quando pronuncio il sintagma in questione […] mi par di sentire sempre un accento secondario su -dóp- e su -lèt-, mai uno primario.
Non è esattamente ciò che ho scritto (a parte il fatto che in doppia vu [normalmente] non c’è nemmeno un secondario sulla /o/)? ;)

Fonologicamente, l’accento secondario in italiano non esiste.
Ivan92
Interventi: 1416
Iscritto in data: gio, 28 nov 2013 19:59
Località: Castelfidardo (AN)

Intervento di Ivan92 »

Infarinato ha scritto:Non è esattamente ciò che ho scritto? ;)
Ops... :)
Infarinato ha scritto:In doppia vu [normalmente] non c’è nemmeno un secondario sulla /o/.
Ora che ci faccio caso, ha ragione. :)
Infarinato ha scritto:Fonologicamente, l’accento secondario in italiano non esiste.
La ringrazio del rimando. :)
Avatara utente
andrea scoppa
Interventi: 108
Iscritto in data: lun, 22 feb 2021 16:07
Località: morrovalle; civitanova; montecòsaro
Info contatto:

Re:

Intervento di andrea scoppa »

Fuori tema
Ivan92 ha scritto: lun, 29 dic 2014 23:17 Aggiungo il raddoppiamento dell'approssimante palatale in sillaba postonica: /ʤe'nnajjo/, /'bujjo/, /te'lajjo/.
Carnby ha scritto: lun, 29 dic 2014 23:37 Forse perché è sentito come un esito «non locale», toscaneggiante?
Infarinato ha scritto: mar, 30 dic 2014 11:19 Sono vere entrambe le cose: la maggior parte dei dialetti mediani non ha /ʎ/ [ʎ(ʎ)], che è l’esito toscano di -LI̯- latino, che in quei dialetti ha dato invece [j(j)].
Lasciando in disparte che non riesco a percepire la differenza tra [j] e [ʎ] —da bimbo scrivevo *paglio e *schermaia—, non s'era ipotizzato che /j/ fosse già autogeminante nel latino classico?
È cosí piana e naturale e lontana da ogni ombra di affettazione, che i Toscani mi pare, pel pochissimo che ho potuto osservare parlando con alcuni, che favellino molto piú affettato, e i Romani senza paragone.
Avatara utente
Carnby
Interventi: 4324
Iscritto in data: ven, 25 nov 2005 18:53
Località: Empolese-Valdelsa

Re: /j/ nel latino classico, volgare e nei dialetti mediani

Intervento di Carnby »

Fuori tema
andrea scoppa ha scritto: sab, 22 gen 2022 3:34 …non s'era ipotizzato che /j/ fosse già autogeminante nel latino classico?
Sì, ma la distribuzione di /j/[jj] del latino classico non corrisponde esattamente a quella attuale dei dialetti mediani (Rohlfs al proposito appare piuttosto sbrigativo nella trattazione).
Avatara utente
Infarinato
Amministratore
Interventi: 4452
Iscritto in data: gio, 04 nov 2004 10:40
Info contatto:

Re: /j/ nel latino classico, volgare e nei dialetti mediani

Intervento di Infarinato »

Fuori tema
Carnby ha scritto: sab, 22 gen 2022 10:28 [L]a distribuzione di /j/[jj] del latino classico non corrisponde esattamente a quella attuale dei dialetti mediani (Rohlfs al proposito appare piuttosto sbrigativo nella trattazione).
Piú banalmente: l’esito regolare di -- [ıj] in toscano/italiano è [ʤ(ː)ʤ] (maggio, maggiore, peggio), che è confluito con quello di -DI̯/DE̯- (oggi, raggio, seggio), laddove quest’ultimo non abbia dato [ʣ(ː)ʣ] (mèzzo, rozzo —posconsonanticamente, sempre [ʣ]: verza, orzo, pranzo). ;)
rickyrickk31
Interventi: 1
Iscritto in data: ven, 02 set 2022 19:46

Re: Quali pronunce errate non riuscite a correggere?

Intervento di rickyrickk31 »

La mia proposta è stata "prova a dirla, e senti cosa ci metti" ma non ha aiutato perché la realizzazione fonetica è coerente col dubbio di scrittura (una sorta di affricata indebolita). get-mobdro.com
lelobc937
Interventi: 1
Iscritto in data: mer, 23 nov 2022 13:40

Re: Quali pronunce errate non riuscite a correggere?

Intervento di lelobc937 »

Was going to post this one. I still think it’s weird every time I see it in print and say it in my head. How did this pronunciation develop? Why not just say it the way it’s spelled?
Avatara utente
Ferdinand Bardamu
Moderatore
Interventi: 4850
Iscritto in data: mer, 21 ott 2009 14:25
Località: Legnago (Verona)

Re: Quali pronunce errate non riuscite a correggere?

Intervento di Ferdinand Bardamu »

lelobc937 ha scritto: mer, 23 nov 2022 13:42 Was going to post this one. I still think it’s weird every time I see it in print and say it in my head. How did this pronunciation develop? Why not just say it the way it’s spelled?
Benvenuto (o benvenuta). Questo fòro è dedicato alla lingua italiana, perciò si deve scrivere in italiano. Non importa se l’italiano non è la sua lingua madre: la aiuteremo noi a migliorare.

Tornando in tema, non ho ben capito a quale pronuncia si riferisce.
Intervieni

Chi c’è in linea

Utenti presenti in questa sezione: Nessuno e 0 ospiti