Plurale forestierismi

Spazio di discussione su prestiti e forestierismi

Moderatore: Cruscanti

Avatara utente
cuci
Interventi: 109
Iscritto in data: lun, 19 set 2005 3:29
Località: Varese

Intervento di cuci » gio, 12 ott 2006 0:59

Federico ha scritto:
cuci ha scritto:Quindi alla sua metafora del ghetto oppongo la mia: che questi termini, seppur d'origine straniera, siano (in quanto portatrici di nuove idee o concetti) accolti come necessari immigrati nella nostra patria linguistica, ma per restarvici di diritto DEBBONO seguirne le regole [...]
Ma questo modello si può facilmente criticare dicendo che per quanto integrati gli immigrati obbediscono spesso piú che altro a vili esigenze di ribasso dei costi, e che sarebbe forse meglio rieducare gli italiani a svolgere certe mansioni (anche rendendole umane): fuor di metafora, incentivare la creazione di un lessico (tecnico ma non solo) autoctono e la riscoperta del nostro ricco vocabolario semiabbandonato.
In realtà ci vuole di tutto un po'.
Be', di fronte alle possibilità d'inventare un nuovo traducente e di riscoprire o riadattare un termine desueto ovviamente preferirei queste soluzioni all'adattamento della parola straniera. però è proprio per questo motivo che quando un termine straniero è oramai introdotto (e c'è poco da fare) preferisco che sottostia alle regole dell'italiano; prima fra queste quella dell'invariabilità del plurale.
«Duva vidi moju zzappa fundu»

·Dum·Doceo·Disco·

Avatara utente
Federico
Interventi: 3008
Iscritto in data: mer, 19 ott 2005 16:04
Località: Milano

Intervento di Federico » gio, 12 ott 2006 1:20

cuci ha scritto:Be', di fronte alle possibilità d'inventare un nuovo traducente e di riscoprire o riadattare un termine desueto ovviamente preferirei queste soluzioni all'adattamento della parola straniera. Però è proprio per questo motivo che quando un termine straniero è oramai introdotto (e c'è poco da fare) preferisco che sottostia alle regole dell'italiano; prima fra queste quella dell'invariabilità del plurale.
E su questo concordiamo tutti, mi pare: non capisco solo fino a che punto methao_donor porti il proprio ragionamento.
Marco1971 ha scritto:Il fatto è che la sua frase, per me, è incomprensibile, e richiama appunto quella lingua che s’inorpella di parole perlopiú areferenziali... Per me vale la frase di Boileau: Ce qui se conçoit bien s’énonce clairement. (Ciò che si concepisce bene s’enuncia chiaramente.)
Quello che volevo dire è che il mio intento era spiegare il ragionamento di methao_donor e il relativo modello di reazione di fronte ai forestierismi. La sua obiezione non era pertinente perché l'uso di forestierismi da parte di incolti non è contemplato in tale modello, che quindi è coerente seppur a mio parere non realizzabile per l'inattuabilità della premessa (la ghettizzazione dei forestierismi).
Ora è piú chiaro?

Avatara utente
Marco1971
Moderatore
Interventi: 9475
Iscritto in data: gio, 04 nov 2004 13:37

Intervento di Marco1971 » gio, 12 ott 2006 1:26

Sí. E cosí, per me, avrebbe dovuto esprimersi, evitando quella frase da ugola di metallo (Baudelaire). :D

Avatara utente
Federico
Interventi: 3008
Iscritto in data: mer, 19 ott 2005 16:04
Località: Milano

Intervento di Federico » gio, 12 ott 2006 22:46

Marco1971 ha scritto:Sí. E cosí, per me, avrebbe dovuto esprimersi, evitando quella frase da ugola di metallo (Baudelaire). :D
È servito il doppio delle parole, però. Ma l'importante alla fine è capirsi.
Ultima modifica di Federico in data gio, 12 ott 2006 23:11, modificato 1 volta in totale.

Avatara utente
Marco1971
Moderatore
Interventi: 9475
Iscritto in data: gio, 04 nov 2004 13:37

Intervento di Marco1971 » gio, 12 ott 2006 22:57

La concisione è un’arte, e l’arte è ciò attraverso cui le forme diventano stile. :)

Avatara utente
Incarcato
Interventi: 900
Iscritto in data: lun, 08 nov 2004 13:29

Intervento di Incarcato » ven, 13 ott 2006 9:59

Qui, Marco, c'è un parasillogismo. :wink:

Avatara utente
cuci
Interventi: 109
Iscritto in data: lun, 19 set 2005 3:29
Località: Varese

Intervento di cuci » ven, 13 ott 2006 11:13

Non ne avessi mai parlato (qui): oggi sul giornale (giornale senza pretese, l'ammetto) non ti salta fuori la storia di un padre sotto chock? Be', è conseguenze della mancata traduzione o della alternativa comodità d'adattamento alle forme tipiche dell'italiano; la gente s'ostina e sbaglia.
«Duva vidi moju zzappa fundu»

·Dum·Doceo·Disco·

Avatara utente
Federico
Interventi: 3008
Iscritto in data: mer, 19 ott 2005 16:04
Località: Milano

Intervento di Federico » sab, 14 ott 2006 14:28

cuci ha scritto:Non ne avessi mai parlato (qui): oggi sul giornale (giornale senza pretese, l'ammetto) non ti salta fuori la storia di un padre sotto chock?
Se ne era parlato anche tempo fa.
cuci ha scritto:Be', è conseguenze della mancata traduzione o della alternativa comodità d'adattamento alle forme tipiche dell'italiano; la gente s'ostina e sbaglia.
«Nell'indecisione, perché non fondere le due forme?» avrà (inconsciamente) pensato.

Intervieni

Chi c’è in linea

Utenti presenti in questa sezione: Nessuno e 1 ospite