Paolo Belardinelli sui pronomi allocutivi di cortesia

Spazio di discussione su questioni di carattere sintattico

Moderatore: Cruscanti

Intervieni
Avatara utente
Marco1971
Moderatore
Interventi: 10301
Iscritto in data: gio, 04 nov 2004 12:37

Paolo Belardinelli sui pronomi allocutivi di cortesia

Intervento di Marco1971 »

Si può leggere qui.

Una nota su questo passo:
Sarà bene aggiungere che la terza persona di cortesia, singolare e plurale, nell’uso scritto richiede l’iniziale maiuscola per evitare confusione con l’uso delle terze persone ordinarie, e che tale uso si estende alle forme degli aggettivi possessivi (Suo, Sua, Loro) e dimostrativi clitici (La, Li) e alle forme pronominali oblique (Le, Loro; rarissimo il plurale Glielo e simili).
Forse sarebbe stato opportuno precisare che la maiuscola, in questi casi, è oggi perlopiú riservata a persone di un certo rango e con le quali non si ha rapporto di sorta. Quando si dà del lei a persone che si conoscono o che gerarchicamente non ci sono superiori, la maiuscola non è obbligatoria (rimane però l’uso vigente nella corrispondenza commerciale e formale).
Ultima modifica di Marco1971 in data mar, 13 mag 2008 18:42, modificato 1 volta in totale.
Ma quella lingua si chiama d’una patria, la quale convertisce i vocaboli ch’ella ha accattati da altri nell’uso suo, et è sí potente che i vocaboli accattati non la disordinano, ma ella disordina loro.
Avatara utente
Incarcato
Interventi: 900
Iscritto in data: lun, 08 nov 2004 12:29

Intervento di Incarcato »

Era proprio ciò di cui parlavo qualche giorno fa con un amico.

Io sostenevo appunto che nella corrispondenza formale e commerciale la maiuscola è da cosiderarsi come fortemente consigliata. :wink:
I' ho tanti vocabuli nella mia lingua materna, ch'io m'ho piú tosto da doler del bene intendere le cose, che del mancamento delle parole colle quali io possa bene esprimere il concetto della mente mia.
Avatara utente
Marco1971
Moderatore
Interventi: 10301
Iscritto in data: gio, 04 nov 2004 12:37

Intervento di Marco1971 »

Nella corrispondenza commerciale e formale la maiuscola è obbligatoria.
Ma quella lingua si chiama d’una patria, la quale convertisce i vocaboli ch’ella ha accattati da altri nell’uso suo, et è sí potente che i vocaboli accattati non la disordinano, ma ella disordina loro.
Avatara utente
Federico
Interventi: 3008
Iscritto in data: mer, 19 ott 2005 16:04
Località: Milano

Intervento di Federico »

Appunto per questo Paolo Belardinelli mi sembra un po' fuorviante: la maiuscola è reverenziale, non dettata dal rischio di confusione. È ben vero che è difficile usare la terza persona di cortesia in una lettera non formale, però se ad esempio si citasse una frase di un discorso fra due persone non sarebbe necessario usare il maiuscolo per evitare confusioni, anzi.
Intervieni

Chi c’è in linea

Utenti presenti in questa sezione: Nessuno e 0 ospiti