Termini informatici

Spazio di discussione su prestiti e forestierismi

Moderatore: Cruscanti

Intervieni
fabbe
Interventi: 454
Iscritto in data: mar, 26 apr 2005 20:57

Termini informatici

Intervento di fabbe » dom, 19 mar 2006 18:08

Un pensiero domenicale.

Stavo pensando che per la terminologia informatica dovremmo arrivare a proporre dei termini italiani fissi.

Specialmente per "file", "hardware" e "software" dovrebbero esserci diretti corrispondenti: quindi per "file" ci deve essere un solo termine italiano ecc.

Si potrebbe arrivare alla fine quindi a creare una tabella con i termini tecnici informatici inglesi e quelli italiani.

Adesso mi sembra che diamo troppi traducenti per quei termini che invece essendo tecnici dovrebbero averne uno.

Cosa ne dite?

Avatara utente
Marco1971
Moderatore
Interventi: 9427
Iscritto in data: gio, 04 nov 2004 13:37

Intervento di Marco1971 » dom, 19 mar 2006 18:38

Mi trova perfettamente concorde. E opterei per queste soluzioni:

file: archivio;

hardware: strumentario (o, a scelta, materiale [cfr francese matériel]);

software: programmario (o, se si sceglie materiale, logicale [fr. logiciel]).

Ho trovato anche questo nesso.

Per firmware propongo, sempre sul modello francese, microprogramma o micrologicale. :)

fabbe
Interventi: 454
Iscritto in data: mar, 26 apr 2005 20:57

Intervento di fabbe » dom, 19 mar 2006 20:11

Bene.

Siamo sicuri di "archivio" per "file"? L'unico problema che trovo in quel termine è che nel caso di "archivio di file" la nostra traduzione diverrebbe "archivio di archivi".

Non sarebbe il caso di proporre "filza" o qualche cosa di nuovo per "file"?

Ci sono altri termini informatici di cui dovremmo dare un corrispettivo univoco?

Avatara utente
Marco1971
Moderatore
Interventi: 9427
Iscritto in data: gio, 04 nov 2004 13:37

Intervento di Marco1971 » dom, 19 mar 2006 20:29

fabbe ha scritto:Siamo sicuri di "archivio" per "file"?
Sí, è lemmatizzato come tale e se n’è fatto un gran parlare in queste stanze...
fabbe ha scritto:L'unico problema che trovo in quel termine è che nel caso di "archivio di file" la nostra traduzione diverrebbe "archivio di archivi".
Basta ricorrere a qualcosa come repertorio/raccolta d’archivi , ecc.
fabbe ha scritto:Non sarebbe il caso di proporre "filza" o qualche cosa di nuovo per "file"?
Filza è una valida possibilità.
fabbe ha scritto:Ci sono altri termini informatici di cui dovremmo dare un corrispettivo univoco?
Lascio ad altri la ricerca...

Avatara utente
Federico
Interventi: 3008
Iscritto in data: mer, 19 ott 2005 16:04
Località: Milano

Intervento di Federico » dom, 19 mar 2006 20:50

Dunque, personalmente sceglierei: per file archivio (sarebbe meglio filza, ma tanto vale sruttarlo); per hardware strumentario (si può considerare un'estensione non eccessiva del suo significato); per software programmario (anche per uniformità con strumentario); per firmware preferisco perma[pro]gramma, che mi sembra dare di piú l'idea, mentre microprogramma è forse fuorviante...

Avatara utente
Infarinato
Amministratore
Interventi: 3573
Iscritto in data: gio, 04 nov 2004 11:40
Info contatto:

Intervento di Infarinato » dom, 19 mar 2006 20:55

Marco1971 ha scritto:
fabbe ha scritto:L'unico problema che trovo in quel termine è che nel caso di "archivio di file" la nostra traduzione diverrebbe "archivio di archivi".
Basta ricorrere a qualcosa come repertorio/raccolta d’archivi , ecc.
…oppure, in senso tecnico, archivio compresso d’archivi. Cioè: file = «archivio»; archive = «archivio compresso».

La [completa] corrispondenza biunivoca (tra qualsiasi lingua) è però cosa difficile da raggiungersi, anzi —direi— praticamente impossibile.

In quest’ottica, promuoverei (per ragioni d’uniformità e versatilità) strumentario e programmario, ma lascerei (perché realmente usati) apparecchiatura/macchina e programma/-i.

Condivido le perplessità di Federico su microprogramma, ma rilevo che è «quasi lemmatizzato»

P.S. Come (in italiano e non solo) software è usato per indicare sia il «programmario» sia il semplice «programma», cosí firmware sarà sia «microprogramma» sia «microprogrammario». In funzione aggettivale, poi, software e hardware valgono spesso semplicemente «virtuale» e «fisico».

Avatara utente
Federico
Interventi: 3008
Iscritto in data: mer, 19 ott 2005 16:04
Località: Milano

Intervento di Federico » dom, 19 mar 2006 21:29

Bene. Dunque, riassumendo per chiarirci un po' le idee, le voci diventerebbero cosí (a parte il dubbio su firmware):
*archive: archivio compresso, raccolta (di archivi)
*file: archivio
*firmware: microprogramma; microprogrammario
*hardware: (s.) strumentario; macchinario, apparecchiatura. (attr.) fisico
*software: (s.) programmario; programma. (attr.) virtuale

A proposito di archivio compresso, direi che è sufficiente cosí, senza specificare "di archivi". Archivi compressi sono archivi (nel senso di file) che in quanto compressi sono ridotti ad un solo archivio (nel senso di archive). Tuttalpiú farà parte dei pluralia tantum, ma non mi sembra un dramma.
Tornando a microprogramma, direi che va bene se è registrato dall'Hazon perché già in uso (rinforzato dal francese), altrimenti sarebbe meglio a parer mio puntare su permaprogramma, che è abbastanza trasparente, e non rischia di far pensare solo a un "programma (nel senso di eseguibile) piccolo"...
Ultima modifica di Federico in data lun, 20 mar 2006 2:43, modificato 1 volta in totale.

Avatara utente
Marco1971
Moderatore
Interventi: 9427
Iscritto in data: gio, 04 nov 2004 13:37

Intervento di Marco1971 » dom, 19 mar 2006 21:51

L'EuroDicAutom riporta anche la traduzione microprogramma, dal «Ginguay, Diz di Informatica».

Avatara utente
Federico
Interventi: 3008
Iscritto in data: mer, 19 ott 2005 16:04
Località: Milano

Intervento di Federico » dom, 19 mar 2006 22:38

Hmm, se non ho capito male si tratta di un dizionario francese (vecchiotto) tradotto anche in italiano e spagnolo.
Be', comunque si può supporre che microprogramma sia abbastanza penetrato nel gergo, per cui forse è la soluzione migliore.

Avatara utente
Marco1971
Moderatore
Interventi: 9427
Iscritto in data: gio, 04 nov 2004 13:37

Intervento di Marco1971 » dom, 19 mar 2006 22:55

E infatti si trova anche s’un sito IBM:
È possibile installare, aggiornare e gestire il microprogramma (denominato anche codice macchina o firmware) per i sistemi pSeries e RS/6000 e i relativi dispositivi e adattatori I/E mediante i nuovi strumenti software e i servizi già esistenti. Gli strumenti e i servizi già esistenti di seguito riportati riaffermano e sostengono il concetto di microprogramma gestito dal cliente, che pone in risalto la responsabilità dell'utente nella gestione degli aggiornamenti al microprogramma.

fabbe
Interventi: 454
Iscritto in data: mar, 26 apr 2005 20:57

Intervento di fabbe » dom, 19 mar 2006 23:24

Rimango perplesso su "archivio" specialmente sugli effetti sull'archivio nel senso tradizionale e sul verbo archiviare entrambi usatissimi con il senso tradizionale.

Non so, io ritengo che per "file" dovremmo spingerci con qualche cosa di più ardito.

In ogni modo sosterrò quello che il forum deciderà.

Desideravo solo esprimere le mie perplessità nate dalla sperimentazione empirica di "archivio" in vece di "file".

fabbe
Interventi: 454
Iscritto in data: mar, 26 apr 2005 20:57

Intervento di fabbe » lun, 20 mar 2006 11:12

ecco una lista di termini da tradurre secondo me (a parte file)

Hardware: strumentario
Software: Programmario
Firmware: Microprogramma
Folder: cartella
Directory: indice
Browser: navigatore
mouse: topo/ topino ? anche qui dovremmo avere un termine
Scanner.?

DOWNLOAD
il Download: Lo scaricamento
Tutti i download: tutti gli scaricabili
fare il download: scaricare

UPLOAD
Upload: Inviare
Tutti gli upload: tutti gli invii
Upload: invio

Commenti?

Avatara utente
Infarinato
Amministratore
Interventi: 3573
Iscritto in data: gio, 04 nov 2004 11:40
Info contatto:

Intervento di Infarinato » lun, 20 mar 2006 11:34

fabbe ha scritto:Commenti?
Hardware: strumentario; apparecchiatura; macchina
Software: Programmario; programma/-i
Firmware: Microprogramma/-rio
Folder: cartella
Directory: indice
Browser: navigatore
mouse: topolino (meno «marcato»)
Scanner: scanditore (anche *scansionatore può al limite andare)

[…]

UPLOAD
Upload: caricare (per uniformità con scaricare e perché invio è troppo generico: può valere post, submit, etc.)
Tutti gli upload: tutti i caricamenti (effettuati/da effettuarsi)
Upload: caricamento

Avatara utente
Infarinato
Amministratore
Interventi: 3573
Iscritto in data: gio, 04 nov 2004 11:40
Info contatto:

Intervento di Infarinato » lun, 20 mar 2006 12:40

fabbe ha scritto:Rimango perplesso su "archivio" specialmente sugli effetti sull'archivio nel senso tradizionale e sul verbo archiviare entrambi usatissimi con il senso tradizionale.

Non so, io ritengo che per "file" dovremmo spingerci con qualche cosa di più ardito.
Archivio è lemmatizzato da tutti i dizionari con quel significato, e da sempre campeggia nella barra menú dei Mac (al posto di file). Ciò basti.

È sempre stata prassi condivisa di questo gruppo di lavoro che, quando un traducente è lemmatizzato, questo chiude la questione. Non siamo qui per inventare o risemantizzare vocaboli inutilmente/arbitrariamente. Certo, col senno di poi, a posteriori, «archivio» risulta una scelta non troppo felice, non perché sia una cattiva traduzione, ma perché gli anglofoni (che possono spesso attingere ai due serbatoi lessicali, germanico e latino) hanno deciso d’usare archive in una diversa, ulteriore accezione(*).

Il problema non è quindi quello d’inventarsi un nuovo traducente per file, ma di trovare un valido traducente per archive. Lo ripeto: la traduzione piú piana per me è «archivio compresso» perché (1) è quello che è e (2) ci consente di continuare a tradurre il verbo archive con «archiviare». Sennò, ci si sprema le meningi. Alcune proposte: «schedario»/«schedare», «riposto»/«riporre».

___________________

(*) Ma si provino costoro a tradurre omino, ometto, omettino, omiciattolo, omuncolo, omone, omaccio, etc. o anche solo asserpolare o gemicare. :twisted: (Per questo apprezzo particolarmente l’oculato ricorso ai diminutivi da parte della nostra Giulia…) Non c’è nulla da fare: non esiste/non può esistere corrispondenza biunivoca tra due lingue, solo equieffabilità: è quindi inevitabile il piú o meno occasionale ricorso a [callidae] iuncturae.

fabbe
Interventi: 454
Iscritto in data: mar, 26 apr 2005 20:57

Intervento di fabbe » lun, 20 mar 2006 14:34

Il senso di questo filone è quello di proporre termini tecnici chiari ed inequivocabili.

Nel linguaggio normale la questione è più semplice dato che ci sono molti modi per non usare file, software etc.

Passiamo alle osservazioni:

Programmario

Il problema di “programmario” per tradurre “software” è che “software” descrive tutto ciò che non è fisico: anche un documento, una configurazione.

Passiamo ad un esempio pratico: esistono "archivi software”. Questa frase diverrebbe quindi “archivi compressi programmari?” o “schedari programmari”?

Oggi lo tradurrei semplicemente con “archivio informatico”; ma questa frase con i significati proposti avrebbe un senso diverso perché "archivio" sta per "file".

Qui arrivo ai dubbi su archivio. Come utente Mac so bene che è il termine esatto, ma è la sua influenza su “archivio” nel senso italiano tradizionale a rappresentare per me un problema pratico.

Insomma dire “archiviare l’archivio” o “qui trovate l’archivio complesso degli archivi audio” è un modo di complicare le cose, quando già adesso (senza usare l’inglese) si può semplicemente dire “archivio di canzoni” cosa che non potrei fare con "archivio" traducente di "file".

Mi sembra che risolvendo un problema se ne creano di nuovi.

Questa è solamente la mia opinione, si capisce.

Rinnovo la mia intenzione di appoggiare le scelte del forum e quindi anche di “archivio” se scelto.

Intervieni

Chi c’è in linea

Utenti presenti in questa sezione: Bing [Bot] e 1 ospite