«Senza né testa né coda»?

Spazio di discussione su questioni di carattere sintattico

Moderatore: Cruscanti

Intervieni
Avatara utente
Luca86
Interventi: 587
Iscritto in data: gio, 25 mar 2010 15:26
Località: Brindisi

«Senza né testa né coda»?

Intervento di Luca86 »

Ieri, in una nota rete sociale le cui iniziali sono f e b, mi sono imbattuto in questa frase: Stai facendo dei discorsi senza né testa né coda. Ciò che piú mi colpisce, oltre alla sostituzione di capo con testa nella locuzione non avere né capo né coda —attribuibile, forse, a un ipercorrettismo meridionale—, è quel , nonostante nella stessa frase vi sia anche senza: al massimo si sarebbe potuto scrivere senza testa né coda.

Riporto quanto scrive il Treccani in linea al riguardo:

sènza 5. Quando si escludono due cose, la congiunzione correlativa a senza è , più raram. o: lo tennero in cella tre giorni, s. mangiare né bere; è uno strozzino, s. pietà né riguardo per nessuno (meno spesso, s. pietà o riguardo).

Stando a internet, sembrerebbe che questa «strana» costruzione non sia nuova: 715 occorrenze in Google e 7 occorenze Google libri. Voi che cosa ne pensate?
Ultima modifica di Luca86 in data mar, 14 giu 2011 2:51, modificato 3 volte in totale.
Avatara utente
Roberto Crivello
Interventi: 1685
Iscritto in data: lun, 11 apr 2005 4:37
Località: Salt Lake City, Utah
Info contatto:

Re: «Senza né testa né coda»?

Intervento di Roberto Crivello »

Luca86 ha scritto:Ieri, in una nota rete sociale le cui iniziali sono f e b...
Una curiosità: perché questa circonlocuzione per non dire Facebook?
Avatara utente
Luca86
Interventi: 587
Iscritto in data: gio, 25 mar 2010 15:26
Località: Brindisi

FT

Intervento di Luca86 »

Semplicemente perché non voglio far pubblicità a un sito che è già arcinoto.
Avatara utente
Marco1971
Moderatore
Interventi: 10116
Iscritto in data: gio, 04 nov 2004 12:37

Intervento di Marco1971 »

Il tipo senza né X né Y appartiene alla tradizione letteraria. Non ho tempo ora, essendo senza casa, di approfondire, ma la rassicuro, gentile Luca, si trova anche in Leopardi. :)
Ma quella lingua si chiama d’una patria, la quale convertisce i vocaboli ch’ella ha accattati da altri nell’uso suo, et è sí potente che i vocaboli accattati non la disordinano, ma ella disordina loro.
Avatara utente
Luca86
Interventi: 587
Iscritto in data: gio, 25 mar 2010 15:26
Località: Brindisi

Intervento di Luca86 »

Grazie, Marco. :)

Una veloce ricerca sulla BibIt ha dato questi risultati (ne riporto solo alcuni):

Poi che senza né vischio ebbe rete
anche, nella stanzuola, il ciuffolotto,
Paulo mirò la bella sua parete.
(Pascoli, Poemi italici, cap. 4)

Chi tal carco vi diè? richiese il conte:
La crosta, disse; di che siam vestiti,
E l'esser senza né cervel fronte,
Sicuri, invariabili, impietriti
Quanto il corallo ed il cristal di monte
Per durezza famosi in tutti i liti:
Questo ci fa colonne e fondamenti
Della stabilità dell'altre genti.
(Leopardi, Paralipomeni della Batracomiomachia, Canto 2.39)

Se trovassi parole che le dicessero senza né ingrossarle attenuarle (perch'una circostanza par che le aggravi, ma un'altra minutissima le fa leggiere), ve le direi tutte, sicura che non mi sprezzereste però. (Tommaseo, Fede e bellezza, Libro 6)

Per quanto riguarda non avere né testa né coda, come si deve considerare? Un'alternativa o un regionalismo?
Ultima modifica di Luca86 in data mar, 14 giu 2011 17:36, modificato 1 volta in totale.
Avatara utente
u merlu rucà
Moderatore «Dialetti»
Interventi: 1310
Iscritto in data: mar, 26 apr 2005 8:41

Intervento di u merlu rucà »

- Vorrei andarci anch’io, come padron Cipolla, a farmi ricco, aggiunse ’Ntoni.

- Lascia stare! gli disse il nonno, contento pei barilotti che vedeva nel cortile. Adesso ci abbiamo le acciughe da salare. Ma la Longa guardò il figliuolo col cuore stretto, e non disse nulla perché ogni volta che si parlava di partire le venivano davanti agli occhi quelli che non erano tornati più.

E poi soggiunse: «Né testa, né coda, ch’è meglio ventura».
I Malavoglia.

Il significato, in questo caso, sembra: il giusto mezzo. L'uso di testa è comunque giustificato dal fatto che nei dialetti siciliani si usa testa e non capo.
Avatara utente
Luca86
Interventi: 587
Iscritto in data: gio, 25 mar 2010 15:26
Località: Brindisi

Intervento di Luca86 »

u merlu rucà ha scritto:L'uso di testa è comunque giustificato dal fatto che nei dialetti siciliani si usa testa e non capo.
Quindi, si tratta d'un regionalismo meridionale?
Carnby
Interventi: 3637
Iscritto in data: ven, 25 nov 2005 18:53
Località: Empolese-Valdelsa

Intervento di Carnby »

Luca86 ha scritto:Quindi, si tratta d'un regionalismo meridionale?
Direi di no, ci sono ampie zone d'Italia dove il tipo testa prevale popolarmente sul tipo capo (e coccia, conca, ciocca ecc.). Non so però se questa prevalenza di testa è tale da alterare il detto popolare.
Intervieni

Chi c’è in linea

Utenti presenti in questa sezione: Nessuno e 1 ospite