Un «insulto» al cervello

Spazio di discussione su questioni di lessico e semantica

Moderatore: Cruscanti

Intervieni
Andrea Russo
Interventi: 763
Iscritto in data: dom, 23 ott 2011 22:37

Un «insulto» al cervello

Intervento di Andrea Russo » sab, 17 dic 2011 18:37

Oggi mi sono imbattuto in questa frase:
«Quando un individuo bilingue o poliglotta subisce un insulto al cervello che colpisce le aree del linguaggio, può perdere la capacità di usare tutte le lingue che conosceva presentando lo stesso tipo di afasia in tutte le lingue (corsivo mio)».

Ora, consultando i dizionari in linea, vedo che insulto può significare «attacco improvviso (in medicina), accesso, attacco», significato riportato dal Gabrielli e dal Treccani. Però non so se sia la definizione esatta di quest'uso un po' ricercato della parola insulto. A senso la definirei una semplice lesione.

Qualcuno ha qualche informazione in più circa quest'accezione?

Avatara utente
Marco1971
Moderatore
Interventi: 9427
Iscritto in data: gio, 04 nov 2004 13:37

Intervento di Marco1971 » sab, 17 dic 2011 19:48

Posso solo aggiungere che è abbastanza antica. Il Battaglia dà come prima attestazione un’esempio di Redi:

Si può ancora pigliarne una presa ogni qual volta ritorna l’insulto delle suffocazioni uterine.

La documentazione arriva fino al Novecento:

Doveva essergli sopravvenuto qualche male, durante la notte; forse un insulto di paralisi infantile.

Si usa anche in senso figurato per «impulso violento e improvviso».
Ma quella lingua si chiama d’una patria, la quale convertisce i vocaboli ch’ella ha accattati da altri nell’uso suo, et è sí potente che i vocaboli accattati non la disordinano, ma ella disordina loro.

Intervieni

Chi c’è in linea

Utenti presenti in questa sezione: Nessuno e 1 ospite