"Un pò" è accettato?

Spazio di discussione su questioni di grafematica e ortografia

Moderatore: Cruscanti

Intervieni
Avatara utente
Daniele
Interventi: 247
Iscritto in data: dom, 16 dic 2007 0:18

"Un pò" è accettato?

Intervento di Daniele » mer, 23 mag 2012 17:25

Un mio collega mi comunica mestamente di aver trovato su un vocabolario (un'edizione recente) , per poco, con l'accento invece che con l'apostrofo. Possibile?! Consulto il vocabolario Treccani sul web e leggo: pòco (tronc. po' ‹pò›). Che significa? Che è accentato?
Un saluto a tutti.

Avatara utente
Infarinato
Amministratore
Interventi: 3622
Iscritto in data: gio, 04 nov 2004 11:40
Info contatto:

Re: "Un pò" è accettato?

Intervento di Infarinato » mer, 23 mag 2012 17:30

Daniele ha scritto:Consulto il vocabolario Treccani sul web e leggo: pòco (tronc. po' ‹pò›). Che significa? Che è accentato?
No, che si pronuncia con la o aperta [e non produce raddoppiamento fonosintattico]. ;)

Andrea Russo
Interventi: 763
Iscritto in data: dom, 23 ott 2011 22:37

Intervento di Andrea Russo » mer, 23 mag 2012 17:50

Menomale che si tratta della pronuncia... All'inizio pensavo che l'avesse trovato scritto davvero!

P.S.: sul web? :evil:

Avatara utente
Daniele
Interventi: 247
Iscritto in data: dom, 16 dic 2007 0:18

Intervento di Daniele » mer, 23 mag 2012 18:31

Ah, ma certo, è l'indicazione della pronuncia, che sciocco! Meno male… Comunque il mio collega pareva sicuro di ciò che affermava. Posso stare tranquillo? Non c'è qualche nuova edizione di un vocabolario blasonato che riporta ? Forse il mio collega è stato tratto in inganno, come me, dall'indicazione della pronuncia…
P.S.: sul web?
Sì. Sono stato un paio di minuti a pensarci, e non mi è venuta in mente una valida alternativa. Non so perché, ma in linea non mi è mai piaciuto. Forse consultando la sezione Forestierismi avrei trovato qualcosa, ma andavo di fretta… :)

Avatara utente
Marco1971
Moderatore
Interventi: 9561
Iscritto in data: gio, 04 nov 2004 13:37

Intervento di Marco1971 » mer, 23 mag 2012 18:42

Nessun dizionario ammette la grafia *. Per sul web, anglicismo innecessario, esiste l’equivalente italiano in rete. ;)
Ma quella lingua si chiama d’una patria, la quale convertisce i vocaboli ch’ella ha accattati da altri nell’uso suo, et è sí potente che i vocaboli accattati non la disordinano, ma ella disordina loro.

Avatara utente
Daniele
Interventi: 247
Iscritto in data: dom, 16 dic 2007 0:18

Intervento di Daniele » mer, 23 mag 2012 18:47

Ma certo, in rete. Chissà perché non mi è venuto in mente.
Grazie a tutti!

Carnby
Interventi: 3543
Iscritto in data: ven, 25 nov 2005 19:53
Località: Empolese-Valdelsa

Intervento di Carnby » mer, 23 mag 2012 18:59

A rigore po' è un'apocope (un'intera sillaba caduta) non un troncamento: se così fosse, l'apostrofo non ci andrebbe. Non ho ancora capito perché in un caso analogo, ovvero su fra (apocope di frate), l'apostrofo sia sconsigliato.

Avatara utente
Luca86
Interventi: 587
Iscritto in data: gio, 25 mar 2010 16:26
Località: Brindisi

Intervento di Luca86 » mer, 23 mag 2012 19:09

Daniele ha scritto:Sì. Sono stato un paio di minuti a pensarci, e non mi è venuta in mente una valida alternativa.
Caro Daniele, mi dispiace dirglielo, ma lei è affetto da una grave forma di morbus anglicus. Non disperi, si può curare: visiti Cruscate e consulti la lista dei traducenti tre volte al dì (prima o dopo i pasti).

Incominciamo subito con una piccola dose di antistaminici:

Web: rete (o con R- maiuscola per antonomasia); on(-)line: in linea/connesso; off(-)line: fuori linea/non in linea/disconnesso.

Mi contatti domani e mi dica se ci sono segni di miglioramento oppure no. :wink:

Avatara utente
Infarinato
Amministratore
Interventi: 3622
Iscritto in data: gio, 04 nov 2004 11:40
Info contatto:

Intervento di Infarinato » mer, 23 mag 2012 19:21

Carnby ha scritto:Non ho ancora capito perché in un caso analogo, ovvero su fra (apocope di frate), l'apostrofo sia sconsigliato.
Perché, al contrario di po’, fra produce raddoppiamento fonosintattico. ;)

Andrea Russo
Interventi: 763
Iscritto in data: dom, 23 ott 2011 22:37

Intervento di Andrea Russo » mer, 23 mag 2012 19:44

Daniele ha scritto:Ah, ma certo, è l'indicazione della pronuncia, che sciocco! Meno male… Comunque il mio collega pareva sicuro di ciò che affermava. Posso stare tranquillo? Non c'è qualche nuova edizione di un vocabolario blasonato che riporta ? Forse il mio collega è stato tratto in inganno, come me, dall'indicazione della pronuncia…
Chieda al suo collega di controllare: in caso fosse davvero cosí (ma non credo) gli dica di gettare il "dizionario" tra le fiamme.

Carnby
Interventi: 3543
Iscritto in data: ven, 25 nov 2005 19:53
Località: Empolese-Valdelsa

Intervento di Carnby » mer, 23 mag 2012 21:04

Infarinato ha scritto:Perché, al contrario di po’, fra produce raddoppiamento fonosintattico.
Anche mo' (a mo' di...) produce raddoppiamento fonosintattico, eppure si scrive con l'apostrofo.

Avatara utente
Infarinato
Amministratore
Interventi: 3622
Iscritto in data: gio, 04 nov 2004 11:40
Info contatto:

Intervento di Infarinato » mer, 23 mag 2012 21:10

E infatti si può scrivere anche senza apostrofo: mo’ è davvero l’unica eccezione all’altrimenti ferrea légge per la quale le parole apostrofate non producono mai raddoppiamento fonosintattico.

Avatara utente
u merlu rucà
Moderatore «Dialetti»
Interventi: 1302
Iscritto in data: mar, 26 apr 2005 8:41

Intervento di u merlu rucà » mer, 23 mag 2012 21:56

Problema dei toscani i raddoppiamenti fonosintattici :wink:.

Avatara utente
Marco1971
Moderatore
Interventi: 9561
Iscritto in data: gio, 04 nov 2004 13:37

Intervento di Marco1971 » mer, 23 mag 2012 22:30

u merlu rucà ha scritto:Problema dei toscani i raddoppiamenti fonosintattici :wink:.
Non ci pongono nessuna difficoltà. :D
Ma quella lingua si chiama d’una patria, la quale convertisce i vocaboli ch’ella ha accattati da altri nell’uso suo, et è sí potente che i vocaboli accattati non la disordinano, ma ella disordina loro.

Intervieni

Chi c’è in linea

Utenti presenti in questa sezione: Nessuno e 0 ospiti