Approccio «top-down»

Spazio di discussione su prestiti e forestierismi

Moderatore: Cruscanti

Intervieni
Avatara utente
Federico
Interventi: 3008
Iscritto in data: mer, 19 ott 2005 16:04
Località: Milano

Approccio «top-down»

Intervento di Federico » ven, 21 lug 2006 15:06

Una di quelle espressioni quasi intraducibili, che difatti non abbiamo nemmeno messo nella lista: ma oggi ho scoperto, con mia grande sorpresa, che si può dire divide et impera!
Chissà se è usato davvero.
Ultima modifica di Federico in data sab, 22 lug 2006 2:04, modificato 1 volta in totale.

Avatara utente
Marco1971
Moderatore
Interventi: 9373
Iscritto in data: gio, 04 nov 2004 13:37

Intervento di Marco1971 » ven, 21 lug 2006 15:25

E bottom up? :D

Avatara utente
Federico
Interventi: 3008
Iscritto in data: mer, 19 ott 2005 16:04
Località: Milano

Intervento di Federico » ven, 21 lug 2006 23:00

Marco1971 ha scritto:E bottom up? :D
Talvolta sembra avere banalmente il significato di dal basso. :?
Si veda ad esempio qui.

Per il significato informatico, qua lo si traduce con ascendente: ma devo dire che da queste definizioni non capisco la differenza fra bottom-up e top-down.

FedericoC
Interventi: 48
Iscritto in data: gio, 20 lug 2006 2:40
Località: Cagliari

Intervento di FedericoC » sab, 22 lug 2006 1:28

Ed ecco che arriva il rompitore di uova nel paniere :)
Il divide et impera è un metodo basato sull'approccio top down, ma non è una traduzione di top down (è la traduzione di divide and rule (conquer), o, piuttosto, il contrario).
Purtroppo l'articolo di Wikipedia è molto poco chiaro al riguardo, e sembra, appunto, suggerire che divide et impera e top down siano sinonimi (diciamo la verità: la qualità di quell'articolo è scandalosa).

Così non è.

Top-down e Bottom-up sono due diverse "filosofie" (o "approcci") progettuali utilizzate nell'informatica (ma non solo).

Top-down vuol dire considerare inizialmente il sistema nella sua globalità, senza curarsi dei dettagli, per raffinare via via le singole parti fino ad arrivare al risultato finale.

Bottom-up, al contrario, significa definire con precisione i singoli componenti del sistema e curarsi dopo delle loro relazioni, connettendo via via le varie parti realizzate fino a giungere al risultato finale.

Al giorno d'oggi all'interno di uno stesso progetto convivono solitamente metodologie top-down e bottom-up.

Credo che, effettivamente, discendente e ascendente siano due traducenti plausibili di questi termini.

P.S.: se vi può essere di conforto, sappiate che la locuzione divide et impera è molto diffusa e comunemente usata, sicuramente molto più di "divide and rule/conquer".
Ultima modifica di FedericoC in data sab, 22 lug 2006 4:14, modificato 2 volte in totale.

FedericoC
Interventi: 48
Iscritto in data: gio, 20 lug 2006 2:40
Località: Cagliari

Intervento di FedericoC » sab, 22 lug 2006 1:37

Probabilmente il significato dei due termini è più chiaro se si prende in considerazione il modello d'astrazione classico considerato nell'informatica.

Questo modello, che potremmo immaginare visualmente come un grattacielo, pone in basso le parti di un sistema più vicine alla macchina: nella posizione infima troviamo il livello dei componenti elettronici. Poco più in alto sta il "linguaggio macchina", fatto di zero e uno, ancora sopra i linguaggi di programmazione detti -appunto- "ad alto livello" (C, Cobol, Pascal...), al piano successivo i linguaggi di ultima generazione, ad "altissimo livello" (Python, Delphi), poi le applicazioni, e così via fino ad arrivare al clicco del mouse che è la cosa più vicina all'uomo ma più lontana dalla macchina (ovvero è l'operazione con maggior livello di astrazione).

Quindi: in basso i dettagli, la macchina, il particolare; in alto la visione complessiva, il sistema, l'uomo.

Avatara utente
Federico
Interventi: 3008
Iscritto in data: mer, 19 ott 2005 16:04
Località: Milano

Intervento di Federico » sab, 22 lug 2006 2:12

FedericoC ha scritto:Ed ecco che arriva il rompitore di uova nel paniere :)
Evviva! :)

Dalla sua definizione è anche piú chiaro l'uso politico, che comunque mi sembra decisamente pretestuoso.

FedericoC
Interventi: 48
Iscritto in data: gio, 20 lug 2006 2:40
Località: Cagliari

Intervento di FedericoC » sab, 22 lug 2006 10:57

Dalla sua definizione è anche piú chiaro l'uso politico, che comunque mi sembra decisamente pretestuoso.
Aveva qualche dubbio al riguardo? :D

Avatara utente
Federico
Interventi: 3008
Iscritto in data: mer, 19 ott 2005 16:04
Località: Milano

Intervento di Federico » sab, 22 lug 2006 11:10

FedericoC ha scritto:
Dalla sua definizione è anche piú chiaro l'uso politico, che comunque mi sembra decisamente pretestuoso.
Aveva qualche dubbio al riguardo? :D
Diciamo che in genere un appiglio deve pur esserci; e comunque non si può semplicemente liquidare chi usa certi anglicismi rinunciando a capire perché si comporta cosí e anzi convincendosi che non c'è nulla da capire, come si farebbe con una bestia.

fabbe
Interventi: 454
Iscritto in data: mar, 26 apr 2005 20:57

Intervento di fabbe » sab, 22 lug 2006 11:40

Come potrebbero essere traducibili questi concetti con terminologie italiane?

Avatara utente
Federico
Interventi: 3008
Iscritto in data: mer, 19 ott 2005 16:04
Località: Milano

Intervento di Federico » sab, 22 lug 2006 12:07

fabbe ha scritto:Come potrebbero essere traducibili questi concetti con terminologie italiane?
Immagino che l'unica possibilità sia trovare, piú che un vero e proprio traducente, una definizione di due o tre parole (anche se nel contesto politico dall'alto e dal basso sono perfetti).

Intervieni