«Accettazione»

Spazio di discussione su prestiti e forestierismi

Moderatore: Cruscanti

Avatara utente
Marco1971
Moderatore
Interventi: 9547
Iscritto in data: gio, 04 nov 2004 13:37

«Accettazione»

Intervento di Marco1971 » dom, 03 set 2006 5:42

Ho visto per televisione, in un aeroporto italiano, la scritta ACCETTAZIONE / CHECK-IN (non ricordo se l’inglese preceda o segua). Nei dizionari da me consultati, anche recenti, non è registrato il termine accettazione col preciso significato di check-in (né ci sono rimandi). O come? Che vuol dire? I dizionari non fotografano piú l’uso cosí com’è? O sono proprio essi a favorire l’espandersi della corrotta italianità, suggellando d’una fantomatica autorità inani anglicismi? :roll:

pocoyo
Interventi: 151
Iscritto in data: mer, 07 giu 2006 16:51

Intervento di pocoyo » dom, 03 set 2006 10:52

L'Hazon Garzanti riporta registrarsi alla voce check-in come "registrarsi all'aeroporto" e allato "registrarsi in un albergo" ma nessuna delle due compare nel De Mauro in linea o nel Dizionario d'italiano che posseggo (Zanichelli). Accettazione compare solo nel significato ordinario.

In effetti è un termine (italiano o inglese che sia) che [dovrebbe] è[ssere] ormai entrato a far parte del linguaggio quotidiano e che neologismo comincia a non essere più.

Io personalmente preferisco accettazione a registrazione.

Avatara utente
Marco1971
Moderatore
Interventi: 9547
Iscritto in data: gio, 04 nov 2004 13:37

Intervento di Marco1971 » dom, 03 set 2006 18:34

Ho segnalato quest’accezione a De Mauro e Garzanti.

Avatara utente
Federico
Interventi: 3008
Iscritto in data: mer, 19 ott 2005 16:04
Località: Milano

Intervento di Federico » mar, 05 set 2006 22:58

Ma Marco, mi stupisce che non capisca: i vocabolari servono per apprendere il significato di parole che non si conoscono: chi li comprerebbe se contenessero solo parole comprensibili e note a tutti? A che serve aggiungere il cristallino accettazione, di cui tutti possono facilmente comprendere il significato senza bisogno del vocabolario? Invece registrare check-in ha un senso, proprio perché in quanto non italiano e meno comprensibile è necessario che sia spiegato.
Ultima modifica di Federico in data mer, 06 set 2006 17:32, modificato 1 volta in totale.

Avatara utente
Marco1971
Moderatore
Interventi: 9547
Iscritto in data: gio, 04 nov 2004 13:37

Intervento di Marco1971 » mer, 06 set 2006 3:38

Non so cosa abbia bevuto stasera Federico (che scrive anche in maniera meno sorvegliata del solito, del che mi dispiaccio)...

Quindi, seguendo il suo crèdo, il dizionario dovrebbe registrare solo le parole (e accezioni di parole) ignote alla massa? E allora, togliamo essere, avere, fare, mano, piede, occhio, tanto tutti ne conoscono tutti i significati... Ma, ovviamente, io non capisco...

Avatara utente
Federico
Interventi: 3008
Iscritto in data: mer, 19 ott 2005 16:04
Località: Milano

Intervento di Federico » mer, 06 set 2006 17:31

Scusate, pensavo che l'ironia fosse evidente.

Avatara utente
Marco1971
Moderatore
Interventi: 9547
Iscritto in data: gio, 04 nov 2004 13:37

Intervento di Marco1971 » mer, 06 set 2006 18:15

Ho ricevuto una risposta dalla Redazione del De Mauro (sorry: dall’editorial office) in cui mi si dice che l’italiano, rispetto alle altre lingue neolatine, è piú anglofilo e che accettazione, in questo senso, è occasionale, sicché non appare necessario registrarlo in quest’accezione. :shock: Ho replicato cosí (ometto la frase d’apertura e di chiusura):
Il lessicografo, stando all’introduzione al Grande Dizionario Italiano dell’Uso (GRADIT) scritta da Tullio De Mauro, ha il compito di registrare l’uso, e questo è lapalissiano. Ma l’uso è vario e spazia dal comunissimo al tecnicissimo e al rarissimo. Se un’opera, appunto, come il GRADIT accoglie of course (si veda il supplemento, Nuove Parole Italiane dell’Uso), syndet e worldering, a tacer di molti altri, che sono d’uso occasionalissimo, è lecito domandarsi perché non accolga la tecnicizzazione d’un termine italiano che potrebbe, in futuro, sostituire l’anglicismo (o, almeno, convivere con esso). Il termine accettazione nel senso di check-in campeggia a grandi lettere sui cartelli aeroportuali e Google ne fornisce molti esempi (“banco di accettazione”, per esempio, dà 2190 occorrenze). Non so se questi due fatti coincidano con la definizione di “uso occasionale”, né se sia l’italiano a essere anglofilo o non piuttosto i lessicografi italiani.

Avatara utente
Federico
Interventi: 3008
Iscritto in data: mer, 19 ott 2005 16:04
Località: Milano

Intervento di Federico » mer, 06 set 2006 18:25

Bene, sono curioso di vedere la risposta.
Se anche fosse solo occasionale, non vedo perché mai non dovrebbe essere registrato: è evidente che si tratta di un giudizio di valore, non di merito; ma che non si scarichi questo giudizio su questa (presunta) maggiore anglofilia dell'italiano.

E poi non capisco perché questo uso non possa essere considerato una sotto-accezione della 1 (o 3):
De Mauro ha scritto:1 ricevimento, accoglimento: ufficio di a. delle domande; a. di un incarico | ammissione di una persona in un ordine religioso, associazione o gruppo | approvazione, consenso
2 sopportazione, rassegnazione
3 locale, ufficio in cui vengono accettate pratiche, ricevuti visitatori, clienti, malati, ecc.
4 TS dir., atto con cui si accetta un rapporto obbligazionario: a. di una donazione, di una cambiale
5 TS dir.intern., atto con cui un governo riconosce un ambasciatore o un diplomatico di un altro stato

Avatara utente
Marco1971
Moderatore
Interventi: 9547
Iscritto in data: gio, 04 nov 2004 13:37

Intervento di Marco1971 » mer, 06 set 2006 18:35

Infatti. Concordo. Quanto a una risposta da parte della Redazione, non ci spero neanche.

Avatara utente
Federico
Interventi: 3008
Iscritto in data: mer, 19 ott 2005 16:04
Località: Milano

Intervento di Federico » mer, 06 set 2006 23:31

Marco1971 ha scritto:Infatti. Concordo. Quanto a una risposta da parte della Redazione, non ci spero neanche.
Cioè pensa che piuttosto che rischiare di farsi convincere preferiranno ignorarla? Sono tanto prevenuti?
Eppure è un'accezione tanto naturale e semplice...

Non so se serva appellarsi alla concorrenza, ma ad esempio nel Treccani leggo, sotto l'accezione 1,
sala di accettazione (dei malati all'ospedale, dei bagagli alla stazione):
non vedo perché non si potrebbe sostituire alla sala un banco o uno sportello per poi giungere a una forma ellittica, né perché non si possa sottintendere che nell'accoglimento dei bagagli questi vengano controllati, ad esempio.

Avatara utente
Marco1971
Moderatore
Interventi: 9547
Iscritto in data: gio, 04 nov 2004 13:37

Intervento di Marco1971 » gio, 07 set 2006 17:47

Inusitata maraviglia: la risposta giunse! :D In sostanza, mi si replica, accettazione sarebbe un iperonimo di check-in... A me sembra un’arrampicata sugli specchi. ;)

Avatara utente
Incarcato
Interventi: 900
Iscritto in data: lun, 08 nov 2004 13:29

Intervento di Incarcato » gio, 07 set 2006 17:48

Anche a me. Mancano d'umiltà scientifica.

Avatara utente
Federico
Interventi: 3008
Iscritto in data: mer, 19 ott 2005 16:04
Località: Milano

Intervento di Federico » gio, 07 set 2006 22:21

Marco1971 ha scritto:In sostanza, mi si replica, accettazione sarebbe un iperonimo di check-in...
In ogni caso ne consegue che esiste in questa accezione, che quindi andrebbe (o comunque può) essere registrata.
Comunque la classificazione come iperonimo non è tanto assurda, se si considera che il check-in è solo quello dell'aeroporto; sta di fatto che non c'è possibilità di confusione una volta determinato il contesto, perciò piú che di iperonimo parlerei di termine che può riferirsi a vari oggetti (senza differenze sostanziali) in diversi contesti.

Avatara utente
Infarinato
Amministratore
Interventi: 3599
Iscritto in data: gio, 04 nov 2004 11:40
Info contatto:

Intervento di Infarinato » mar, 29 gen 2019 17:50

Immagine

Avatara utente
Roberto Crivello
Interventi: 1626
Iscritto in data: lun, 11 apr 2005 4:37
Località: Salt Lake City, Utah
Info contatto:

Intervento di Roberto Crivello » mer, 30 gen 2019 18:31

Marco1971 ha scritto:Inusitata maraviglia: la risposta giunse! :D In sostanza, mi si replica, accettazione sarebbe un iperonimo di check-in... A me sembra un’arrampicata sugli specchi. ;)
Mi sembra che non sia tanto sbagliata questa considerazione sull'iperonimo. Il Devoto-Oli 2017 dice per accettazione:
Presa in consegna (per lo più nel linguaggio giuridico e amministrativo): a. di bagagli; a. di merci; sala di a. dei telegrammi; estens., l’ufficio dove si accolgono domande per comunicazioni telefoniche o telegrafiche, ricoveri ospedalieri e simili
…e se si accettano i bagagli, si possono anche accettare le persone, giusto?

Intervieni

Chi c’è in linea

Utenti presenti in questa sezione: Nessuno e 1 ospite