Laurea ad honorem e laurea honoris causa

Spazio di discussione su questioni di lessico e semantica

Moderatore: Cruscanti

Intervieni
Prisca
Interventi: 10
Iscritto in data: gio, 29 mar 2007 14:31

Laurea ad honorem e laurea honoris causa

Intervento di Prisca »

Sento usare indiscriminatamente entrambi i termini per indicare la medesima cosa, ovvero un riconoscimento di cui si è insigniti per meriti particolari pur senza aver frequentato un corso di studi. Ora, mi sorge un dubbio: ma la laurea ad honorem non si riceve solo dopo la morte? Wikipedia effettivamente mi dà ragione, ma non so quanto la fonte sia autorevole...potreste illuminarmi?

PS: Spero di aver azzeccato la sezione giusta. :wink:

Uri Burton
Interventi: 235
Iscritto in data: mar, 28 dic 2004 6:54

Re: Laurea ad honorem e laurea honoris causa

Intervento di Uri Burton »

Prisca ha scritto:Sento usare indiscriminatamente entrambi i termini per indicare la medesima cosa, ovvero un riconoscimento di cui si è insigniti per meriti particolari pur senza aver frequentato un corso di studi. Ora, mi sorge un dubbio: ma la laurea ad honorem non si riceve solo dopo la morte? Wikipedia effettivamente mi dà ragione, ma non so quanto la fonte sia autorevole...potreste illuminarmi?
Credo che Wikipedia abbia ragione, anche se di fatto le due espressioni vengono considerate sinonimi. Ciò che so per certo – e glielo dico come curiosità – è che nel mondo anglosassone il titolare d’un dottorato honoris causa che si chiamare dottore commette una «birbonata». Dall’accusa non si salvò neanche il lessicografo Samuel Johnson, autore del primo dizionario dell’uso. Penso che in Italia le gente sia più disinvolta. L’ultima volta che mi sono fatto fare la barba a Roma il barbiere, per il quale potevo pure essere un analfabeta, a un certo punto mi sussurrò: Famo la creta, dottó?
Uri Burton

Avatara utente
bubu7
Interventi: 1454
Iscritto in data: gio, 01 dic 2005 14:53
Località: Roma
Info contatto:

Intervento di bubu7 »

Wikipedia ha sicuramente torto. :)

Ad honorem e honoris causa sono due locuzioni che hanno lo stesso significato. E non si riferiscono a titoli conferiti dopo la morte.
Tutto questo si desume dalle seguenti autorevoli fonti lessicografiche: GRADIT, Treccani, DISC, Devoto-Oli 2007.
La lingua è un guado attraverso il fiume del tempo. Essa ci conduce alla dimora dei nostri antenati.
V. M. Illič-Svitič

Prisca
Interventi: 10
Iscritto in data: gio, 29 mar 2007 14:31

Intervento di Prisca »

Beh, chissà allora dove l'avevo sentito! Comunque grazie infinite per la delucidazione.

Avatara utente
bubu7
Interventi: 1454
Iscritto in data: gio, 01 dic 2005 14:53
Località: Roma
Info contatto:

Intervento di bubu7 »

Prego, cara Prisca, è stato un piacere esserle d'aiuto. :)
La lingua è un guado attraverso il fiume del tempo. Essa ci conduce alla dimora dei nostri antenati.
V. M. Illič-Svitič

Avatara utente
Federico
Interventi: 3008
Iscritto in data: mer, 19 ott 2005 16:04
Località: Milano

Intervento di Federico »

A questo punto sorge spontanea la domanda: quali sono le differenze fra le due costruzioni latine (intendo ad + accusativo e genitivo + causa), se esistono (o sono esistite)?

Andrea D'Emilio
Interventi: 132
Iscritto in data: sab, 14 mar 2009 16:40
Località: Pescara

Intervento di Andrea D'Emilio »

Mauro Magni, Dizionario degli errori, De Vecchi, Milano 1971, p. 21, consiglia di distinguere ''ad honorem'' (a onore dei morti) da ''honoris causa'' (a motivo dell'onorabilità, della fama dei vivi).
Riflettendoci, mi sembra sostenibile la distinzione. Nel primo caso si vuole onorare, nel secondo si premia chi già si è fatto onore.

Avatara utente
Federico
Interventi: 3008
Iscritto in data: mer, 19 ott 2005 16:04
Località: Milano

Intervento di Federico »

Andrea D'Emilio ha scritto:Riflettendoci, mi sembra sostenibile la distinzione.
Che però mi pare inventata dall'autore; non ha riscontro nell'uso, mi pare.

Intervieni

Chi c’è in linea

Utenti presenti in questa sezione: Nessuno e 1 ospite