Indice del forum Cruscate
Spazio di discussione sulla lingua italiana / Discussion board on the Italian language
 
 Domande ricorrentiDomande ricorrenti   Lista utentiLista utenti   Gruppi utentiGruppi utenti   RegistramiRegistrami   
 
 ProfiloProfilo   Messaggi privatiMessaggi privati   EntraEntra 

Entrarci e *c'entrare
Vai alla pagina 1, 2  successiva
 
Apri filone   Intervieni   Versione stampabile    Indice del forum -> Morfologia
Vai al filone precedente :: Vai al filone successivo  
Autore Intervento
Zefiro



Registrato: 01/09/07 22:16
Interventi: 7

InterventoInviato: sab, 01 set 2007 23:45    Oggetto: Entrarci e *c'entrare Intervieni citando

Buonasera, perdonate il concetto evocato: trovo ripugnante questa forma sempre piú diffusa.
Sbaglio? Sarebbe lecita, ad esempio, la frase *può non c'entrare nulla?
Ho già letto alcuni pareri qui ma vorrei ulteriori dettagli.
Grazie.
Torna a inizio pagina
Guarda il profilo Invia messaggio privato
Marco1971
Moderatore


Registrato: 04/11/04 12:37
Interventi: 8857

InterventoInviato: sab, 01 set 2007 23:51    Oggetto: Re: Entrarci e *c'entrare Intervieni citando

Benvenuto Zefiro! :)

La frase che lei giustamente asterisca è inaccettabile: si può dire soltanto Non può entrarci nulla (Non ci può entrar nulla, forse, si presterebbe maggiormente a equivoci...).
_________________
Ma quella lingua si chiama d’una patria, la quale convertisce i vocaboli ch’ella ha accattati da altri nell’uso suo, et è sí potente che i vocaboli accattati non la disordinano, ma ella disordina loro.
Torna a inizio pagina
Guarda il profilo Invia messaggio privato Invia messaggio di posta elettronica
Zefiro



Registrato: 01/09/07 22:16
Interventi: 7

InterventoInviato: dom, 02 set 2007 10:13    Oggetto: Re: Entrarci e *c'entrare Intervieni citando

Ottimo! Anzi... pessimo. :(

Mille grazie per il benvenuto e la conferma! Ammiccante / Wink
Torna a inizio pagina
Guarda il profilo Invia messaggio privato
Marco1971
Moderatore


Registrato: 04/11/04 12:37
Interventi: 8857

InterventoInviato: dom, 02 set 2007 14:27    Oggetto: Re: Entrarci e *c'entrare Intervieni citando

Zefiro ha scritto:
Ottimo! Anzi... pessimo. Triste / Sad

Questa poi! Sconvolto / Shocked Bisognerebbe scrivere a Repubblica, una cosa del genere è inaudita!
Zefiro ha scritto:
Mille grazie per il benvenuto e la conferma! Ammiccante / Wink

Prego. Felice / Smile
_________________
Ma quella lingua si chiama d’una patria, la quale convertisce i vocaboli ch’ella ha accattati da altri nell’uso suo, et è sí potente che i vocaboli accattati non la disordinano, ma ella disordina loro.
Torna a inizio pagina
Guarda il profilo Invia messaggio privato Invia messaggio di posta elettronica
Bue



Registrato: 08/11/04 11:20
Interventi: 859

InterventoInviato: dom, 02 set 2007 17:35    Oggetto: Re: Entrarci e *c'entrare Intervieni citando

Per par condicio...

Comunque tanto inaudita non è... Sembra anzi piuttosto audita (anzi scritta), visto che Gùgolo (pagine in italiano) dà 1200 occorrenze per "non c'entrare nulla" contro le 570 di "non entrarci nulla" e le 95 di "non entrarci per nulla".
Torna a inizio pagina
Guarda il profilo Invia messaggio privato
Marco1971
Moderatore


Registrato: 04/11/04 12:37
Interventi: 8857

InterventoInviato: dom, 02 set 2007 18:12    Oggetto: Re: Entrarci e *c'entrare Intervieni citando

Ma uno strafalcione come questo, dai giornali, non me lo sarei mai aspettato. Ecco dove ci porta l’estremo lassismo...
_________________
Ma quella lingua si chiama d’una patria, la quale convertisce i vocaboli ch’ella ha accattati da altri nell’uso suo, et è sí potente che i vocaboli accattati non la disordinano, ma ella disordina loro.
Torna a inizio pagina
Guarda il profilo Invia messaggio privato Invia messaggio di posta elettronica
Incarcato



Registrato: 08/11/04 12:29
Interventi: 900

InterventoInviato: lun, 03 set 2007 9:09    Oggetto: Re: Entrarci e *c'entrare Intervieni citando

Per essere la penna d'un giornalista, complimenti!
_________________
I' ho tanti vocabuli nella mia lingua materna, ch'io m'ho piú tosto da doler del bene intendere le cose, che del mancamento delle parole colle quali io possa bene esprimere il concetto della mente mia.
Torna a inizio pagina
Guarda il profilo Invia messaggio privato Invia messaggio di posta elettronica MSN
bubu7



Registrato: 01/12/05 14:53
Interventi: 1453
Residenza: Roma

InterventoInviato: lun, 03 set 2007 10:59    Oggetto: Re: Entrarci e *c'entrare Intervieni citando

Marco1971 ha scritto:
La frase che lei giustamente asterisca è inaccettabile: si può dire soltanto Non può entrarci nulla (Non ci può entrar nulla, forse, si presterebbe maggiormente a equivoci...).

Queste frasi però, come rivela anche la ricerca di Bue, non sono dell'uso comune (soprattutto colloquiale).
Invece quella sbagliata con c'entrare e molto diffusa.
Si tratta di una tendenza alla normalizzazione e semplificazione di una costruzione avvertita come anomala.
Entrarci, nel significato di 'avere attinenza' è usato, nella lingua comune, solo nelle forme c'entr- al punto che quel «c'» non è più avvertito nella sua funzione pronominale ma come parte integrante del verbo. Se non fosse così diffusa la scrittura si sarebbe fatto già da molto tempo un centrare, nel significato figurato di 'colpire l'obiettivo' e quindi 'avere attinenza'. E questo verbo non può avere come infinito che «centrare».
Invece di lanciare strali alla volta di questi giornalisti bisognerebbe consegnargli un attestato di benemerenza.
Quindi si tratta ancora di un errore ma nessuno scandalo, per favore! solo un esempio di come lavora la lingua.

Ah!
Benvenuto anche da parte mia, caro Zefiro. Felice / Smile
_________________
La lingua è un guado attraverso il fiume del tempo. Essa ci conduce alla dimora dei nostri antenati.
V. M. Illič-Svitič
Torna a inizio pagina
Guarda il profilo Invia messaggio privato Visita il sito personale
Infarinato
Amministratore


Registrato: 04/11/04 10:40
Interventi: 2238

InterventoInviato: lun, 03 set 2007 12:31    Oggetto: Re: Entrarci e *c'entrare Intervieni citando

bubu7 ha scritto:
Marco1971 ha scritto:
La frase che lei giustamente asterisca è inaccettabile: si può dire soltanto Non può entrarci nulla (Non ci può entrar nulla, forse, si presterebbe maggiormente a equivoci...).

Queste frasi però, come rivela anche la ricerca di Bue, non sono dell'uso comune (soprattutto colloquiale).

Forse… Ma una frase come «potrebbe non entrarci nulla», per stare all’esempio di Repubblica, dovrebbe essere comunque sufficientemente «naturale» per un giornalista professionista. Lo «scandalo» sta tutto qui.

bubu7 (grassetto mio) ha scritto:
Entrarci, nel significato di 'avere attinenza' è usato, nella lingua comune, solo nelle forme c'entr- al punto che quel «c'» non è più avvertito nella sua funzione pronominale ma come parte integrante del verbo.

Ripeto: non esageriamo.

bubu7 (grassetto mio) ha scritto:
Se non fosse così diffusa la scrittura si sarebbe fatto già da molto tempo un centrare, nel significato figurato di 'colpire l'obiettivo' e quindi 'avere attinenza'. E questo verbo non può avere come infinito che «centrare».

Questo in Toscana, ad esempio, sarebbe impossibile, data la diversa pronuncia di c’entro /'tSentro/ e centro /'tSEntro/; e nei confronti di *c’entrare si dimostra quasi piú intollerante il liberalissimo Canepàri del normativo DOP


Ultima modifica effettuata da Infarinato in data lun, 03 set 2007 12:59; modificato 1 volta in totale.
Torna a inizio pagina
Guarda il profilo Invia messaggio privato Visita il sito personale
Zefiro



Registrato: 01/09/07 22:16
Interventi: 7

InterventoInviato: lun, 03 set 2007 12:41    Oggetto: Re: Entrarci e *c'entrare Intervieni citando

Grazie bubu.

Prendo atto che nell'uso comune «c'entrare» è prevalente, ma lo apprendo dalla rete: con le mie orecchie non l'ho mai sentito. Poco convinto / Confused

Nel frattempo ho scoperto che l'autore dell'articolo è uno scrittore.
Torna a inizio pagina
Guarda il profilo Invia messaggio privato
bubu7



Registrato: 01/12/05 14:53
Interventi: 1453
Residenza: Roma

InterventoInviato: lun, 03 set 2007 12:59    Oggetto: Re: Entrarci e *c'entrare Intervieni citando

Non sono riuscito a trasmetterle, caro Infarinato, il senso del mio precedente intervento.
Volevo invitare a guardare con occhi diversi ad alcuni errori, soprattutto quando assumono una certa frequenza.
Lei sa meglio di me che questi errori spesso rappresentano la norma del futuro.
Ho cercato di applicare quanto l'esperienza del passato ci dovrebbe aver insegnato.

Le puntualizzazioni che mi fa a me sembrano marginali e sviano l'attenzione dalla lezione generale.

Potrei risponderle che la Toscana non fa più testo per la pronuncia standard, che anche il caro Canepari può avere le sue idiosincrasie e che al posto di "solo" andrebbe meglio "essenzialmente" (non c'è dubbio che anche il giornalista avrebbe potuto usare la forma corretta) ma in questo modo la seguirei in questo diversivo.
Se perfino un giornalista ha usato una forma errata in me, invece del biasimo, si risveglia l'attenzione che cerca di dare una spiegazione al fenomeno linguistico. Felice / Smile
_________________
La lingua è un guado attraverso il fiume del tempo. Essa ci conduce alla dimora dei nostri antenati.
V. M. Illič-Svitič
Torna a inizio pagina
Guarda il profilo Invia messaggio privato Visita il sito personale
Bue



Registrato: 08/11/04 11:20
Interventi: 859

InterventoInviato: lun, 03 set 2007 13:12    Oggetto: Re: Entrarci e *c'entrare Intervieni citando

Infarinato ha scritto:
Questo in Toscana, ad esempio, sarebbe impossibile…

Anche perche', ad esempio a Pisa, non dicono "non c'entra nulla ", ma " 'un c'incastra nulla".
Torna a inizio pagina
Guarda il profilo Invia messaggio privato
Infarinato
Amministratore


Registrato: 04/11/04 10:40
Interventi: 2238

InterventoInviato: lun, 03 set 2007 13:18    Oggetto: Re: Entrarci e *c'entrare Intervieni citando

bubu7 ha scritto:
Le puntualizzazioni che mi fa a me sembrano marginali e sviano l'attenzione dalla lezione generale.

Sí, però, se i suoi rilievi contengono delle affermazioni —diciamo cosí— un po’ opinabili, mi consentirà di farglielo notare, specialmente a beneficio dei nostri lettori «meno attrezzati»… Le mie puntualizzazioni saranno forse marginali per Lei e per quello che voleva dire Lei, ma non necessariamente per l’argomento di questa di discussione. ;)

bubu7 ha scritto:
Potrei risponderle che la Toscana non fa più testo per la pronuncia standard…

Vede, anche questo è esagerato (oltre a fraintendere il senso della mia osservazione, che era piuttosto: «non è cosí pacifico che ovunque in Italia la predominanza di voci di modo finito per l’espressione in oggetto comporti l’automatica selezione di c[]entrare come infinito»): la Toscana fa ancora testo per la pronuncia modello, ma con diverso peso, in una diversa ottica, e non piú da sola.

bubu7 ha scritto:
Se perfino un giornalista ha usato una forma errata in me, invece del biasimo, si risveglia l'attenzione che cerca di dare una spiegazione al fenomeno linguistico.

Ripeto: questa è la sua reazione, che merita rispetto come quella di chiunque altro, ma non è la reazione che deve necessariamente avere chiunque.
Torna a inizio pagina
Guarda il profilo Invia messaggio privato Visita il sito personale
bubu7



Registrato: 01/12/05 14:53
Interventi: 1453
Residenza: Roma

InterventoInviato: lun, 03 set 2007 14:14    Oggetto: Re: Entrarci e *c'entrare Intervieni citando

Infarinato ha scritto:
bubu7 ha scritto:
Le puntualizzazioni che mi fa a me sembrano marginali e sviano l'attenzione dalla lezione generale.

Sí, però, se i suoi rilievi contengono delle affermazioni —diciamo cosí— un po’ opinabili, mi consentirà di farglielo notare, specialmente a beneficio dei nostri lettori «meno attrezzati»… Le mie puntualizzazioni saranno forse marginali per Lei e per quello che voleva dire Lei, ma non necessariamente per l’argomento di questa di discussione. Ammiccante / Wink

Ma certo, caro Infarinato, puntualizzi pure. Le sue annotazioni non possono che farmi piacere anche se spesso esprimono, in un linguaggio più sorvegliato, quanto sto dicendo in un tono rilassato.
Le esprimevo il mio rammarico perché avrei avuto piacere di leggere le sue riflessioni sulla prospettiva diversa nella quale impostavo il problema invece di leggere i suoi appunti su particolari che sa bene che condivido in linea di massima.

Partivo semplicemente dalla costatazione che la forma errata ha una certa diffusione e cercavo di spiegarne i motivi invece di limitarmi a osservare che si tratta di una forma errata. Tutto qui. Felice / Smile
_________________
La lingua è un guado attraverso il fiume del tempo. Essa ci conduce alla dimora dei nostri antenati.
V. M. Illič-Svitič
Torna a inizio pagina
Guarda il profilo Invia messaggio privato Visita il sito personale
Marco1971
Moderatore


Registrato: 04/11/04 12:37
Interventi: 8857

InterventoInviato: lun, 03 set 2007 14:59    Oggetto: Re: Entrarci e *c'entrare Intervieni citando

bubu7 ha scritto:
Partivo semplicemente dalla costatazione che la forma errata ha una certa diffusione e cercavo di spiegarne i motivi invece di limitarmi a osservare che si tratta di una forma errata. Tutto qui. Felice / Smile

Fa bene a dirlo chiaramente, perché si ha talvolta l’impressione che appena c’è in atto un cambiamento linguistico lei lo voglia incoraggiare a ogni costo. È rassicurante sapere che non è cosí.
_________________
Ma quella lingua si chiama d’una patria, la quale convertisce i vocaboli ch’ella ha accattati da altri nell’uso suo, et è sí potente che i vocaboli accattati non la disordinano, ma ella disordina loro.
Torna a inizio pagina
Guarda il profilo Invia messaggio privato Invia messaggio di posta elettronica
Mostra gli interventi di:   
Apri filone   Intervieni   Versione stampabile    Indice del forum -> Morfologia Tutte le ore sono relative al GMT + 1 ora
Vai alla pagina 1, 2  successiva
Pagina 1 di 2

 
Vai a:  
Non puoi aprire nuovi filoni
Non puoi intervenire in nessun filone
Non puoi modificare i tuoi interventi
Non puoi cancellare i tuoi interventi
Non puoi votare nei sondaggi


Con tecnologia phpBB © 2001, 2005 phpBB Group
Traduzione italiana a cura della Società dei Cruscanti
Protetto da Anti-Spam ACP