Le regole grammaticali e i vocabolari, ovvero di «ciliegie» e «ciliege»

Spazio di discussione su questioni di carattere morfologico

Moderatore: Cruscanti

Chiuso
Fausto Raso
Interventi: 1683
Iscritto in data: mar, 19 set 2006 15:25

Le regole grammaticali e i vocabolari, ovvero di «ciliegie» e «ciliege»

Intervento di Fausto Raso »

A che cosa servono le regole se poi i vocabolari "fanno come gli pare"? E mi spiego.
Una norma grammaticale stabilisce che nel plurale i nomi in "-gia" (e "-cia") conservano la "i" se la consonante "g" (e "c") è preceduta da una vocale: ciliegia / ciliegie; valigia / valigie; cupidigia / cupidigie. Perdono la "i" quando la consonante "g" (o "c") è doppia o è preceduta da un'altra consonante: frangia / frange; reggia / regge.
I vocabolari consultati (Devoto-Oli, DOP, Gabrielli, Garzanti, Treccani, Zingarelli, Sabatini Coletti), invece, "fanno come gli pare", consentono entrambi i plurali: "-gie" e "-ge" (valige e valigie; ciliege e ciliegie). Il De Mauro e il Palazzi non registrando il plurale lasciano intendere, quindi, che i sostantivi suddetti formano il plurale secondo la regola grammaticale (e personalmente li seguo). A questo punto - anche se consiglio agli amanti del bel parlare e del bello scrivere di attenersi, per la formazione del plurale, tassativamente alla regola grammaticale - mi domando perché i "sacri testi" continuano/continuino a "propinarci" tale norma.
«Nostra lingua, un giorno tanto in pregio, è ridotta ormai un bastardume» (Carlo Gozzi)
«Musa, tu che sei grande e potente, dall'alto della tua magniloquenza non ci indurre in marronate ma liberaci dalle parole errate»
Avatara utente
Infarinato
Amministratore
Interventi: 3771
Iscritto in data: gio, 04 nov 2004 10:40
Info contatto:

Re: Le regole grammaticali e i vocabolari, ovvero di «ciliegie» e «ciliege»

Intervento di Infarinato »

Fausto Raso ha scritto: sab, 15 feb 2020 18:45 A che cosa servono le regole se poi i vocabolari "fanno come gli pare"?
Di norma, come Lei ben sa, caro Fausto, servono semplicemente a codificare l’uso [cólto] contemporaneo, ma in questo caso i dizionari non possono proprio esimersi dal registrare entrambe le varianti. ;)
codino94
Interventi: 61
Iscritto in data: sab, 02 mag 2020 12:10
Località: Napoli

Re: Le regole grammaticali e i vocabolari, ovvero di «ciliegie» e «ciliege»

Intervento di codino94 »

Io prenderei come riferimento i vocaboli càmice e camìcie. Quindi, poiché invece non esiste vàlige, direi che valigie e valige si equivalgono, e idem vale per ciliegie e ciliege.
Avatara utente
Marco1971
Moderatore
Interventi: 10074
Iscritto in data: gio, 04 nov 2004 12:37

Re: Le regole grammaticali e i vocabolari, ovvero di «ciliegie» e «ciliege»

Intervento di Marco1971 »

Non si può prendere come «riferimento» una coppia di parole per definire le regole della grafia di tutte le altre parole con la stessa terminazione. Ci sono ragioni storiche che spiegano queste oscillazioni, e chi è interessato a conoscerle può leggere il rimando d’Infarinato qui sopra o cliccare direttamente qui.
Ma quella lingua si chiama d’una patria, la quale convertisce i vocaboli ch’ella ha accattati da altri nell’uso suo, et è sí potente che i vocaboli accattati non la disordinano, ma ella disordina loro.
Chiuso

Chi c’è in linea

Utenti presenti in questa sezione: Nessuno e 1 ospite