Plaudire il o al?

Spazio di discussione su questioni di carattere sintattico

Moderatore: Cruscanti

Intervieni
Fausto Raso
Interventi: 1660
Iscritto in data: mar, 19 set 2006 15:25

Plaudire il o al?

Intervento di Fausto Raso » gio, 24 apr 2008 0:57

“PDL e PD plaudono il finanziamento”, cosí titolava, ieri, un quotidiano a distribuzione gratuita. Io vi ravviso un errore madornale perché il verbo “plaudire” (o plaudere) è intransitivo. Il titolo “corretto”, quindi, avrebbe dovuto recitare: “(...) plaudono al finanziamento”. La quasi totalità dei vocabolari, infatti, attestano il verbo in questione SOLO intransitivo.
«Nostra lingua, un giorno tanto in pregio, è ridotta ormai un bastardume» (Carlo Gozzi)
«Musa, tu che sei grande e potente, dall'alto della tua magniloquenza non ci indurre in marronate ma liberaci dalle parole errate»

Avatara utente
Marco1971
Moderatore
Interventi: 9561
Iscritto in data: gio, 04 nov 2004 13:37

Intervento di Marco1971 » gio, 24 apr 2008 1:07

Ci sono alcune attestazioni di plaudire/plàudere transitivo, ma son con lei: la miglior tradizione ha la preposizione a.
Ma quella lingua si chiama d’una patria, la quale convertisce i vocaboli ch’ella ha accattati da altri nell’uso suo, et è sí potente che i vocaboli accattati non la disordinano, ma ella disordina loro.

Avatara utente
Incarcato
Interventi: 900
Iscritto in data: lun, 08 nov 2004 13:29

Intervento di Incarcato » gio, 24 apr 2008 10:14

Eh sí sí, a meno che non si voglia esser poeti, al al. :wink:
I' ho tanti vocabuli nella mia lingua materna, ch'io m'ho piú tosto da doler del bene intendere le cose, che del mancamento delle parole colle quali io possa bene esprimere il concetto della mente mia.

amicus_eius
Interventi: 131
Iscritto in data: ven, 10 giu 2005 11:33

Intervento di amicus_eius » dom, 19 apr 2009 12:59

Giusto un "plaudire" transitivo mi serve, per evitare di forzare, in un verso formulare dell'Iliade tradotta, una sinafia sgradevolissima nella frase "si plaudì alla parola".
Un altro esempio di un simile poetismo sintattico si ha con il verbo "ambire" nelle Laudi dannunziane ("tutto fu ambito/tutto fu tentato").

Intervieni

Chi c’è in linea

Utenti presenti in questa sezione: Google [Bot] e 1 ospite