Quali parole o espressioni del «giornalese» detestate?

Spazio di discussione su questioni di lessico e semantica

Moderatore: Cruscanti

Avatara utente
Animo Grato
Interventi: 1385
Iscritto in data: ven, 01 feb 2013 15:11

Intervento di Animo Grato »

«Ma veniamo a una notizia che sta facendo molto rumore...»
«Ed elli avea del cool fatto trombetta». Anonimo del Trecento su Miles Davis
«E non piegherò certo il mio italiano a mere (e francamente discutibili) convenienze sociali». Infarinato
«Prima l'italiano!»
Avatara utente
GFR
Interventi: 310
Iscritto in data: ven, 10 ott 2014 21:39

Intervento di GFR »

valerio_vanni ha scritto:
GFR ha scritto:Ne aggiungo un'altra che mi è particolarmente indigesta: Robberto
E' un'espressione del giornalese?
No, però gli indebiti raddoppiamenti di consonante, se mettono un po' di calore umano in una conversazione, anche formale, tra le persone, in bocca a dei professionisti della televisione mi danno fastidio.
Robberto è solo un esempio; non nutro nessun rancore o fastidio o altro contro i tanti Roberto in Italia. :)
valerio_vanni
Interventi: 1072
Iscritto in data: ven, 19 ott 2012 20:40
Località: Marradi (FI)

Intervento di valerio_vanni »

Non mi trovo d'accordo sul fatto che mettano un po' di calore umano.
Uno scempiamento o un raddoppio non hanno, in genere, carattere di enfasi. Sono semplicemente determinati dalla pronuncia regionale.

Nel caso specifico, si tratta di un fenomeno molto diffuso nel Centro Italia: /b/ e /dʒ/, in posizione post-vocalica, raddoppiano sempre.
In quella zona è normale così, a prescindere dall'enfasi, e il fenomeno è generalmente inconsapevole.

Piuttosto, potrebbe avere senso chiedere una pronuncia neutra ai professionisti. Ma, di fatto, ognuno tira l'acqua al suo mulino: si critica solo ciò che si sente differente dalla propria parlata.

Quindi, probabilmente, uno spettatore milanese avrà da ridire sul presentatore che dice /'sabbato/ o /radʒ'dʒone/, uno spettatore romano avrà da ridire sul presentatore milanese che dice /'bene/ o /'meteo/. Nessuno dei due avrà nulla da ridire sul proprio compaesano.
Avatara utente
Carnby
Interventi: 3823
Iscritto in data: ven, 25 nov 2005 18:53
Località: Empolese-Valdelsa

Intervento di Carnby »

valerio_vanni ha scritto:Nel caso specifico, si tratta di un fenomeno molto diffuso nel Centro Italia: /b/ e /dʒ/, in posizione post-vocalica, raddoppiano sempre.
Più precisamente dell'Italia mediana (e del Sud): infatti in Toscana (linguisticamente centrale) questo fenomeno è assente e l'esito è [b] (o [β] nel registro rustico) e [ʒ].
Ultima modifica di Carnby in data gio, 10 giu 2021 7:38, modificato 1 volta in totale.
Lizard
Interventi: 78
Iscritto in data: ven, 01 ago 2014 7:58

Intervento di Lizard »

valerio_vanni ha scritto:Piuttosto, potrebbe avere senso chiedere una pronuncia neutra ai professionisti. Ma, di fatto, ognuno tira l'acqua al suo mulino: si critica solo ciò che si sente differente dalla propria parlata.

Quindi, probabilmente, uno spettatore milanese avrà da ridire sul presentatore che dice /'sabbato/ o /radʒ'dʒone/, uno spettatore romano avrà da ridire sul presentatore milanese che dice /'bene/ o /'meteo/. Nessuno dei due avrà nulla da ridire sul proprio compaesano.
Personalmente richiederei ai professionisti della radiotelevisione una pronuncia quantomeno neutra.
Nonostante sia personalmente afflitto dalla parlata bergamasca, rimango comunque infastidito sia dalla cantilenante cadenza di alcuni giornalisti del TG regionale della mia regione (e dai vari /'bene/ o /'meteo), sia dal borgataro "...probbabbilmente il visceministro ..." del TG3 di stamane.
Se non ricordo male (forse l'ho letto proprio qui), un tempo in RAI si richiedeva una dizione (se non perfetta) almeno accettabile, ma ora proprio...
Avatara utente
GFR
Interventi: 310
Iscritto in data: ven, 10 ott 2014 21:39

Intervento di GFR »

Come settentrionale, sono afflitto dal "bene", ma non dalla pronuncia errata del "meteo" (ho controllato il DOP). Ripeto che, parlando, foss'anche con uno scienziato, non mi disturbano i suoi regionalismi come io non mi curo di correggere i miei.
Mi pare però che il raddoppiamento di consonante sia più grave, foriero di ulteriori sciagure grammaticali, inducendo a errori ortografici. (Spero non mi si accusi di fare del "leghismo" linguistico :))

Per salvarmi dal fuori tema: parole come pietre.
Ultima modifica di GFR in data ven, 21 nov 2014 23:14, modificato 1 volta in totale.
domna charola
Interventi: 1169
Iscritto in data: ven, 13 apr 2012 9:09

Intervento di domna charola »

"La problematica"... non ne posso più!!!!

L'altro giorno un mio amico mi fa "non posso raggiungerti perché c'è la problematica che sta piovendo"... mammamia!
C'è stato un tempo in cui la tivù ha insegnato agli italiani a parlare. Ora invece, questi sono i risultati!
Avatara utente
Animo Grato
Interventi: 1385
Iscritto in data: ven, 01 feb 2013 15:11

Intervento di Animo Grato »

Lizard ha scritto:Se non ricordo male (forse l'ho letto proprio qui), un tempo in RAI si richiedeva una dizione (se non perfetta) almeno accettabile, ma ora proprio...
Eh! ma quella era una visione settaria, classista, elitaria, che escludeva la "gggente"... Al che io risponderei seraficamente: «E anche se fosse?»
Ora, con tutto il rispetto per tematica e problematica, adesso che (fortunatamente!) sono diventati di uso comune, hanno perso un po' dello smalto che consentiva al prode giornalista di scintillare come un diamante in mezzo alla mota dei salotti televisivi. Ma niente paura! Ultimamente ha aggiunto al suo scrigno di meraviglie una nuova gemma: narrazione. Sinceramente, non ho capito del tutto cosa voglia dire (qualcosa come versione, vulgata) e, soprattutto, non ho capito perché - se il significato è quello che intuisco - si debba ricorrere così spesso a quest'immagine: ma riempie la bocca così bene!
Ecco qui due esempi abbastanza freschi (1 e 2: si noti anche il compiacimento con cui si pronuncia la parola), ma chi ne volesse di più recenti non ha che da sintonizzarsi su un canale qualsiasi e i suoi desideri saranno subito esauditi.
«Ed elli avea del cool fatto trombetta». Anonimo del Trecento su Miles Davis
«E non piegherò certo il mio italiano a mere (e francamente discutibili) convenienze sociali». Infarinato
«Prima l'italiano!»
valerio_vanni
Interventi: 1072
Iscritto in data: ven, 19 ott 2012 20:40
Località: Marradi (FI)

Intervento di valerio_vanni »

In questi tempi mi capita spesso di sentire, in TV, il nome "Elena" pronunciato /e'lɛna/. Mi sa che sia l'invenzione di qualche giornalista, perché una persona comune non avrebbe la fantasia per spostare un accento in quella maniera.

A meno che non sia un qualche italiano regionale a me ignoto.
In Romagna per esempio cambia la vocale, ma l'accento rimane lì: /'elena/.
Avatara utente
Carnby
Interventi: 3823
Iscritto in data: ven, 25 nov 2005 18:53
Località: Empolese-Valdelsa

Intervento di Carnby »

valerio_vanni ha scritto:In questi tempi mi capita spesso di sentire, in TV, il nome "Elena" pronunciato /e'lɛna/. Mi sa che sia l'invenzione di qualche giornalista, perché una persona comune non avrebbe la fantasia per spostare un accento in quella maniera.
Beh, se si trattasse di un nome spagnolo o portoghese, la pronuncia sarebbe corretta.
valerio_vanni
Interventi: 1072
Iscritto in data: ven, 19 ott 2012 20:40
Località: Marradi (FI)

Intervento di valerio_vanni »

Nello specifico, si trattava di Elena Ceste.
Avatara utente
Zabob
Interventi: 923
Iscritto in data: sab, 28 lug 2012 19:22

Intervento di Zabob »

L'orribile abitudine di quotidiani e settimanali d'opinione (specie nei titoli) di chiamare i governanti come si chiamerebbero le governanti: con il nome di battesimo. Se scrivere "Silvio" anziché "Berlusconi" permette di guadagnare spazio in un titolo, mi sfugge il vantaggio insito nel preferire "Matteo" a "Renzi".
Immagine
Ho l'impressione che, se nella stessa pagina è presente un titolo in cui lo stesso o anche un altro politico è citato con il suo cognome, si senta il bisogno di creare questa sorta di alternanza.
Oggi com'oggi non si sente dire dieci parole, cinque delle quali non sieno o d'oltremonte o nuove, dando un calcio alle proprie e native. (Fanfani-Arlìa, 1877)
Avatara utente
Ferdinand Bardamu
Moderatore
Interventi: 4592
Iscritto in data: mer, 21 ott 2009 14:25
Località: Legnago (Verona)

Intervento di Ferdinand Bardamu »

Zabob ha scritto:L'orribile abitudine di quotidiani e settimanali d'opinione (specie nei titoli) di chiamare i governanti come si chiamerebbero le governanti: con il nome di battesimo…
Di questo malvezzo del giornalismo italiano parla anche Michele Loporcaro, insigne linguista, in Cattive notizie.

In realtà il chiamare i politici per nome (ma non solo loro: pensi alla «piccola Yara» o a «Erika e Omar») fa parte di un piú ampio fenomeno di svecchiamento che ha coinvolto il giornalismo italiano negli ultimi quarant’anni. In tal modo si è pensato di rendere il linguaggio dei giornali piú vicino al lettore e meno chiuso in un gergo da iniziati, fatto di espressioni spesso oscure, dirette a una comunità di lettori già addentro alle questioni politiche.
domna charola
Interventi: 1169
Iscritto in data: ven, 13 apr 2012 9:09

Intervento di domna charola »

...salvo poi inciamparsi in due Matei contemporanei e opposti!!!... :roll:

Secondo me il suggerimento è partito dai politici, che, facendosi chiamare per nome, giocano a sembrare "vicini alla gente", "uno di noi".
Un po' come certi insegnanti che si fanno dare del tu dagli studenti, così quando ti danno un quattro sul registro lo accolgi col sorriso, perché in fondo "è simpatico"...
Lizard
Interventi: 78
Iscritto in data: ven, 01 ago 2014 7:58

Intervento di Lizard »

Animo Grato ha scritto:
Lizard ha scritto:Se non ricordo male (forse l'ho letto proprio qui), un tempo in RAI si richiedeva una dizione (se non perfetta) almeno accettabile, ma ora proprio...
Eh! ma quella era una visione settaria, classista, elitaria, che escludeva la "gggente"... Al che io risponderei seraficamente: «E anche se fosse?»
Già, bella probblematica
Intervieni

Chi c’è in linea

Utenti presenti in questa sezione: Nessuno e 2 ospiti