«Suonare il/al citofono»

Spazio di discussione su questioni di lessico e semantica

Moderatore: Cruscanti

Intervieni
Noctisdomina
Interventi: 308
Iscritto in data: dom, 15 set 2019 2:31

«Suonare il/al citofono»

Intervento di Noctisdomina »

Buonasera,
quale dei costrutti in oggetto - sempreché uno di essi sia ammissibile - è corretto?
Avatara utente
Marco1971
Moderatore
Interventi: 10380
Iscritto in data: gio, 04 nov 2004 12:37

Re: «Suonare il/al citofono»

Intervento di Marco1971 »

Dal punto di vista dell’uso attuale, una breve ricerca in Google Libri e nell’archivio del Corriere della Sera mostra che si dice in entrambi i modi, con una lieve prevalenza per suonare al citofono.

Certo, sembra piú logico suonare il citofono, come suonare il campanello. Ma, forse, nella coscienza di chi parla, il citofono, piú che come lo strumento stesso, potrebbe essere avvertito come il luogo in cui si stabilisce la comunicazione con l’interlocutore.

Abbiamo quindi la scelta tra l’una e l’altra forma, e la possibilità di ricorrere al verbo citofonare.
Ma quella lingua si chiama d’una patria, la quale convertisce i vocaboli ch’ella ha accattati da altri nell’uso suo, et è sí potente che i vocaboli accattati non la disordinano, ma ella disordina loro.
Avatara utente
marcocurreli
Interventi: 583
Iscritto in data: ven, 25 set 2009 22:36
Località: Cagliari

Re: «Suonare il/al citofono»

Intervento di marcocurreli »

A me sembra più logico suonare al citofono, come bussare alla porta. Chi suona, suona il campanello, e io sento squillare il citofono.
Linux registered user # 443055
Avatara utente
Marco1971
Moderatore
Interventi: 10380
Iscritto in data: gio, 04 nov 2004 12:37

Re: «Suonare il/al citofono»

Intervento di Marco1971 »

Certo, si tratta di un’analogia. Ma bussare alla porta non offre alternativa di costruzione, perché non si può «bussare la porta» (e l’operazione si fa con le nocche), mentre suonare è sia transitivo sia intransitivo. Il citofono è un dispositivo che si aziona mediante un pulsante, insomma si preme il tasto esattamente come nel caso del campanello. Per questo, dicevo, «piú logico». Ma ho ben detto che ritengo valide le due possibilità. :)
Ma quella lingua si chiama d’una patria, la quale convertisce i vocaboli ch’ella ha accattati da altri nell’uso suo, et è sí potente che i vocaboli accattati non la disordinano, ma ella disordina loro.
Intervieni

Chi c’è in linea

Utenti presenti in questa sezione: Nessuno e 1 ospite