Pronuncia leccese

Spazio di discussione su questioni di fonetica, fonologia e ortoepia

Moderatore: Cruscanti

Intervieni
Avatara utente
Zabob
Interventi: 911
Iscritto in data: sab, 28 lug 2012 19:22

Pronuncia leccese

Intervento di Zabob » gio, 25 apr 2013 16:27

Non so se anche qualcuno di voi l'abbia udito, ma più volte mi è successo di sentir taluno asserire che la più corretta pronuncia dell'italiano, dopo naturalmente i fiorentini, l'hanno i leccesi.
Ha un riscontro e una giustificazione tale affermazione?
Oggi com'oggi non si sente dire dieci parole, cinque delle quali non sieno o d'oltremonte o nuove, dando un calcio alle proprie e native. (Fanfani-Arlìa, 1877)

Carnby
Interventi: 3524
Iscritto in data: ven, 25 nov 2005 19:53
Località: Empolese-Valdelsa

Re: Pronuncia leccese

Intervento di Carnby » gio, 25 apr 2013 19:01

Zabob ha scritto:Non so se anche qualcuno di voi l'abbia udito, ma più volte mi è successo di sentir taluno asserire che la più corretta pronuncia dell'italiano, dopo naturalmente i fiorentini, l'hanno i leccesi.
Ha un riscontro e una giustificazione tale affermazione?
Si tratta per caso di questa immagine?

Immagine

Si trova in fondo ad Avviamento all'etimologia italiana di Giacomo Devoto e rappresenta l'Italia immediatamente anteriore alla diffusione del latino. La fonte è Baratta, Fraccaro, Visintin, Atlante storico, p. 15.
Da qui a dire che i salentini abbiano la seconda «miglior» pronuncia dell'italiano dopo la Toscana (qualsiasi cosa voglia dire questa affermazione: per esempio un fiorentino che parla rusticamente non ha certo una «buona pronuncia italiana») ce ne corre...

Avatara utente
u merlu rucà
Moderatore «Dialetti»
Interventi: 1302
Iscritto in data: mar, 26 apr 2005 8:41

Intervento di u merlu rucà » gio, 25 apr 2013 20:52

Si tratterebbe dell'Etrusco (Toscana) e del Messapico (Salento), lingue decisamente diverse dal latino. Mi chiedo allora come il latino si sia mescolato con il celtico dell'Italia settentrionale...

Carnby
Interventi: 3524
Iscritto in data: ven, 25 nov 2005 19:53
Località: Empolese-Valdelsa

Intervento di Carnby » gio, 25 apr 2013 22:04

u merlu rucà ha scritto:SMi chiedo allora come il latino si sia mescolato con il celtico dell'Italia settentrionale...
Ob(b)iezione legittima: probabilmente la posizione tradizionale era di considerare impossibile la contaminazione soltanto con gli idiomi non indoeuropei.

Avatara utente
Infarinato
Amministratore
Interventi: 3613
Iscritto in data: gio, 04 nov 2004 11:40
Info contatto:

Intervento di Infarinato » gio, 25 apr 2013 22:26

Ma il messapico era una lingua indoeuropea… :?

Carnby
Interventi: 3524
Iscritto in data: ven, 25 nov 2005 19:53
Località: Empolese-Valdelsa

Intervento di Carnby » gio, 25 apr 2013 22:36

Infarinato ha scritto:Ma il messapico era una lingua indoeuropea…
Forse la ritenevano più lontana strutturalmente dal latino del gallico e degli altri idiomi indoeuropei.

Avatara utente
Animo Grato
Interventi: 1376
Iscritto in data: ven, 01 feb 2013 16:11

Intervento di Animo Grato » gio, 25 apr 2013 23:48

Scusate l'ignoranza, ma qual è il nesso tra la questione sollevata da Zabob (la correttezza della pronuncia leccese dell'italiano) e la deriva che la discussione ha preso fin dalla prima risposta, con cartine sul quadro linguistico in Italia prima della diffusione del latino(!), e l'etrusco, e il messapico?

Carnby
Interventi: 3524
Iscritto in data: ven, 25 nov 2005 19:53
Località: Empolese-Valdelsa

Intervento di Carnby » gio, 25 apr 2013 23:55

Animo Grato ha scritto:Scusate l'ignoranza, ma qual è il nesso tra la questione sollevata da Zabob (la correttezza della pronuncia leccese dell'italiano) e la deriva che la discussione ha preso fin dalla prima risposta, con cartine sul quadro linguistico in Italia prima della diffusione del latino(!), e l'etrusco, e il messapico?
Era una mia ipotesi (probabilmente del tutto erronea). Mi ricordavo solo di quella cartina in proposito alla domanda posta.

Avatara utente
Marco1971
Moderatore
Interventi: 9555
Iscritto in data: gio, 04 nov 2004 13:37

Re: Pronuncia leccese

Intervento di Marco1971 » ven, 26 apr 2013 0:18

Zabob ha scritto:Ha un riscontro e una giustificazione tale affermazione?
Non è neanche un mito. È una follia. :D
Ma quella lingua si chiama d’una patria, la quale convertisce i vocaboli ch’ella ha accattati da altri nell’uso suo, et è sí potente che i vocaboli accattati non la disordinano, ma ella disordina loro.

Avatara utente
Zabob
Interventi: 911
Iscritto in data: sab, 28 lug 2012 19:22

Re: Pronuncia leccese

Intervento di Zabob » dom, 28 apr 2013 11:11

Ecco che cosa si legge a proposito di Lecce e dei leccesi nel Viaggio in Italia di Guido Piovene (scritto fra il 1953 e il 1956). Sarà di qui che è nato il "mito"?:
Guido Piovene ha scritto:È una popolazione poco meridionale, nel fisico, perché a Lecce ed in tutto il Salento sono frequenti le persone bionde di pelle asciutta e chiara, e anche nella parlata. La lingua è poco dialettale, senza accenti spiccati. Venendo da una delle terre limitrofe, con le loro parlate fortemente caratteristiche, si è improvvisamente tuffati nell'italiano puro: è come imbattersi nel mare in una polla d'acqua dolce.
Oggi com'oggi non si sente dire dieci parole, cinque delle quali non sieno o d'oltremonte o nuove, dando un calcio alle proprie e native. (Fanfani-Arlìa, 1877)

Avatara utente
u merlu rucà
Moderatore «Dialetti»
Interventi: 1302
Iscritto in data: mar, 26 apr 2005 8:41

Re: Pronuncia leccese

Intervento di u merlu rucà » dom, 28 apr 2013 12:50

Zabob ha scritto:Ecco che cosa si legge a proposito di Lecce e dei leccesi nel Viaggio in Italia di Guido Piovene (scritto fra il 1953 e il 1956). Sarà di qui che è nato il "mito"?:
Guido Piovene ha scritto:È una popolazione poco meridionale, nel fisico, perché a Lecce ed in tutto il Salento sono frequenti le persone bionde di pelle asciutta e chiara, e anche nella parlata. La lingua è poco dialettale, senza accenti spiccati. Venendo da una delle terre limitrofe, con le loro parlate fortemente caratteristiche, si è improvvisamente tuffati nell'italiano puro: è come imbattersi nel mare in una polla d'acqua dolce.
Sicuramente i dialetti salentini, con la pronuncia chiara delle vocali, possono aver dato quest'impressione a Piovene, dopo aver sentito quelli pugliesi che sono il regno dei frangimenti vocalici e delle dittongazioni più incredibili. Parlare di italiano puro, però, mi sembra un'esagerazione. Tra parentesi mi chiedo cosa intenda Piovene con lingua poco dialettale...

Carnby
Interventi: 3524
Iscritto in data: ven, 25 nov 2005 19:53
Località: Empolese-Valdelsa

Re: Pronuncia leccese

Intervento di Carnby » dom, 28 apr 2013 15:34

u merlu rucà ha scritto:Tra parentesi mi chiedo cosa intenda Piovene con lingua poco dialettale...
Nell'insieme posso dire di condividere poco o nulla di tutto quel discorso. Mi suona come «leghismo salentino».

Avatara utente
Souchou-sama
Interventi: 414
Iscritto in data: ven, 22 giu 2012 23:01
Località: Persico Dosimo

Intervento di Souchou-sama » dom, 28 apr 2013 15:38

E poi, sinceramente, mi chiedo quanto possa esser affidabile un orecchio vicentino nel giudicar il grado di «neutralità» d’una pronuncia (con tutto il rispetto per i vicentini).

valerio_vanni
Interventi: 915
Iscritto in data: ven, 19 ott 2012 20:40
Località: Marradi (FI)

Intervento di valerio_vanni » dom, 28 apr 2013 23:04

Souchou-sama ha scritto:E poi, sinceramente, mi chiedo quanto possa esser affidabile un orecchio vicentino nel giudicar il grado di «neutralità» d’una pronuncia (con tutto il rispetto per i vicentini).
Vorrei dire una cosa su questo punto: generalmente si ha difficoltà nel sentire le particolarità della propria zona mentre è facile sentire quelle delle zone molto distanti. Un vicentino dovrebbe quindi notare al volo caratteristiche meridionali.

Sull'argomento principale comunque concordo con chi dice che la cosa non abbia senso. Solo il fatto di essere una zona "a cinque vocali" non mi pare un buon punto di partenza.

Intervieni

Chi c’è in linea

Utenti presenti in questa sezione: Nessuno e 1 ospite