Dittonghi

Spazio di discussione su questioni di fonetica, fonologia e ortoepia

Moderatore: Cruscanti

Ivan92
Interventi: 1416
Iscritto in data: gio, 28 nov 2013 19:59
Località: Castelfidardo (AN)

Intervento di Ivan92 »

Ricordando le affinità e le differenze tra poeta e poetessa —entrambi trisillabi, ma mentre nel primo si ha iato, nel secondo si ha dittongo—, pongo il seguente quisito: in tortuoso si ha un iato, ergo /tortu'oso/. In tortuosità, ovviamente, l'accento non cade piú sulla o, la parola essendo tronca. Avremo quindi un dittongo (/tortuosi'ta/) o una sequenza eterofonica (/tortwosi'ta/)?

Avatara utente
Infarinato
Amministratore
Interventi: 3649
Iscritto in data: gio, 04 nov 2004 10:40
Info contatto:

Intervento di Infarinato »

Dittongo per la maggior parte dei parlanti [toscani] a ritmo lento… con la possibilità di passare a sequenza eterofonica a ritmo allegro. ;)

Ivan92
Interventi: 1416
Iscritto in data: gio, 28 nov 2013 19:59
Località: Castelfidardo (AN)

Intervento di Ivan92 »

La ringrazio. :)

Ecco, mi son sempre chiesto: la possibilità, a ritmo allegro, di passare da dittongo a sequenza eterofonica, rende di fatto ortoepica la pronuncia della parola in questione? Mi riferisco, ovviamente, a /tortwosi'ta/ e cose simili.

Avatara utente
Infarinato
Amministratore
Interventi: 3649
Iscritto in data: gio, 04 nov 2004 10:40
Info contatto:

Intervento di Infarinato »

Ivan92 ha scritto:[M]i son sempre chiesto: la possibilità, a ritmo allegro, di passare da dittongo a sequenza eterofonica, rende di fatto ortoepica la pronuncia della parola in questione?
No, fonematicamente/ortoepicamente rimane /-uo-/.

Ivan92
Interventi: 1416
Iscritto in data: gio, 28 nov 2013 19:59
Località: Castelfidardo (AN)

Intervento di Ivan92 »

Ancora mille grazie. :)

valerio_vanni
Interventi: 944
Iscritto in data: ven, 19 ott 2012 20:40
Località: Marradi (FI)

Intervento di valerio_vanni »

A ritmo lento, secondo me, c'è anche la possibilità di uno iato.
C'è una sillaba atona in mezzo che può fare da cuscinetto tra l'accento primario e il secondario.

Ivan92
Interventi: 1416
Iscritto in data: gio, 28 nov 2013 19:59
Località: Castelfidardo (AN)

Intervento di Ivan92 »

Gradirei un parere. Secondo voi, come viene pronunciata la parola affettuoso dal DOP? Contrariamente a tortuoso (tortu-oso), a me sembra che la voce dica /affet'twoso/.

Avatara utente
Ferdinand Bardamu
Moderatore
Interventi: 4197
Iscritto in data: mer, 21 ott 2009 14:25
Località: Legnago (Verona)

Intervento di Ferdinand Bardamu »

Ivan92 ha scritto:Gradirei un parere. Secondo voi, come viene pronunciata la parola affettuoso dal DOP? Contrariamente a tortuoso (tortu-oso), a me sembra che la voce dica /affet'twoso/.
Io sento una /u/ in tutt’e due le parole, anche se in affettuoso la pronuncia è leggermente piú spedita.

Ivan92
Interventi: 1416
Iscritto in data: gio, 28 nov 2013 19:59
Località: Castelfidardo (AN)

Intervento di Ivan92 »

Sí, ha ragione Lei. Proprio la pronuncia piú spedita m'aveva forviato.

Ivan92
Interventi: 1416
Iscritto in data: gio, 28 nov 2013 19:59
Località: Castelfidardo (AN)

Intervento di Ivan92 »

È stata una grande sorpresa scoprire che in grandioso è presente una sequenza eterofonica, nonostante l'abbia sempre pronunciata in questo modo. Mi sarei aspettato un iato per due ragioni: qui s'era detto che, data una sequenza di due vocali, se l'accento non cade sulla prima vocale, tale sequenza deve obbligatoriamente ripartirsi su due sillabe differenti. Ciò che accade, per esempio, a tortuoso e ad affettuoso. Oltre a questo, si aggiunga la rarità del gruppo /-dj-/, di cui s'è già abbondantemente discusso qui e ancora qui. Per quale motivo, dunque, grandioso si legge /gran'djoso/?

Avatara utente
Infarinato
Amministratore
Interventi: 3649
Iscritto in data: gio, 04 nov 2004 10:40
Info contatto:

Intervento di Infarinato »

E insidioso, odioso, radioso, tedioso etc.? ;) Mi scusi, caro Ivan: mi ero perso questo suo ultimo intervento.

Rilegga bene cosa dice il Fiorelli: egli parla di «rarità del gruppo [dj] iniziale di parola» (sottolineatura mia). ;) A parte, infatti, poche parole quali diedi/e/ero (fra l’altro con /j/ «secondario», cioè derivante da dittongazione di Ĕ latina), cui bisogna aggiungere almeno dieta (sempre —e non sarà un caso— con [ɛ] e unico [?] grecismo con prefisso διά ad aver fonologizzato il passaggio —sempre possibile a ritmo allegro— [i] → [j], ma originariamente trisillabico [anche nell’altro significato, che rappresenta invece un latinismo]), tutte le altre (perlopiú grecismi) hanno /i/.
Ivan92 ha scritto:[D]ata una sequenza di due vocali, se l'accento non cade sulla prima vocale, tale sequenza deve obbligatoriamente ripartirsi su due sillabe differenti.
Appunto: una sequenza di due vocali (= «vocoidi»)… e, a Lei, [j] le sembra una vocale? ;)

Avatara utente
Animo Grato
Interventi: 1379
Iscritto in data: ven, 01 feb 2013 15:11

Intervento di Animo Grato »

Infarinato ha scritto:[...] dieta ([...] unico [?] grecismo con prefisso διά ad aver fonologizzato il passaggio —sempre possibile a ritmo allegro— [i] → [j])
Anche diavolo, giusto?
«Ed elli avea del cool fatto trombetta». Anonimo del Trecento su Miles Davis
«E non piegherò certo il mio italiano a mere (e francamente discutibili) convenienze sociali». Infarinato
«Prima l'italiano!»

Ivan92
Interventi: 1416
Iscritto in data: gio, 28 nov 2013 19:59
Località: Castelfidardo (AN)

Intervento di Ivan92 »

Infarinato ha scritto:Mi scusi, caro Ivan: mi ero perso questo suo ultimo intervento.
Si figuri. Colgo invece l'occasione per ringraziarla. :)
Infarinato ha scritto:Appunto: una sequenza di due vocali (= «vocoidi»)… e, a Lei, [j] le sembra una vocale? ;)
Certo che no: [j] non è una vocale. Ma, appunto, cercavo di capire come mai codesta i non avesse valore vocalico, ché davo per iscontato quel che scrisse qui. Pensai: se in affettuoso abbiamo /-u'o-/, perché non abbiamo /-i'o-/ in grandioso —cosí come in insidioso, odioso, radioso, tedioso etc.—, ma /-'jo-/? Questo è il quesito che avrei voluto porre. :)
Infarinato ha scritto:A parte poche parole quali dieta (unico [?] grecismo con prefisso διά ad aver fonologizzato il passaggio —sempre possibile a ritmo allegro— → [j], ma originariamente trisillabico...

Per quale ragione è diventata bisillabica?

Carnby
Interventi: 3583
Iscritto in data: ven, 25 nov 2005 18:53
Località: Empolese-Valdelsa

Intervento di Carnby »

Ivan92 ha scritto:Per quale ragione è diventata bisillabica?
Perché di uso più comune?

Ivan92
Interventi: 1416
Iscritto in data: gio, 28 nov 2013 19:59
Località: Castelfidardo (AN)

Intervento di Ivan92 »

Carnby ha scritto:Perché di uso più comune?
Non so, anche diario è d'uso comune. Eppure abbiamo /di'arjo/.

Intervieni

Chi c’è in linea

Utenti presenti in questa sezione: Nessuno e 1 ospite