Pronuncia di «inox» e altri forestierismi uscenti in «-x»

Spazio di discussione su questioni di fonetica, fonologia e ortoepia

Moderatore: Cruscanti

Intervieni
Avatara utente
Millermann
Interventi: 770
Iscritto in data: ven, 26 giu 2015 19:21
Località: Riviera dei Cedri

Pronuncia di «inox» e altri forestierismi uscenti in «-x»

Intervento di Millermann » lun, 26 giu 2017 12:24

Ho notato che, come altri, anche i forestierismi in -x si sentono sempre piú spesso pronunciare con l'accento ritratto sulla prima vocale. Io, invece, le (rare ;)) volte in cui li uso, cerco di situarlo il piú avanti possibile.
Propongo qui alcuni esempi, per i quali riporto l'indicazione del DiPI, che ammette o, in certi casi, preferisce l'accentazione ossitona:

Telefax:ˈtɛlefaks, teleˈfaks
Relax: reˈlaks; ↓ˈrɛ-
Bisex: biˈsɛks
Unisex: ˈunisɛks, -ˈsɛks
Teletex: ˈtɛleteks, teleˈtɛ-
Juke-box: ʤubˈbɔks
Inox: ˈinoks, -ɔks

Unica eccezione, come si può notare, è inox. :?
Il Treccani dice:

ìnox [abbrev. del fr. inoxydable «inossidabile»]. Sigla, di largo uso nel linguaggio commerciale, per indicare l’acciaio inossidabile […]

Bene, se questa è un'abbreviazione esistente anche in francese (e lo è), la pronuncia piú corretta (almeno dal punto di vista etimologico) non dovrebbe essere /iˈnɔks/? E, in effetti, mi sembra di ricordare che un tempo si dicesse cosí!

Mi viene perfino il dubbio che possa esserci un errore nel DiPI, e che in realtà volesse scrivere «ˈinoks, -ˈɔks» o addirittura (meglio ancora) «ˈinoks, -ɔks. ↑-ˈɔks».
Che ne pensate? Secondo voi posso continuare a dire inòx o devo uniformarmi anch'io alla pronuncia piú diffusa?
Inoltre mi piacerebbe sapere come pronunciate voi questi termini, in particolare inox.
E magari (perché no?) anche i nomi di Asterix e Obelix (che io pronuncio pure "alla francese"). ;)
In Italia, dotta, Foro fatto dai latini

Avatara utente
Ferdinand Bardamu
Moderatore
Interventi: 4072
Iscritto in data: mer, 21 ott 2009 14:25
Località: Legnago (Verona)

Re: Pronuncia di «inox» e altri forestierismi uscenti in «-x

Intervento di Ferdinand Bardamu » lun, 26 giu 2017 13:19

Per quanto riguarda la posizione dell’accento nelle parole straniere che terminano con una consonante (o una sequenza consonantica), e la sua ritrazione nel corso del tempo per effetto di vari fattori, la rimando a un passo del saggio di Klajn riportato da Infarinato qui.

Avatara utente
Animo Grato
Interventi: 1376
Iscritto in data: ven, 01 feb 2013 16:11

Pronuncia di «inox» e altri forestierismi uscenti in «-x»

Intervento di Animo Grato » lun, 26 giu 2017 17:50

Millermann ha scritto:Mi viene perfino il dubbio che possa esserci un errore nel DiPI, e che in realtà volesse scrivere «ˈinoks, -ˈɔks» o addirittura (meglio ancora) «ˈinoks, -ɔks. ↑-ˈɔks».
Che ne pensate? Secondo voi posso continuare a dire inòx o devo uniformarmi anch'io alla pronuncia piú diffusa?
Inoltre mi piacerebbe sapere come pronunciate voi questi termini, in particolare inox.
E magari (perché no?) anche i nomi di Asterix e Obelix (che io pronuncio pure "alla francese"). ;)
Riguardo a inox, ammetto candidamente di averlo sempre pronunciato (e sentito) con l'accento sulla i. Però concordo sulla possibile svista del DiPI: il fatto che, per la seconda pronuncia, indichi la o aperta, dovrebbe portare automaticamente con sé l'accento, visto che il parlante italiano pronuncia chiuse tutte le o non accentate.
I nomi dei personaggi di Goscinny e Uderzo li ho sempre pronunciati con l'accento finale: Asterìx, Obelìx (e Panoramìx, Matusalemìx, Assuran[ce]t[o]urìx ecceterìx).
Telefax e teletex non li ho mai sentiti né usati; in compenso, ricordo un telex, con accento iniziale.
Per il resto, io dico (se devo) bisèx, unisèx, relàx, giubòx.
«Ed elli avea del cool fatto trombetta». Anonimo del Trecento su Miles Davis
«E non piegherò certo il mio italiano a mere (e francamente discutibili) convenienze sociali». Infarinato
«Prima l'italiano!»

Avatara utente
marcocurreli
Interventi: 444
Iscritto in data: ven, 25 set 2009 22:36
Località: Cagliari

Intervento di marcocurreli » mar, 27 giu 2017 13:09

Secondo me inox viene visto come abbreviazione di inossidabile e quindi viene spontaneo pronunciarlo con l'accento sulla i.

Avatara utente
Millermann
Interventi: 770
Iscritto in data: ven, 26 giu 2015 19:21
Località: Riviera dei Cedri

Intervento di Millermann » mer, 28 giu 2017 10:06

Grazie, come sempre, delle risposte. Sapete che io sono già prolisso di mio, ma questa volta, se me lo permettete, avendo compiuto due anni di "Cruscate" e visto che è il mio 500esimo intervento, :) vorrei indugiare piú del solito a commentare le vostre indicazioni:

1) Sempre interessante rileggere l'osservazione del Klajn: trovo le motivazioni citate molto convincenti. Nel caso di ínox la piú applicabile è la «reazione al ritmo francese» miglioriniana, giacché non esistono parole italiane simili a «*inoxo» da cui differenziarsi arretrando l'accento. Peraltro sono convinto che molti ritengano inglese il termine, ignorando (per una volta!) l'esistenza di stainless! ;)

2) Giusto, avevo trovato anch'io anomala l'indicazione di una «o» aperta e non accentata. Poi avevo pensato che, forse, essendo un forestierismo ci potesse anche stare. Riguardo ai simpatici «galli», vi rivelo un curioso aneddoto: la prima volta che, da ragazzo, li scoprii, per gioco li ribattezzai subito coi loro nomi italianizzati: «Astérige» e «Obélige», rifatti sul modello di Vercingetorige appena studiato a scuola! :lol:

3) Anche visto come abbreviazione di inossidabile mi viene da pronunciare inòx.
Questo perché (almeno pronunciando «acciaio inossidabile» a ritmo medio) mi capita di porre un accento secondario sulla o di «ino-», con sinalefe delle vocali «-o i-»: /aʧˈʧajoiˌnossiˈdabile/.
Dire invece /aʧˈʧajoˌinossiˈdabile/ mi suona piú forzato e artificioso.

In conclusione, adesso ho le idee un po' piú chiare: credo che continuerò a pronunciare «inòx», e se qualcuno me lo farà notare dirò che quella è la pronuncia originale francese. In fondo, non ho nulla contro il ritmo di questa lingua, che anzi è tra le mie preferite... dopo la nostra, naturalmente! ;)
In Italia, dotta, Foro fatto dai latini

valerio_vanni
Interventi: 896
Iscritto in data: ven, 19 ott 2012 20:40
Località: Marradi (FI)

Intervento di valerio_vanni » gio, 29 giu 2017 11:28

Millermann ha scritto:2) Giusto, avevo trovato anch'io anomala l'indicazione di una «o» aperta e non accentata. Poi avevo pensato che, forse, essendo un forestierismo ci potesse anche stare. Riguardo ai simpatici «galli», vi rivelo un curioso aneddoto: la prima volta che, da ragazzo, li scoprii, per gioco li ribattezzai subito coi loro nomi italianizzati: «Astérige» e «Obélige», rifatti sul modello di Vercingetorige appena studiato a scuola! :lol:
In controtendenza con la vocale incerta - aperta ;-)
Millermann ha scritto:3) Anche visto come abbreviazione di inossidabile mi viene da pronunciare inòx.
Questo perché (almeno pronunciando «acciaio inossidabile» a ritmo medio) mi capita di porre un accento secondario sulla o di «ino-», con sinalefe delle vocali «-o i-»: /aʧˈʧajoiˌnossiˈdabile/.
Dire invece /aʧˈʧajoˌinossiˈdabile/ mi suona piú forzato e artificioso.
Anche secondo me l'accento secondario ha più probabilità di stare sul «-nos-».

Carnby
Interventi: 3519
Iscritto in data: ven, 25 nov 2005 19:53
Località: Empolese-Valdelsa

Intervento di Carnby » sab, 01 lug 2017 17:31

Millermann ha scritto:«Astérige» e «Obélige», rifatti sul modello di Vercingetorige appena studiato a scuola!
Secondo il DOP Vercingetòrige e Vercingetorìge sono ugualmente accettabili, ma per gli altri antroponimi gallici è possibile solo la pronuncia piana: Ambiorìge, Boiorìge, Cingetorìge, Dumnorìge,
Orgetorige e quindi anche Asterìge e Obelìge. :)
Millermann ha scritto:In conclusione, adesso ho le idee un po' piú chiare: credo che continuerò a pronunciare «inòx», e se qualcuno me lo farà notare dirò che quella è la pronuncia originale francese. In fondo, non ho nulla contro il ritmo di questa lingua, che anzi è tra le mie preferite... dopo la nostra, naturalmente!
Non è un tratto tipicamente meridionale? Specie a Napoli ho sentito pronunce come Pàscal e Fïàt, opposte al modello toscano.

Avatara utente
Animo Grato
Interventi: 1376
Iscritto in data: ven, 01 feb 2013 16:11

Intervento di Animo Grato » sab, 01 lug 2017 19:55

Carnby ha scritto:Ambiorìge, Boiorìge, Cingetorìge, Dumnorìge, Orgetorìge
Edvìge... <3
«Ed elli avea del cool fatto trombetta». Anonimo del Trecento su Miles Davis
«E non piegherò certo il mio italiano a mere (e francamente discutibili) convenienze sociali». Infarinato
«Prima l'italiano!»

Intervieni

Chi c’è in linea

Utenti presenti in questa sezione: Nessuno e 1 ospite