«Ma»

Spazio di discussione su questioni di fonetica, fonologia e ortoepia

Moderatore: Cruscanti

Intervieni
Ivan92
Interventi: 1416
Iscritto in data: gio, 28 nov 2013 20:59
Località: Castelfidardo (AN)

«Ma»

Intervento di Ivan92 » mar, 18 set 2018 17:53

Cari amici cruscanti: quando ma è un'interiezione, perde il suo valore cogeminante o lo conserva? Credi sia possibile? Ma, non credo. In una frase del genere, a prescindere dalla probabile pausa ritmica tra ma e non, ma genera raddoppiamento?

Avatara utente
Animo Grato
Interventi: 1376
Iscritto in data: ven, 01 feb 2013 16:11

Intervento di Animo Grato » mar, 18 set 2018 20:52

Ho la netta sensazione che quella pausa non sia facoltativa; anzi, mi sembra indispensabile per capire che siamo in presenza del ma (mah) interiezione e non del ma congiunzione. La punteggiatura degli esempi del Treccani mi pare confermare questa lettura.
Quindi non credo ci sia alcuna possibilità di raddoppiamento.
Ultima modifica di Animo Grato in data mar, 18 set 2018 20:56, modificato 1 volta in totale.
«Ed elli avea del cool fatto trombetta». Anonimo del Trecento su Miles Davis
«E non piegherò certo il mio italiano a mere (e francamente discutibili) convenienze sociali». Infarinato
«Prima l'italiano!»

Avatara utente
Infarinato
Amministratore
Interventi: 3601
Iscritto in data: gio, 04 nov 2004 11:40
Info contatto:

Re: «Ma»

Intervento di Infarinato » mar, 18 set 2018 20:52

Ivan92 ha scritto:Cari amici cruscanti: quando ma è un'interiezione, perde il suo valore cogeminante o lo conserva?
Lo perde. ;)

Ivan92
Interventi: 1416
Iscritto in data: gio, 28 nov 2013 20:59
Località: Castelfidardo (AN)

Intervento di Ivan92 » mar, 18 set 2018 23:28

Grazie a entrambi! :)

Avatara utente
Francesco94
Interventi: 70
Iscritto in data: lun, 15 ott 2018 13:06
Località: Roma, Italia

Intervento di Francesco94 » dom, 21 ott 2018 9:57

Un segno di punteggiatura è richiesto per lasciar intendere che la congiunzione in questo caso ha valore di interiezione primaria (o propria), in entrambi i casi (indicando incertezza e/o scontento).

Avatara utente
Infarinato
Amministratore
Interventi: 3601
Iscritto in data: gio, 04 nov 2004 11:40
Info contatto:

Intervento di Infarinato » lun, 22 ott 2018 18:37

Francesco94 ha scritto:Un segno di punteggiatura è richiesto per lasciar intendere che la congiunzione in questo caso ha valore di interiezione primaria (o propria), in entrambi i casi (indicando incertezza e/o scontento).
A parte il fatto che, in una lingua naturale, è sempre molto rischioso cercare di stabilire una stretta corrispondenza tra grafematica e fonologia, mi spiega un po’ cosa c’entra questa sua [opinabile] osservazione col quesito di questo filone?

Pur apprezzando il giovanile entusiasmo, mi vedo costretto a farle notare che non esiste un premio per il maggior numero d’interventi scritti nel minor tempo possibile rivolto ai nuovi arrivati. Esiste invece la regola n. 8 del nostro Decalogo, cui [sommessamente] la prego di volersi attenere.

Grazie (e benvenuto). :)

Avatara utente
Francesco94
Interventi: 70
Iscritto in data: lun, 15 ott 2018 13:06
Località: Roma, Italia

Intervento di Francesco94 » lun, 22 ott 2018 23:36

Infarinato ha scritto:[M]i spiega un po’ cosa c’entra questa sua [opinabile] osservazione col quesito di questo filone?
Ho voluto solo dire che è richiesto un segno di punteggiatura come per esempio un punto esclamativo o una virgola.
Esempio: "Mah! Non credo".
Infarinato ha scritto:Pur apprezzando il giovanile entusiasmo, mi vedo costretto a farle notare che non esiste un premio per il maggior numero d’interventi scritti nel minor tempo possibile rivolto ai nuovi arrivati.
Io non ricerco né voglio nessun premio. Sto semplicemente esprimendo la mia opinione. Cosa c'è di sbagliato in questo?

Grazie del benvenuto.

Avatara utente
Infarinato
Amministratore
Interventi: 3601
Iscritto in data: gio, 04 nov 2004 11:40
Info contatto:

Intervento di Infarinato » mar, 23 ott 2018 0:21

Francesco94 ha scritto:Ho voluto solo dire che è richiesto un segno di punteggiatura come per esempio un punto esclamativo o una virgola.
Esempio: "Mah! Non credo".
Il che, però, non è necessariamente vero (dipendendo in parte dalle convenzioni tipografiche dell’editore nonché dalle scelte stilistiche personali dell’autore), quindi dire categoricamente «è richiesto» è senz’altro fuori luogo. Di piú: la cosa non aggiunge davvero nulla a quello che si era detto fino a quel momento, né ha stretta attinenza col quesito [fonologico] iniziale.
Francesco94 ha scritto:Sto semplicemente esprimendo la mia opinione. Cosa c'è di sbagliato in questo?
Che, essendo Cruscate ormai diventata (pur nel suo piccolo) una vera e propria opera di consultazione, se non si ha «qualcosa di realmente nuovo da aggiungere», è meglio astenersi dal riaprire la discussione. ;)

Intervieni

Chi c’è in linea

Utenti presenti in questa sezione: Nessuno e 1 ospite