Virgola o «e»?

Spazio di discussione su questioni di retorica e stile

Moderatore: Cruscanti

Intervieni
puer
Interventi: 255
Iscritto in data: dom, 27 gen 2013 15:35

Virgola o «e»?

Intervento di puer » gio, 12 ott 2017 16:54

E' obbligatorio chiudere un elenco con la congiunzione "e", oppure si può usare anche la virgola? Es. "Ho fatto molti lavori: giornalista, impiegato, manager, consulente", oppure "...giornalista, impiegato, manager e consulente"? Grazie.

Avatara utente
Infarinato
Amministratore
Interventi: 3633
Iscritto in data: gio, 04 nov 2004 10:40
Info contatto:

Intervento di Infarinato » ven, 13 ott 2017 1:57

Ha mai sentito parlare di asindeto? ;)

puer
Interventi: 255
Iscritto in data: dom, 27 gen 2013 15:35

Intervento di puer » ven, 13 ott 2017 9:55

Grazie. Ma come si può giustificare allora quanto sostenuto nell'enciclopedia Treccani in cui si legge:" La virgola indica uno stacco di debole intensità tra due parole o due ➔proposizioni contenute in un periodo e si usa in diversi contesti e con diverse funzioni:
– nelle enumerazioni, nelle descrizioni e negli elenchi di elementi coordinati per ➔asindeto (a eccezione dell’ultimo elemento, preceduto dalla ➔congiunzione e)"
Grazie nuovamente.

Avatara utente
Animo Grato
Interventi: 1379
Iscritto in data: ven, 01 feb 2013 15:11

Intervento di Animo Grato » ven, 13 ott 2017 13:58

Quando si vuole segnalare che l'elenco è concluso, di solito si fa precedere l'ultimo elemento dalla congiunzione e. Ma se non si vuole, non c'è nessun obbligo.
«Ed elli avea del cool fatto trombetta». Anonimo del Trecento su Miles Davis
«E non piegherò certo il mio italiano a mere (e francamente discutibili) convenienze sociali». Infarinato
«Prima l'italiano!»

Avatara utente
Roberto Crivello
Interventi: 1642
Iscritto in data: lun, 11 apr 2005 4:37
Località: Salt Lake City, Utah
Info contatto:

Intervento di Roberto Crivello » ven, 13 ott 2017 18:09

Infarinato ha scritto:Ha mai sentito parlare di asindeto? ;)
Mi chiedo se esiste o potrebbe esistere un nome per l'uso, iniziato da Carducci e poi seguito da molti (così dice Migliorini) di scrivere una sequenza enumerativa senza virgole o addirittura anche senza segni di congiunzione: un motore silenzioso regolare e potente, una storia brillante precisa compatta, Io «guardo» la parola, nella mia lingua materna o in altre lingue, per definirne significato struttura prospettive (quest'ultimo esempio da un articolo di Devoto).

Avatara utente
Marco1971
Moderatore
Interventi: 9580
Iscritto in data: gio, 04 nov 2004 12:37

Intervento di Marco1971 » sab, 14 ott 2017 0:46

Semplice giustapposizione, direi. Ma è un uso estraneo all'italiano normale, che richiede le virgole.
Ma quella lingua si chiama d’una patria, la quale convertisce i vocaboli ch’ella ha accattati da altri nell’uso suo, et è sí potente che i vocaboli accattati non la disordinano, ma ella disordina loro.

Carnby
Interventi: 3569
Iscritto in data: ven, 25 nov 2005 18:53
Località: Empolese-Valdelsa

Intervento di Carnby » sab, 14 ott 2017 14:26

In inglese è consigliata la sequenza con virgola e and per l'ultimo elemento di un’enumerazione. Non credo che in italiano quest’uso si sia mai imposto.

Avatara utente
Infarinato
Amministratore
Interventi: 3633
Iscritto in data: gio, 04 nov 2004 10:40
Info contatto:

Intervento di Infarinato » sab, 14 ott 2017 15:31

Carnby ha scritto:In inglese è consigliata la sequenza con virgola e and per l'ultimo elemento di un’enumerazione. Non credo che in italiano quest’uso si sia mai imposto.
No, infatti, ma non vedo cosa c’entri col quesito originario. :? Tanto piú che anche in inglese (soprattutto britannico) è una pratica molto controversa.

Avatara utente
Roberto Crivello
Interventi: 1642
Iscritto in data: lun, 11 apr 2005 4:37
Località: Salt Lake City, Utah
Info contatto:

Intervento di Roberto Crivello » sab, 14 ott 2017 17:21

In teoria, ha una sua utilità, indicando chiaramente quanti sono gli elementi distinti nella serie, e potrebbe applicarsi anche in italiano. Ecco quello che scrive Mortara Garavelli nel suo Prontuario di punteggiatura:
La virgola compare davanti alla e quando serve come strumento di separazione per sciogliere ambiguità di senso. Si vedano i due passi seguenti: In «Facciamo le parti: Giorgio, Ada, Ugo e Anna non è chiaro se si facciano quattro parti o tre (una per Ugo e Anna); mentre in Giorgio, Ada, Ugo, e Anna specifichiamo che si tratta di quattro parti». «La sua era una dieta particolare: a mezzogiorno carne e verdura, alla sera riso e insalata, e frutta a volontà».
Il primo esempio è di Lepschy in La lingua italiana. Storia, varietà dell'uso, grammatica (1993), il secondo è di De Palma, Non solo virgole. Sulla punteggiatura. (1996)

Avatara utente
Infarinato
Amministratore
Interventi: 3633
Iscritto in data: gio, 04 nov 2004 10:40
Info contatto:

Intervento di Infarinato » sab, 14 ott 2017 20:51

Roberto Crivello ha scritto:In teoria, ha una sua utilità, indicando chiaramente quanti sono gli elementi distinti nella serie…
Sí… basta però leggere la succitata pagina della Guichipedía inglese per rendersi conto che la virgola prima della congiunzione genera tanta ambiguità quanta ne contribuisce a dissipare. :?

Intervieni

Chi c’è in linea

Utenti presenti in questa sezione: Nessuno e 1 ospite