Una strana polemica: il nome dialettale di «Aphia minuta»

Spazio di discussione su questioni di dialettologia italiana e italoromanza

Moderatore: Dialettanti

Ligure
Interventi: 160
Iscritto in data: lun, 31 ago 2015 13:18

Pesciolini e linguistica

Intervento di Ligure » lun, 01 feb 2016 13:29

Visto che siamo di fronte a un italiano sostanzialmente perfetto - spesso più curato di quello di molti che l'hanno come lingua madre - mi permetto - in modo del tutto benevolo - di richiamare l'attenzione su "specie fratelle". :wink:

Lungi da qualsiasi polemica - anche se quelle di tipo intellettuale non possono che risultare talora utili vista la grande quantità di "dogmi ingiustificati" in circolazione - mi permetto di osservare l'incongruenza tra l'interesse sincero per un dialetto e l'impulso apparentemente "irrefrenabile" a "restituirne" graficamente la pronuncia secondo le "categorie" e le "convenzioni" della lingua italiana, che sono - evidentemente - "altre".

E non gli appartengono.

In genovese - e mi sono anche dato la pena di chiarire perché - pignuêti ha un solo "t" e la correttezza della rappresentazione grafica aderente alla realtà dialettale non ne richiede altri.

Se si vogliono due "t" occorre ricorrere alla pronuncia settecentesca - pignuretti -.

La variazione pignuêti/gianchetti - che non potrebbe esistere in italiano - è proprio ciò che "costituisce" l' "essenza" di ciò che fu/era il genovese.

Una delle sue caratteristiche - e ben dimostrabili - peculiarità.

Volerla disconoscere soltanto in omaggio a grafie incongrue o a "dogmi" sciocchi che non hanno ragione di esistere - portati avanti da alcuni solo per ostinazione incompetente - equivale a non voler riconoscere l'oggetto di studio di cui ci si occupa.

Occorre partire dall'accettazione della realtà.

Anche se ci si limita ad aspetti lessicali, la fonetica e la fonologia faranno inevitabilmente capolino.

Altrimenti, ci si riduce al ruolo del badante che attesta che l'infermo è sfebbrato senza avergli neppure misurato la temperatura.

Ligure
Interventi: 160
Iscritto in data: lun, 31 ago 2015 13:18

Forme di rispetto

Intervento di Ligure » lun, 01 feb 2016 13:48

Ovviamente, l'adesione alle regole del forum - cui mi sono sempre uniformato e sempre mi atterrò scrivendo - non richiede la diretta manifestazione delle intenzioni personali.

Dato che, per altro, la manifestazione è stata effettuata e ha implicato un'intenzione di discriminazione nei miei confronti, non posso non prenderne atto.

Se l'intenzione di discriminazione nei miei confronti - che, comunque, non è detto possa giungere gradita - fosse dovuta all'assenza di piaggeria e di compiacenza di tipo personale da me sempre manifestate in merito alla correttezza e all'affidabilità delle risposte fornite - pur nell'ambito di un totale e indefettibile rispetto dell'interlocutore -, non potrei che sentirmene onorato.

Avatara utente
Infarinato
Amministratore
Interventi: 3623
Iscritto in data: gio, 04 nov 2004 10:40
Info contatto:

[FT] Regole di buona condotta

Intervento di Infarinato » lun, 01 feb 2016 14:15

cambrilenc ha scritto:Peccato, avevo la speranza che la sezione «Dialetti» fosse un po’ meno rigida di quelle "normali", dove alcuni filoni hanno un linguaggio così pomposo da renderli quasi illeggibili.
Non so a quali filoni si riferisca, ma qui non si tratta di «pompa», sibbene di educazione.

Peraltro, se Lei ha davvero concordato l’uso del «tu» con ciascuno degli altri partecipanti a questo filone di discussione (a parte, ovviamente, il sottoscritto), allora voglia scusare l’interferenza (e continui pure a usare il «tu» con le persone con cui l’ha concordato).

A Ligure vorrei soltanto suggerire di non essere cosí «parco» :mrgreen: nell’usufruire delle opzioni di formattazione offerte dal fòro e di evitare di andare a capo ogni 40–60 caratteri, fattori che rendono poco fruibili i suoi sempre interessanti interventi.

Grazie.

Avatara utente
Sixie
Interventi: 316
Iscritto in data: lun, 18 mag 2015 19:18
Località: Polesine

Intervento di Sixie » mar, 02 feb 2016 18:14

Adéu, caro Cambrilenc e mi dia pure del tu, se preferisce (ma solo in català). :)
We see things not as they are, but as we are. L. Rosten
Vediamo le cose non come sono, ma come siamo.

Intervieni

Chi c’è in linea

Utenti presenti in questa sezione: Nessuno e 1 ospite