«Brunch»

Spazio di discussione su prestiti e forestierismi

Moderatore: Cruscanti

Avatara utente
Marco1971
Moderatore
Interventi: 9560
Iscritto in data: gio, 04 nov 2004 13:37

«Brunch»

Intervento di Marco1971 » dom, 02 mar 2008 1:28

Nella lista abbiamo spuntino, merenda, che non paiono appropriati, o almeno non in senso proprio. La definizione di brunch data dal Treccani in linea è:

Nei paesi anglosassoni, pasto abbondante che si consuma nella tarda mattinata, di solito la domenica, sostituendo prima e seconda colazione. In Italia il termine si usa anche per indicare un pasto, per lo più leggero, consumato a metà mattina, generalmente in piedi e in compagnia, in occasione di incontri di lavoro, convegni, festeggiamenti, ecc.

Brunch è l’incrocio di br(eakfast) (‘colazione’) e (l)unch (‘pranzo’). Se ne potrebbe fare un pranzo-colazione, sennonché si perde in concisione e espressività; e allora si potrebbe accorciare con una parola macedonia, pràncola (forse meglio di prancòla, almeno come suono). E sicuramente ci sarebbero altre possibilità, come un semplice pranzino.

Il fatto è che molto spesso i forestierismi nell’uso da decenni (questo è attestato dal 1982) sono difficili da sradicare, per cui si dovrebbe allora tendere a assimilarli. E l’adattamento migliore mi parrebbe brancio.
Ma quella lingua si chiama d’una patria, la quale convertisce i vocaboli ch’ella ha accattati da altri nell’uso suo, et è sí potente che i vocaboli accattati non la disordinano, ma ella disordina loro.

Avatara utente
Infarinato
Amministratore
Interventi: 3621
Iscritto in data: gio, 04 nov 2004 11:40
Info contatto:

Re: «Brunch»

Intervento di Infarinato » dom, 02 mar 2008 14:37

Marco1971 ha scritto:Nella lista abbiamo spuntino, merenda, che non paiono appropriati, o almeno non in senso proprio.
In «senso proprio», no, non lo sono. Ma in questo caso io direi semplicemente brunch… e che gli anglosassoni si tengano pure le loro [troiaie] abitudini alimentari. :twisted:

Volendo tradurre quest’ultime nelle nostre, mi pare allora che spuntino o pranzo veloce siano invece appropriatissimi.

Avatara utente
Marco1971
Moderatore
Interventi: 9560
Iscritto in data: gio, 04 nov 2004 13:37

Intervento di Marco1971 » dom, 02 mar 2008 17:45

Vedo però che non sono l’unico pazzo ad aver pensato a prancola :D :

Ho fatto la mia “prancola” chiamo così il mio pseudo pranzo della domenica visto che mi alzo per l’una, quindi unisco pranzo e colazione insieme...

È bello non sentirsi soli... :)
Ma quella lingua si chiama d’una patria, la quale convertisce i vocaboli ch’ella ha accattati da altri nell’uso suo, et è sí potente che i vocaboli accattati non la disordinano, ma ella disordina loro.

fabbe
Interventi: 454
Iscritto in data: mar, 26 apr 2005 20:57

Intervento di fabbe » dom, 02 mar 2008 18:37

«colanzo» :?

Avatara utente
Marco1971
Moderatore
Interventi: 9560
Iscritto in data: gio, 04 nov 2004 13:37

Intervento di Marco1971 » dom, 02 mar 2008 19:02

Ottimo, Fabbe: colanzo1, colanzo2, colanzo3, colanzo4, ... :)
Ma quella lingua si chiama d’una patria, la quale convertisce i vocaboli ch’ella ha accattati da altri nell’uso suo, et è sí potente che i vocaboli accattati non la disordinano, ma ella disordina loro.

Avatara utente
Incarcato
Interventi: 900
Iscritto in data: lun, 08 nov 2004 13:29

Intervento di Incarcato » mer, 05 mar 2008 9:53

Io preferisco usare l'adattamento, e informalmente già l'uso, e è proprio brancio ( :wink: ), da cui poi si fa branciare.
Quindi, Marco, non sei solo nemmeno su questo lato. :mrgreen:
I' ho tanti vocabuli nella mia lingua materna, ch'io m'ho piú tosto da doler del bene intendere le cose, che del mancamento delle parole colle quali io possa bene esprimere il concetto della mente mia.

Andrea Russo
Interventi: 763
Iscritto in data: dom, 23 ott 2011 22:37

Intervento di Andrea Russo » lun, 13 ott 2014 23:09

Tra tutte mi garba di piú colanzo. Ma non prenderà mai piede se i ristoranti per attrarre le persone useranno sempre termini stranieri.

Avatara utente
Ferdinand Bardamu
Moderatore
Interventi: 4122
Iscritto in data: mer, 21 ott 2009 14:25
Località: Legnago (Verona)

Intervento di Ferdinand Bardamu » lun, 13 ott 2014 23:46

Visto che a qualcuno è già venuto in mente di chiamare l’aperitivo rinforzato apericena, perché non fare anche colapranzo?

Avatara utente
Animo Grato
Interventi: 1376
Iscritto in data: ven, 01 feb 2013 16:11

Intervento di Animo Grato » mar, 14 ott 2014 21:05

Ferdinand Bardamu ha scritto:[P]erché non fare anche colapranzo?
Lo preferisco nettamente a prancola e colanzo. Temo però che il prefisso[ide?] cola- (già presente e familiare grazie a colabrodo e [s]colapasta) possa offuscare la trasparenza del neologismo, anche se si tratta di due cola- senza nessun legame di parentela.
«Ed elli avea del cool fatto trombetta». Anonimo del Trecento su Miles Davis
«E non piegherò certo il mio italiano a mere (e francamente discutibili) convenienze sociali». Infarinato
«Prima l'italiano!»

domna charola
Interventi: 1064
Iscritto in data: ven, 13 apr 2012 9:09

Intervento di domna charola » mer, 15 ott 2014 8:53

..."la pranzicola"? o addirittura "il pranzicolo", che suggerisce l'idea di qualcosa di minimo, ridotto all'osso rispetto a un pranzo vero e proprio...

Ivan92
Interventi: 1416
Iscritto in data: gio, 28 nov 2013 20:59
Località: Castelfidardo (AN)

Intervento di Ivan92 » mer, 15 ott 2014 12:22

Io opterei per pranzicola. Mi sconfinfera!

Avatara utente
GFR
Interventi: 300
Iscritto in data: ven, 10 ott 2014 21:39

Intervento di GFR » mer, 15 ott 2014 15:03

Alcune proposte sono divertenti, ma le uniche praticabili sono quelle avanzate da Infarinato, tra le quali preferisco pranzo veloce. Se poi non si teme di fare la figura dei pedanti, secondo la mia modesta opinione, si potrebbe ricorrere al trattino di colazione-pranzo (che fa anche passare l'appetito ed evita di esagerare con le calorie :) )

Carnby
Interventi: 3540
Iscritto in data: ven, 25 nov 2005 19:53
Località: Empolese-Valdelsa

Intervento di Carnby » mer, 15 ott 2014 15:47

Seconda colazione! :wink:

domna charola
Interventi: 1064
Iscritto in data: ven, 13 apr 2012 9:09

Intervento di domna charola » mer, 15 ott 2014 15:51

Dissento. Secondo me non è questione di praticabilità, ma di usare un termine che abbia la medesima precisione di quello straniero che si vuole sostituire. Questo credo sia il requisito minimo, se si vuole almeno tentare una battaglia, altrimenti è inutile scendere in campo.

Quando si presentano oggetti nuovi, invenzioni, creazioni, animali, piante o qualsiasi altra cosa non in precedenza prevista, è d'uopo coniare un termine apposito per designarli; l'estensione di significato di un termine già esistente, infatti, non risolve affatto il problema, anzi, lo propone: come chiamare "quella cosa" evidenziandola rispetto a una categoria che è divenuta ormai troppo generica?

Nel nostro caso, un pranzo veloce può essere quello che fa il dipendente di un ufficio, recandosi in trattoria durante la pausa pranzo, oppure infilando la schiscetta nel microonde senza nemmeno lasciare il lavoro (da noi vedo girare pastasciutte, minestroni, carni nelle scatole termiche, quindi non si può certo parlare di "spuntino"), oppure quello che si fa quando non si ha tempo per un qualsiasi motivo.
Il termine, cioè, ricopre già una serie di significati.
Anzi, per essere precisi, è una sottocategoria, una specie, del genere "pranzo" (per dirla con Linneo), identificata con l'aggettivo che la distingue, "veloce".

Il brunch indica un concetto diverso, e non è nemmeno una specie di pranzo.
È un pasto intermedio fra colazione e pranzo, cioè un ibrido; è intermedio sotto diversi aspetti:
- l'orario a cui si consuma, fra le 10 e le 12;
- le tipologie di cibo che può comprendere, sia dolci che salate e comprensive di carni e/o pesci cotti;
- la fame che va a saziare, che si avvicina più a quella del pranzo che non al semplice cappuccio e cornetto della colazione.

Il tutto disposto su un tavolo da cui ci si può liberamente servire... e qui c'è tutta una ritualità di giri di ispezione, prima scelta, secondo giro, l'ultimo sfizio... insomma, niente a che vedere con il concetto di "veloce".

Posto poi che in genere è il tipico pasto della mattina di domenica, quando ci si sveglia tardi (mai alzati alle 11 pronti a mangiar spaghetti ma con l'impellente necessità di associarli a un caffè?...) e non si deve timbrare alcun cartellino, esso si associa piuttosto all'idea di spiluccare con calma dai vari vassoi offerti, che non a quella di mangiare di corsa per guadagnar tempo.

Avatara utente
Ferdinand Bardamu
Moderatore
Interventi: 4122
Iscritto in data: mer, 21 ott 2009 14:25
Località: Legnago (Verona)

Intervento di Ferdinand Bardamu » mer, 15 ott 2014 16:03

Grazie a Domna Charola per avere spiegato che cos’è davvero un brunch, a cui, personalmente, non sono mai stato. Quanto a colapranzo, è citato in questa pagina e pare essere la traduzione di una non meglio specificata parola inglese usata da un personaggio di una serie televisiva americana. Pare però che il designato sia diverso: da quel che ho capito, il colapranzo è una colazione rinforzata, non un pranzo anticipato, cioè nel colapranzo si mangiano cinque cornetti invece che uno…

Che ne dite allora di pranzo del mattino, pranzo mattutino oppure pranzo del risveglio? :roll:

Intervieni

Chi c’è in linea

Utenti presenti in questa sezione: Nessuno e 1 ospite